Pontificio Seminario Romano Minore

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

Il Pontificio Seminario Romano Minore ospita i ragazzi che frequentano le scuole secondarie. La sua sede si trova a Roma, in viale Vaticano 42, antistante l'eliporto della Città del Vaticano fuori le mura vaticane; l'edificio fu fatto costruire da Pio XI che incaricò del progetto l'architetto Giuseppe Momo agli inizi degli anni '30, ed entrò in funzione nel novembre del 1933.

La sede attuale

Attualmente l'edificio si articola su tre lati attorno ad un cortile centrale quadrangolare: l'ala orientale è interamente adibita a seminario, come parte di quella centrale, nella quale si trovano la Cappella maggiore dei santi Protomartiri Romani e la Cappella della Madonna della Perseveranza. La parte occidentale ospita la Casa Bonus Pastor, una struttura per pellegrini gestita dal Vicariato di Roma. All'interno dell'edificio, dai primi anni '70, si trova l'Istituto pontificio sant'Apollinare che occupa interamente la quarta ala, lungo il versante meridionale.

Rettori

Storia

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Pontificio Seminario Romano Maggiore.

La comunità del Seminario Romano precedentemente esistente, non era formata soltanto da giovani maturi già decisi a diventare sacerdoti, ma anche da più giovani ancora incerti della loro vocazione. Con la Costituzione apostolica In praecipuis[1] del 28 giugno 1913, Pio X suddivise e concentrò i seminari presenti in diocesi: creò il Seminario Maggiore accorpando il Collegio leoniano con il Lombardo per gli studi teologici e filosofici e il Seminario Minore facendovi confluire gli aspiranti impegnati negli studi ginnasiali del Seminario Romano e del Seminario Vaticano, dove fu mantenuta la sede fino al 1933. Pio XI, all'interno di un radicale intervento urbanistico in Vaticano affidato all'ingegniere Leone Castelli, pensò di edificarne la nuova sede. Nel 1926 incaricò del progetto l'architetto Giuseppe Momo, ma con la firma dei Patti Lateranensi del 11 febbraio 1929, ritenne di adibire la nuova costruzione a sede del Governatorato, nuovo organismo senza sede; già nel 1933 trasferì il seminario minore in un nuovo palazzo appositamente costruito subito fuori le mura vaticane dove si trova tutt'ora. Nel 1953, a causa delle mutate esigenze, Pio XII fece ampliare la struttura con l'edificazione di un ulteriore piano e di una nuova cappella dedicata alla Madonna della Perseveranza, patrona del seminario, inaugurata nel 1954.

Note
  1. Acta Apostolicae Sedis - Commentarium Officiale 1913, op. cit., p.p 297-300
Bibliografia
Collegamenti esterni


Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.