Francesco Roberti

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Francesco Roberti
Scannen0002 ROBERTI FRANCESCO +1977.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

ROBERTI FRANCESCO (+1977).jpg

{{{didascalia}}}
Dominus robur meum
Titolo cardinalizio
{{{titolo}}}
Età alla morte 88 anni
Nascita Pergola
7 luglio 1889
Morte Roma
16 luglio 1977
Sepoltura cimitero di Pergola (PU)
Appartenenza Arcidiocesi di Pesaro
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale Roma, 20 settembre 1902
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo 5 aprile 1962 da Giovanni XXIII
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile Roma, 19 aprile 1962 dal papa Giovanni XXIII
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
15 dicembre 1958 da Giovanni XXIII (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Francesco Roberti (Pergola, 7 luglio 1889; † Roma, 16 luglio 1977) è stato un cardinale e arcivescovo italiano, Prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica.


Biografia

La formazione e il ministero sacerdotale

Nato a Pergola, Arcidiocesi di Pesaro, il 7 luglio 1889, da Terenzio Roberti e Giuseppina Profili, fu battezzato lo stesso giorno.

Compiuti gli studi ginnasiali nel Seminario minore di Pesaro, dal 1899 proseguì gli studi teologici a Roma nel Pontificio Seminario Romano Maggiore dal 24 aprile 1902 al 1913 e in seguito, presso il Pontificio Ateneo Romano di "Sant'Apollinare", dove conseguì i dottorati in teologia, filosofia e in utroque iure.

Ordinato presbitero il 3 agosto 1913 a Pergola, svolse la sua attività pastorale nella diocesi di Roma a Tor di Mezzavia d'Albano e Torretta Massimi. Fu vice-rettore del Pontificio Seminario Romano Minore dal 1915 e rettore dal 1916 al 1929. Insignito il 2 marzo 1917 del titolo di Cameriere privato di Sua Santità, dall'anno successivo divenne Professore di diritto canonico presso il Pontificio Ateneo Romano "Sant'Apollinare" fino al 1938. Nominato il 23 marzo 1922 Prelato Domestico di Sua Santità, divenne Avvocato della Sacra Rota e del Sant'Uffizio dal 1927; referendario apostolico del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica dal 17 marzo 1928 e "prelato di voto" dal 27 novembre 1930. Nominato il 24 aprile 1931 Sottosegretario della Congregazione per i Seminari e le Università degli Studi, fu uno degli organizzatori e contributori del 4° Congresso Giuridico Internazionale per la commemorazione del 7° centenario dei decretali Liber Extra, di Gregorio IX e del XIV secolo del Codice Giustinianeo, celebrato a Roma dal 12 al 17 novembre 1934. Ufficiale del vicariato romano, il 9 marzo 1946 divenne Segretario della Sacra Congregazione del Concilio e Consultore di giustizia della Segreteria di Stato dal 6 ottobre 1952.

Il cardinalato

Creato cardinale nel concistoro del 15 dicembre 1958 da Giovanni XXIII, ricevette la diaconia del titolo di Santa Maria in Cosmedin il 18 dicembre dello stesso anno. Il 14 novembre 1959 fu nominato Prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica.

Il ministero episcopale

Eletto Arcivescovo titolare di Colonnata il 5 aprile 1962, fu consacrato il 19 aprile seguente nella Basilica di San Giovanni in Laterano da Papa Giovanni XXIII, assistito dal cardinale Giuseppe Pizzardo e dal cardinale Benedetto Aloisi Masella. Nella stessa cerimonia sono stati consacrati i cardinali Joaquín Anselmo María Albareda, Antonio Bacci, Augustin Bea, Francesco Bracci, Michael Browne, William Theodore Heard, Alberto di Jorio, André Jullien, Arcadio María Larraona, Francesco Morano e Alfredo Ottaviani. Il suo motto episcopale era Dominus robur meum. Il 4 aprile 1961 fu nominato membro della Pontificia Commissione Centrale Preparatoria [1]. Il 4 settembre fu nominato Presidente del Tribunale Amministrativo del Concilio Ecumenico Vaticano II [2]. Partecipò al Concilio Vaticano II dal 1962 al 1965 e al conclave del 1963, che elesse Papa Paolo VI. Optato per il titolo di Cardinale presbitero dei Santi XII Apostoli il 26 giugno 1967 rassegnò le dimissioni dall'incarico di prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica il 24 marzo 1969, divenendone prefetto emerito. Perse il diritto di partecipare al conclave il 1º gennaio 1971.

La morte

Morì a Roma il 16 luglio 1977: fu sepolto nella tomba di famiglia a Pergola.

Genealogia episcopale


Successione degli incarichi

Predecessore: Sottosegretario della Congregazione per i Seminari e le Università degli Studi Successore: Emblem Holy See.svg
- 24 aprile 1931 - 5 giugno 1936 Mariano Rampolla del Tindaro I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
- {{{data}}} Mariano Rampolla del Tindaro
Predecessore: Segretario della Sacra Congregazione del Concilio Successore: Emblem Holy See.svg
Giuseppe Bruno 9 marzo 1946 - 15 dicembre 1958 Pietro Palazzini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giuseppe Bruno {{{data}}} Pietro Palazzini
Predecessore: Consulente di giustizia della Segreteria di Stato Successore: Emblem Holy See.svg
- 6 ottobre 1952 - 15 dicembre 1958 Dino Staffa I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
- {{{data}}} Dino Staffa
Predecessore: Cardinale diacono di Santa Maria in Cosmedin Successore: CardinalCoA PioM.svg
Alessandro Verde 18 dicembre 1958 - 26 giugno 1967 vacante I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Alessandro Verde {{{data}}} vacante
Predecessore: Prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica Successore: Emblem Holy See.svg
Gaetano Cicognani
(pro-prefetto)
14 novembre 1959 - 24 marzo 1969 Dino Staffa I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Gaetano Cicognani
(pro-prefetto)
{{{data}}} Dino Staffa
Predecessore: Vescovo titolare di Colonnata
(titolo personale di arcivescovo)
Successore: BishopCoA PioM.svg
- 5 aprile - 19 aprile 1962 Enrique Alvear Urrutia I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
- {{{data}}} Enrique Alvear Urrutia
Predecessore: Cardinale presbitero dei Santi XII Apostoli Successore: CardinalCoA PioM.svg
Ignace Gabriel I Tappouni 26 giugno 1967 - 16 luglio 1977 Agostino Casaroli I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Ignace Gabriel I Tappouni {{{data}}} Agostino Casaroli


Bibliografia
  • Pietro Palazzini, Card. Francesco Roberti, Libreria editrice della Pontificia Università lateranense, Roma 1963, pp. 222-224;
  • Pietro Palazzini, Commemorazione del cardinale Francesco Roberti, Apollinaris, 1963, pp. 222-224; (LI) 1978, 5-15
Note
  1. Acta Apostolicae Sedis - Commentarium Officiale, Anno 1961, pag. 749 online
  2. Acta Apostolicae Sedis - Commentarium Officiale, Anno 1962, pag 688 online

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.