Vescovo coadiutore

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

Il Vescovo Coadiutore è un Vescovo Ausiliare con diritto di successione al Vescovo che assiste. Questo significa che quando il vescovo diocesano con il quale coadiuva si ritira, rinuncia, è trasferito o muore, il coadiutore diventa ipso facto, in pratica da subito, il Vescovo di quella Chiesa particolare.Egli svolge quindi il ruolo di Vicario Generale oltre quello di Vescovo Ausiliare. Il Vescovo diocesano dovrà preferibilmente dargli il mandato speciale richiesto, a volte, dalle norme per porre in essere un atto amministrativo valido.

Il vescovo coadiutore di un'Arcidiocesi viene chiamato Arcivescovo Coadiutore.

La figura del vescovo coadiutore è presente nella gerarchia della Chiesa cattolica come pure nella Comunione anglicana.

Nella Chiesa cattolica

Prima della promulgazione del nuovo Codice di Diritto Canonico nel 1983 vi era distinzione tra i vescovi coadiutori cum iure successionis ("con diritto di successione") e quelli senza tale diritto. Accadeva quindi che mentre alcuni coadiutori subentravano di diritto, per altri non era prevista questa eventualità.

Oggi, un coadiutore è nominato nei casi in cui un Vescovo diocesano sente, per ragioni di salute o perché è vicino all'età delle dimissioni, di non riuscire a reggere in modo adeguato la Diocesi. In questi casi il Papa può assegnargli un coadiutore, per dare al futuro pastore il tempo di conoscere la Diocesi che alla fine dovrà guidare, e per facilitare, in questo modo, la successione.

Nella Comunione Anglicana

Nella Comunione Anglicana il Vescovo Coadiutore è un vescovo eletto per seguire il titolare diocesano in prossimità della morte o delle dimissioni.

In qualche provincia della Comunione, come la Chiesa d'Inghilterra, il Vescovo Coadiutore è nominato, mentre in altre, come la Chiesa episcopale degli Stati Uniti d'America, viene eletto. In quest'ultima, infatti, quando un vescovo diocesano annuncia le dimissioni, si tiene un'assemblea diocesana per eleggere il coadiutore.

Di solito il coadiutore presta servizio per breve tempo prima delle dimissioni del precedente; quando questi si è dimesso diventa Vescovo Diocesano.

Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.