Abbazia di Luxeuil

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Jump to navigation Jump to search
Abbazia Saint-Pierre et Saint-Paul de Luxeuil
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
LuxeuilPalaisAbbatial.jpg
Palazzo abbaziale
Altre denominazioni
Stato Francia
Regione Vosgi (regione francese)
Dipartimento {{{Provincia}}}
Comune Luxeuil-les-Bains
Località {{{Località}}}
Diocesi
Religione Cattolica
Indirizzo {{{Indirizzo}}}
Telefono {{{Telefono}}}
Fax {{{Fax}}}
Posta elettronica [mailto: ]
Sito web

[http:// Sito ufficiale]

Sito web 2
Proprietà {{{Proprietà}}}
Oggetto tipo Abbazia
Oggetto qualificazione {{{Oggetto qualificazione}}}
Dedicazione
Vescovo {{{Vescovo}}}
Sigla Ordine qualificante O.S.B.
Sigla Ordine reggente O.S.B.
Fondatore {{{Fondatore}}}
Data fondazione {{{Data fondazione}}}
Architetto


Stile architettonico gotico
Inizio della costruzione {{{InizioCostr}}}
Completamento
Distruzione {{{Distruzione}}}
Soppressione {{{Soppressione}}}
Ripristino {{{Ripristino}}}
Scomparsa {{{Scomparsa}}}
Data di inaugurazione {{{AnnoInaugur}}}
Inaugurato da {{{InauguratoDa}}}
Data di consacrazione 590
Consacrato da {{{ConsacratoDa}}}
Data di sconsacrazione {{{Sconsacrazione}}}
Sconsacrato da {{{SconsacratoDa}}}
Titolo
Strutture preesistenti {{{Strutture preesistenti}}}
Pianta {{{Pianta}}}
Tecnica costruttiva {{{Tecnica costruttiva}}}
Materiali {{{Materiali}}}
Data della scoperta {{{Data scoperta}}}
Nome scopritore {{{Nome scopritore}}}
Datazione scavi {{{Datazione scavi}}}
Scavi condotti da {{{Scavi condotti da}}}
Altezza Massima {{{AltezzaMassima}}}
Larghezza Massima {{{LarghezzaMassima}}}
Lunghezza Massima {{{LunghezzaMassima}}}
Profondità Massima {{{ProfonditàMassima}}}
Diametro Massimo {{{DiametroMassimo}}}
Altezza Navata {{{AltezzaNavata}}}
Larghezza Navata {{{LarghezzaNavata}}}
Superficie massima {{{Superficie}}}
Altitudine {{{Altitudine}}}
Iscrizioni {{{Iscrizioni}}}
Marcatura {{{Marcatura}}}
Utilizzazione {{{Utilizzazione}}}
Note {{{Note}}}
Coordinate geografiche
47°48′59″N 6°22′53″E / 47.816389, 6.381389 bandiera Francia
Patrimonio UNESCO.png Patrimonio dell'umanità
{{{nome}}}
{{{nomeInglese}}}
[[Immagine:{{{immagine}}}|240px]]
Tipologia {{{tipologia}}}
Criterio {{{criterio}}}
Pericolo Bene non in pericolo
Anno [[{{{anno}}}]]
Scheda UNESCO
[[Immagine:{{{linkMappa}}}|300px]]
[[:Categoria:Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}|Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}]]

Il monastero di Saint-Pierre et Saint-Paul de Luxeuil si trova a Luxeuil-les-Bains nei Vosgi francesi. Venne fondato nel 590 da san Colombano, ciò permise, all'antico insediamento romano Luxovium di rivivere per un secolo durante del scorribande dei Saracene subì una nuova distruzione, con Carlo Magno venne riedificato e la vita monastica venne regolata non più sotto la regola di san Colombano, ma di San Benedetto.

Il monastero fu rinomato per il suo scriptorium, attivo probabilmente si dalla fondazione, fu probabilmente il luogo di nascita della prima scrittura carolingia minuscola, con ornamenti improntati alla grammatica decorativa irlandese. Uno dei manoscritti più conosciuti probabilmente redatto in questo monastero e il Lezionario di Luxeuil detto lectionarium gallicanum della fine del XII secolo.

Storia

Lectionnarium gallicanum . Manoscritto Latino 9427. (f° 144) della Bibliothèque Nationale.

Fondato dal missionario irlandese Colombano tra il 585 e il 590, sulle rovine di una città con terme romana distrutta da Attila nel 451.

Grazie alla benevolenza e ai doni del re merovingio Childeberto II fu possibile costruire riutilizzando il materiale degli antichi templi caduti in rovina per edificare un monastero consacrato a Cristo.

« ut, ubi olim prophano ritu veteres coluerunt fana, ibi Christi figerentur arae et erigerentur vexilla, habitaculum Deo militantium, quo adversus aërias potestates dimicarent superni Regis tirones »

La chiesa abbaziale venne consacrata a San Pietro e San Paolo e sotto l'impulso intellettuale dei monaci irlandese l'abbazia divenne rapidamente uno dei monasteri più importanti del centro Europa. La comunità monastica era così numerosa che la liturgia poteva essere celebrata ininterrottamente giorno e notte nella laus perennis, come già si faceva nell'Abbazia di San Maurizio.

Colombano venne esiliato da Luxeuil da Teodorico II adducendo come motivo il fatto che sotto la sua direzione i monaci celebravano la Pasqua secondo il calendario irlandese e non romano. Gli successe alla guida del cenobio Sant' Eustasio di Luxeuil sotto la sua guida il seminario crebbe in scienza e fama, contribuendo grandemente alla conversione del popolo dei Burgundi. Da Luxeuil si diramarono tre comunità monastiche: quella di Bobbio dove Colombano ne divenne il nuovo abate, Saint-Valery-sur-Somme e Remiremont.

Nel 731 i Saraceni durante una incursione in Gallia distrussero il monastero, a queste prime distruzione fecero seguito quelle dei Normanni, con vari saccheggi. Sotto il re franco Luigi il Pio la comunità monastica abbracciò la regola di San Benedetto.

A partire dal XV secolo l'abbazia venne retta da un abate commendatario che ne favorì una rapida decadenza. Questa carica venne soppressa nel 1634 e l'abbazia fusionò con la Congregazione dei Santi Vitone e Idulfo riprendendo forza. I monaci furono cacciati durante la rivoluzione francese gli edifici venduti e in seguito in gran parte distrutti. Oggi restano il chiostro il palazzo abbaziale e la basilica Saint-Pierre XIV secolo dalla superba architettura gotica.

Note


Voci correlate
Bibliografia
  • (FR) Leon Lecestre, Abbayes, prieurès et couvents d'hommes... d'après les papiers de la commission des réguliers, Paris, 1902,
Collegamenti esterni