Anello episcopale di papa Pio IX

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Vaticano SagrestiaPontificia AnelloPioIX 1871.JPG
Anello episcopale di papa Pio IX, oro con acquamarina e rubini
Anello di papa Pio IX
Opera d'Arte
Stato

bandiera Città del Vaticano

Regione [[]]
Regione ecclesiastica [[|]]
Provincia
Comune

bandiera Città del Vaticano

Località
Diocesi Roma
Vicariatus Urbis
Parrocchia o Ente ecclesiastico
Ubicazione specifica Basilica di San Pietro in Vaticano, Sagrestia Pontificia
Uso liturgico nessuno
Comune di provenienza
Luogo di provenienza
Oggetto anello episcopale
Soggetto
Datazione 1871
Datazione
Datazione Fine del {{{fine del}}}
inizio del {{{inizio del}}}
Ambito culturale


Altre attribuzioni
Materia e tecnica oro con acquamarina e rubini
Misure
Iscrizioni Expletis annis Petris; Hoc signo vinces; 24 agosto 1871
Stemmi, Punzoni, Marchi Stemma di papa Pio IX
Note
Opera datata
Collegamenti esterni

L'Anello episcopale di papa Pio IX, realizzato nel 1871, in oro con acquamarina e rubini, è ora conservato presso la Sagrestia Pontificia della Basilica di San Pietro in Vaticano a Roma.

Descrizione

L'anello episcopale si presenta:

  • realizzato in oro, con al centro un'acquamarina, con taglio misto ovale del peso di quasi 25 carati, sulla quale sono incassati quattro piccoli rubini sfaccettati, disposti a croce;
  • gambo regolabile con iscrizioni.

Iscrizione

Sul gambo si leggono due iscrizioni commemorative in latino:

« Expletis annis Petris »
« Hoc signo vinces »

Inoltre, ai bordi del castone si trova un'altra iscrizione, dove si legge la datazione dell'opera:

« 24 agosto 1871 »

Stemma

Ai bordi del castone dell'anello si trova:

Notizie storico-critiche

L'anello fu donato a papa Pio IX (1846 - 1878) dalla regina Vittoria d'Inghilterra (18191901), nel 1871, per ricordare il compimento degli stessi anni di pontificato di san Pietro apostolo.

In seguito, il pontefice donò l'anello a mons. Antonio Sbrolli (1828 - 1888), vescovo di Pitigliano-Sovana-Orbetello, in occasione della sua ordinazione episcopale.

Il gioiello, per successione ereditaria, passò quindi alla sig.ra Natalina Sbrolli Sonzogno che lo offrì alla Santa Sede.

Bibliografia
  • Giampiero Ceccarelli et al. (a cura di), Santi e Papi in terra d'Umbria. Arte e Fede nelle otto Chiese sorelle, Nuova Eliografica, Spoleto 2007, p. 51 ISBN 9788887648584
Voci correlate
Firma documento.png

Il contenuto di questa voce è stato firmato il giorno 5 agosto 2013 da Teresa Morettoni, esperta in museologia, archeologia e storia dell'arte.

Il firmatario ne garantisce la correttezza, la scientificità, l'equilibrio delle sue parti.

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.