Graves de Communi Re

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Graves de Communi Re
Lettera enciclica di Leone XIII
LXXVII di LXXXVI di questo papa
C o a Leone XIII.svg
Data 18 gennaio 1901
(XXIII di pontificato)
Traduzione del titolo ---
Argomenti trattati La democrazia cristiana
Enciclica precedente Tametsi Futura Prospicientibus
Enciclica successiva Gravissimas

(EN) Testo integrale sul sito della Santa Sede.

Tutti i documenti di Leone XIII
Tutte le encicliche

Graves de Communi Re è un'enciclica sociale di Papa Leone XIII, datata 18 gennaio 1901.

Assieme alla Rerum Novarum, questa nuova enciclica rappresenta il compendio della politica sociale di Leone XIII.

Il Pontefice inizia la sua enciclica analizzando le varie denominazioni usate per le istituzioni di carattere sociale e politico sorte dopo la Rerum Novarum, come i segretariati del popolo, le casse rurali, le società di mutuo soccorso e di previdenza.

Si felicita perché certe denominazioni, come socialismo cristiano, sono cadute in disuso; mentre considera la nascita di altre denominazioni, come "azione popolare cristiana", detta anche semplicemente "democrazia cristiana". Per la prima volta questo nome appare in un documento papale. Ma il Pontefice non lo intende in senso politico, bensì in senso strettamente sociale, come « benefica azione cristiana a favore del popolo » Inoltre Leone XIII raccomandava l’unità dei cattolici in questa azione, sotto la direzione dell’Opera dei Congressi e dei Vescovi italiani. In questo modo il Papa escludeva pure che questa « azione » avesse un qualsiasi carattere politico.

Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.