Lavanda dei piedi (Giovanni Agostino da Lodi)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Venezia GalAccademia G.Antonio.daLodi LavandaPiedi 1500.jpg
Giovanni Agostino da Lodi, Lavanda dei piedi (1500), olio su tavola
Lavanda dei piedi
Opera d'arte
Stato

bandiera Italia

Regione Stemma Veneto
Regione ecclesiastica Triveneto
Provincia Venezia
Comune

Stemma Venezia

Località
Diocesi Venezia
Parrocchia o Ente ecclesiastico
Ubicazione specifica Gallerie dell'Accademia, sala XIX
Uso liturgico nessuno
Comune di provenienza
Luogo di provenienza
Oggetto dipinto
Soggetto Gesù Cristo lava i piedi agli Apostoli
Datazione 1500
Datazione
Datazione Fine del {{{fine del}}}
inizio del {{{inizio del}}}
Ambito culturale
Autore

Giovanni Agostino da Lodi
detto Pseudo Boccaccino

Altre attribuzioni
Materia e tecnica olio su tavola
Misure h. 132 cm, l. 111 cm
Iscrizioni MCCCCC
Stemmi, Punzoni, Marchi
Note
opera datata
Collegamenti esterni
Virgolette aperte.png

1Prima della festa di Pasqua Gesù, sapendo che era giunta la sua ora di passare da questo mondo al Padre, dopo aver amato i suoi che erano nel mondo, li amò sino alla fine. 2Mentre cenavano, quando già il diavolo aveva messo in cuore a Giuda Iscariota, figlio di Simone, di tradirlo, 3Gesù sapendo che il Padre gli aveva dato tutto nelle mani e che era venuto da Dio e a Dio ritornava, 4si alzò da tavola, depose le vesti e, preso un asciugatoio, se lo cinse attorno alla vita. 5Poi versò dell'acqua nel catino e cominciò a lavare i piedi dei discepoli e ad asciugarli con l'asciugatoio di cui si era cinto....
6Venne dunque da Simon Pietro e questi gli disse: «Signore, tu lavi i piedi a me?». 7Rispose Gesù: «Quello che io faccio, tu ora non lo capisci, ma lo capirai dopo». 8Gli disse Simon Pietro: «Non mi laverai mai i piedi!». Gli rispose Gesù: «Se non ti laverò, non avrai parte con me». 9Gli disse Simon Pietro: «Signore, non solo i piedi, ma anche le mani e il capo!». 10Soggiunse Gesù: «Chi ha fatto il bagno, non ha bisogno di lavarsi se non i piedi ed è tutto mondo; e voi siete mondi, ma non tutti». 11Sapeva infatti chi lo tradiva; per questo disse: «Non tutti siete mondi». 12Quando dunque ebbe lavato loro i piedi e riprese le vesti, sedette di nuovo e disse loro: «Sapete ciò che vi ho fatto? 13Voi mi chiamate Maestro e Signore e dite bene, perché lo sono. 14Se dunque io, il Signore e il Maestro, ho lavato i vostri piedi, anche voi dovete lavarvi i piedi gli uni gli altri. 15Vi ho dato infatti l'esempio, perché come ho fatto io, facciate anche voi.
Virgolette chiuse.png

La Lavanda dei piedi è un dipinto, eseguito nel 1500, ad olio su tavola da Giovanni Agostino da Lodi detto Pseudo Boccaccino (1470 ca. - 1519), conservato presso le Gallerie dell'Accademia a Venezia.

Descrizione

La scena della Lavanda dei piedi è ambientata nella sala del Cenacolo visibile nella penombra, dove compaiono:

  • Gesù Cristo, cinto ai fianchi con un asciugamano, è inginocchiato davanti a san Pietro, al quale si appresta a lavare i piedi e sembra quasi infastidito dall'incapacità degli Apostoli di comprendere questo gesto di umiltà e purificazione.
  • Apostoli, allineati in secondo piano, assistono in piedi alla scena e sorpresi dalla lavanda dei piedi voluta da Gesù, che li lascia un po' sbigottiti. Essi, comunque, tolti i calzari attendono il loro turno.
  • San Pietro seduto sopra un gradino marmoreo, ha una reazione di stupore, dettata dalla sua schietta umanità, manifestando la sua incomprensione ed una certa agitazione.
  • Servo, sulla destra, sta per porgere a Gesù la spugna per asciugare i piedi a san Pietro.

Inoltre, nella scena sono presenti alcuni dettagli, resi con grande cura (tanto da rimandare allo studio delle opere fiamminghe), spesso di valore simbolico, come:

  • sandalo slacciato di san Pietro;
  • bacinella, in maiolica, colma d'acqua, che dà all'artista la possibilità di cimentarsi nella realizzazione di riflessi di "lustro".

Iscrizione

Nel dipinto figura un'iscrizione collocata sul gradino marmoreo, sul quale è seduto san Pietro, dove si legge la datazione dell'opera:

« MCCCCC »

Notizie storico-critiche

Nel 1856, l'opera è stata acquistata dalle Gallerie dell'Accademia di Venezia dalla collezione Manfrin.

Bibliografia
  • Stefano Zuffi, Episodi e personaggi del Vangelo, Editore Mondadori-Electa, Milano 2002, p. 252 - ISBN 9788843582594
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.