Monumento funebre di Niccolò Brenzoni (Nanni di Bartolo e Pisanello)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Verona ChSFermoMaggiore NanniBartolo+Pisanello MonumentoFunebreNiccolòBrenzoni 1426.jpg
Nanni di Bartolo e Pisanello, Monumento funebre di Niccolò Brenzoni (1424 - 1426), marmo ed affresco
Monumento funebre di Niccolò Brenzoni
Opera d'arte
Stato

bandiera Italia

Regione Stemma Veneto
Regione ecclesiastica Triveneto
Provincia Verona
Comune

Verona

Località
Diocesi Verona
Parrocchia o Ente ecclesiastico
Ubicazione specifica Chiesa di San Fermo Maggiore, parete sinistra
Uso liturgico quotidiano
Comune di provenienza Verona
Luogo di provenienza ubicazione originaria
Oggetto monumento funebre
Soggetto Resurrezione di Gesù Cristo; Annunciazione; San Raffaele arcangelo; San Michele arcangelo
Datazione 1424- 1426
Datazione
Datazione Fine del {{{fine del}}}
inizio del {{{inizio del}}}
Ambito culturale gotico internazionale
Autore

Pisanello (Antonio di Puccio Pisano)

Altre attribuzioni
Materia e tecnica marmo scolpito, affresco
Misure
Iscrizioni PISANVS PINSIT
Stemmi, Punzoni, Marchi
Note
opera firmata
Collegamenti esterni

La Monumento funebre di Niccolò Brenzoni è un'opera, eseguita tra il 1424 ed il 1426, dallo scultore Nanni di Bartolo (doc. 1419 - 1451) e dal pittore Antonio di Puccio Pisano, detto Pisanello (1395 ca. - 1455 ca.), ubicato sulla parete sinistra della Chiesa di San Fermo Maggiore di Verona.

Descrizione

Monumento funebre

Il monumento funebre, vero e proprio, è composto da:

  • sarcofago nel quale sono poste le spoglie del defunto;
  • in alto, due statue raffiguranti rispettivamente:
  • in basso, si trovano:
    • quattro guardie addormentate su un suolo roccioso, secondo l'iconografia tradizione della Resurrezione di Gesù;
    • due figure femminili, in posizione leggermente rialzata, affiancano i quattro soldati addormentati.
  • ai lati, si notano:
    • due angeli che scoprono il drappo formando una specie di tenda triangolare;
  • sulla sommità si trova una scultura raffigurante Dio Padre, inserita in un'edicola dipinta.

Decorazione pittorica

Il monumento funebre è inquadrato da una cornice quadrangolare, fatta da una treccia in pastiglia, che ricama anche il profilo dei tendaggi.

Entro la cornice, ai lati del tendaggio, si trova l’Annunciazione, ambientata all’esterno dell’abitazione della Madonna e all’interno della camera di Maria Vergine, dove compaiono:

  • a sinistra, san Gabriele arcangelo annunciante che presenta dei capelli molto vaporosi, colti nel momento dell'atterraggio, e delle ali blu di lapislazzuli (quasi nulla di tutto ciò è visibile a causa della caduta del colore e dell'ossidazione delle parti metalliche, che ora risultano essere nere). L'Arcangelo è affiancato, in basso, da due colombi dal soffice piumaggio, dipinti con la massima cura naturalistica.
  • Maria Vergine annunciata, raffigurata all’interno di un edificio con cupola dorata e con parti a rilievo; essa è incoronata da un'aureola punzonata e doveva avere il mantello azzurro chiaro; è colta dall'Arcangelo nel momento della preghiera, affiancata, in basso, da un cane con uno splendido collare. L'interno della camera da letto della Madonna è reso profano da Pisanello con un letto profilato d'oro con cuscini, un tappeto orientale, un arazzo con una scena di corteggiamento, creando un ambiente tipicamente gotico.

Oltre la cornice si dispiega un pergolato formato da graticci vegetali, dove si vedono vari animali e specie vegetali, culminanti in due cuspidi ai lati, dove sono collocati:

Iscrizione

Nel monumento funebre si trova un'iscrizione, dove si legge la firma di uno dei due artisti:

« PISANVS PINSIT »

Notizie storico-critiche

Il monumento funebre fu realizzato tra il 1424 e il 1426 dallo scultore fiorentino Nanni di Bartolo e completato con la decorazione pittorica eseguita dal veronese Pisanello, per Niccolò Brenzoni, un ricco cittadino veronese morto nel 1422.

Alcuni studiosi ipotizzano che i due artisti si siano conosciuti in quest’occasione per volontà dei committenti, altri che si erano già incontrati durante un soggiorno fiorentino di Pisanello nel 1423, al seguito di Gentile da Fabriano di cui era allievo.

Il monumento funebre subì nei secoli vari rimaneggiamenti, che i restauri moderni hanno risolto solo in parte. La parte inferiore destra fu distrutta probabilmente alla fine del XVIII secolo o agli inizi del XIX, mentre nel 1831 andò perduto lo stemma affrescato della famiglia Brenzoni. Inoltre, con il tempo, la superficie pittorica subì vari danni, soprattutto nella parte superiore.

Galleria fotografica

Bibliografia
  • Filippa M. Aliberti Gaudioso (a cura di), Pisanello: i luoghi del gotico internazionale nel Veneto. Catalogo della mostra, Editore Electa, Milano 1996, pp. 40 - 45
  • Carlo Bertelli et. al., Storia dell'Arte Italiana, vol. 2, Electa - Bruno Mondadori Editore, Milano 1990, pp. 96 - 97 ISBN 9788842445227
  • Lionello Puppi (a cura di), Pisanello. Una poetica dell'inatteso, Editore Hazan, 1996, pp. 48 - 58
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.