Salomè con la testa di san Giovanni Battista (Alonso Berruguete)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Firenze GalUffizi A.Berruguete Salomè+TestaBattista 1512-17.jpg
Alonso Berruguete, Salomè con la testa di san Giovanni Battista (1512 - 1517), olio su tavola
Salomè con la testa di san Giovanni Battista
Opera d'arte
Stato

bandiera Italia

Regione Stemma Toscana
Regione ecclesiastica Toscana
Provincia Firenze
Comune

Stemma Firenze

Località
Diocesi Firenze
Parrocchia o Ente ecclesiastico
Ubicazione specifica Galleria degli Uffizi
Uso liturgico nessuno
Comune di provenienza
Luogo di provenienza
Oggetto dipinto
Soggetto Salomè con la testa di san Giovanni Battista
Datazione 1512 - 1517
Datazione
Datazione Fine del {{{fine del}}}
inizio del {{{inizio del}}}
Ambito culturale Rinascimento spagnolo
Autore

Alonso Berruguete

Altre attribuzioni
Materia e tecnica olio su tavola
Misure h. 87,5 cm; l. 71 cm
Iscrizioni
Stemmi, Punzoni, Marchi
Note
Collegamenti esterni
Virgolette aperte.png
Venne però il giorno propizio, quando Erode per il suo compleanno fece un banchetto per i grandi della sua corte, gli ufficiali e i notabili della Galilea. Entrata la figlia (Salomè) della stessa Erodìade, danzò e piacque a Erode e ai commensali. Allora il re disse alla ragazza: «Chiedimi quello che vuoi e io te lo darò». E le fece questo giuramento: «Qualsiasi cosa mi chiederai, te la darò, fosse anche la metà del mio regno». La ragazza uscì e disse alla madre: «Che cosa devo chiedere?». Quella rispose: «La testa di Giovanni il Battista». Ed entrata di corsa dal re fece la richiesta dicendo: «Voglio che tu mi dia subito su un vassoio la testa di Giovanni il Battista». Il re divenne triste; tuttavia, a motivo del giuramento e dei commensali, non volle opporle un rifiuto. Subito il re mandò una guardia con l'ordine che gli fosse portata la testa. La guardia andò, lo decapitò in prigione e portò la testa su un vassoio, la diede alla ragazza e la ragazza la diede a sua madre.
Virgolette chiuse.png

Salomè con la testa di san Giovanni Battista è un dipinto, eseguito tra il 1512 ed il 1517, ad olio su tavola, dal pittore spagnolo Alonso Berruguete (14881561), conservato presso la Galleria degli Uffizi di Firenze.

Descrizione

Soggetto

La scena del dipinto si svolge sullo sfondo di una parete scura, che rivela a sinistra un paesaggio nordico, davanti al quale compaiono:

  • Salomè seduta, con un espressione inorridita ma determinata, ha già ricevuto dal carnefice la testa mozzata di san Giovanni Battista che tiene in vassoio. Le sue forme sono allungate e sinuose, accentuate dai panneggi e dal velo trasparente, sulla sua testa, mosso dal vento. La donna presenta una posa molto elegante, che ricorda la danza seducente appena conclusa
  • san Giovanni Battista decapitato, ha nel volto un’espressione caricata e deformata, che sembra rifarsi all'iconografia di Golia.

Notizie storico-critiche

L'opera compare nell'inventario della Galleria degli Uffizi, redatto nel 1795, come Erodiade con la recisa testa del precursore, attribuita a Federico Barocci, e trasferita "dal guardaroba al Palazzo di Residenza".

Solo nel 1952, in occasione di una mostra a Napoli, il dipinto venne assegnato, su indicazione dello storico dell’arte Roberto Longhi (18901970) al pittore spagnolo Alonso Berruguete, attribuzione confermata dalla critica successiva.

Bibliografia
  • Amedeo Giampaglia, Il Rinascimento in Europa: Dürer, Bruegel, El Greco: la riscoperta di Dio nell’uomo, col. "La Bellezza di Dio. L’Arte ispirata dal Cristianesimo", Edizioni San Paolo, Palazzolo sull’Oglio (BS) 2003, pp. 78 – 79
  • Federico Zeri, Alonso Berruguete: una "Madonna con san Giovannino, in "Paragone", 1953, pp. 78 – 79
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.