Sede titolare di Cirene

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Cirene
Sede vescovile titolare
Dioecesis Cyrenensis
Patriarcato di Alessandria
Sede titolare di Cirene
Vescovo titolare: sede vacante
Arcivescovo titolare: {{{arcivescovo}}}
Sede vacante
Suffraganea
Nuvola apps important.svg
Ci sono degli errori relativi alla categorizzazione automatica dovuti al fatto che alcuni parametri non sono stati valorizzati!
  • Parametro: suffraganeadi

Vedi {{Sede titolare della chiesa cattolica/man}}

La voce è stata segnalata nella Categoria:Diocesi della chiesa cattolica/warning.

Istituita: XV secolo
Soppressa: {{{sedetitolaresoppressa}}}
Stato: Libia
Nazione bandiera Libia
Regione:
Località: Cirene
collocazione
geografica:
[[Immagine:{{{mappacollocazione}}}|200 px]]
Diocesi soppressa di Cirene
Diocesi suffraganee:
Eretta: circa I secolo
Soppressa: circa VII secolo
'

Dati dall'annuario pontificio

Elenco delle sedi titolari della Chiesa cattolica
Tutte le sedi titolari

La diocesi di Cirene (in latino: Dioecesis Cyrenensis) è una sede soppressa del patriarcato di Alessandria e una sede titolare della Chiesa cattolica.

Storia

Le rovine di Cirene si trovano nell'odierna Libia orientale, presso l'attuale cittadina di Shahhat, nella municipalità di Al Jabal al Akhdar.

Cirene è menzionata fin dagli albori del cristianesimo: il vangelo ricorda un certo Simone di Cirene che aiutò Gesù a portare la croce al Golgota. Gli Atti degli Apostoli affermano che nel giorno della Pentecoste, vi erano a Gerusalemme fedeli provenienti da Cirene (Atti 2,10). Secondo la tradizione della Chiesa copta, san Marco sarebbe originario di Cirene e avrebbe convertito molti suoi concittadini prima di fondare il Patriarcato di Alessandria. Ritornato a Cirene, Marco avrebbe consacrato il primo vescovo della città, Lucio di Cirene,[1] citato negli Atti (Atti 13,1) e venerato come santo dalla Chiesa il 6 maggio.

Dopo Lucio di Cirene non vi è traccia di vescovi in quella regione prima della prima metà del IV secolo. Nel Martirologio romano si trova una martire, santa Ciprilla di Cirene,[2] che ricevette la palma del martirio sotto Diocleziano, festeggiata il 5 luglio.

Con l'arrivo dell'Islam a metà del VII secolo, il cristianesimo scomparve da Cirene.

Oggi Cirene sopravvive come sede vescovile titolare; la sede risulta vacante dal 19 febbraio 1983. Molti titolari, specialmente dal XV al XVII secolo, furono vescovi suffraganei dell'arcidiocesi di Colonia.

Cronotassi dei vescovi

  • San Lucio † (I secolo)
  • San Teodoro † (menzionato nel 302)
  • Filo I † (menzionato nel 370 circa)
  • Filo II † (succeduto)
  • Rufo † (menzionato nel 449)
  • Leonzio † (menzionato nel 600 circa)

Cronotassi dei vescovi titolari

  • Sigfried Piscator, O.P. † (7 marzo 1446 - 16 ottobre 1473 deceduto)
  • Dionysius , O.P. † (15 maggio 1474 - 13 ottobre 1475 deceduto)
  • Matthias Emich, O.Carm. † (16 agosto 1476 - 24 maggio 1480 deceduto)
  • Heinrich Unkel, O.F.M. † (1481 - 22 gennaio 1482 deceduto)
  • Johann Spender, O.F.M. † (4 novembre 1482 - 5 dicembre 1503 deceduto)
  • Theodor Wichwael, O.S.A. † (2 agosto 1504 - 3 marzo 1519 deceduto)
  • Jean Bourgeois † (1506 - ?)
  • Quirin Op dem Veld von Willich † (25 ottobre 1521 - 9 novembre 1537 deceduto)
  • Johann Nopel (Sr.) † (29 ottobre 1539 - 6 luglio 1556 deceduto)
  • Johann Pennarius, O.F.M. † (6 ottobre 1557 - 11 settembre 1563 deceduto)
  • Theobald Craschel † (5 maggio 1574 - 31 luglio 1587 deceduto)
  • Laurentius Fabritius † (23 marzo 1588 - 22 luglio 1600 deceduto)
  • Johann Nopel (Jr.) † (10 settembre 1601 - 6 gennaio 1605 deceduto)
  • Theodor Riphan † (30 agosto 1606 - 14 gennaio 1616 deceduto)
  • Gereon Otto von Gutmann zu Sobernheim † (13 luglio 1616 - 25 settembre 1638 deceduto)
  • Tommaso Caracciolo, C.R. † (10 novembre 1631 - 30 marzo 1637 nominato arcivescovo di Taranto)
  • Etienne Via † (20 aprile 1637 - 1º settembre 1650 deceduto)
  • Thomas Lolli, C.R.M. † (19 settembre 1650 - 21 marzo 1667 deceduto)
  • Mario Fani † (21 marzo 1667 - 16 febbraio 1682 deceduto)
  • Stefano Giuseppe Menatti † (28 ottobre 1686 - 18 settembre 1694 nominato vescovo di Como)
  • Giovanni Dominico Tomati † (30 marzo 1700 - 23 marzo 1711 deceduto)
  • Prospero Marefoschi † (1º giugno 1711 - 3 febbraio 1721 nominato arcivescovo titolare di Cesarea di Cappadocia)
  • Nicolas-Xavier Santamarie † (16 settembre 1726 - 26 agosto 1776 deceduto)
  • Pier Luigi Galletti, O.S.B. † (28 settembre 1778 - 13 dicembre 1790 deceduto)
  • Simone de Magistris, C.O. † (27 febbraio 1792 - 6 ottobre 1802 deceduto)
  • Marcin von Siemieński † (8 marzo 1816 - 27 settembre 1831 deceduto)
  • Antonio Canzi † (20 dicembre 1867 - 28 luglio 1878 deceduto)
  • Achille Rinaldini † (28 febbraio 1879 - 17 dicembre 1880 deceduto)
  • Pietro Cappellari † (6 maggio 1881 - 20 agosto 1901 deceduto)
  • Aurelio Briante, O.F.M. † (23 luglio 1904 - 18 luglio 1929 deceduto)
  • Amand-Théophile-Joseph Legrand, C.S.C. † (9 novembre 1929 - 10 aprile 1937 deceduto)
  • James Francis Louis McIntyre † (16 novembre 1940 - 20 luglio 1946 nominato arcivescovo coadiutore di New York)
  • Antonio di Tommaso † (8 febbraio 1947 - 2 marzo 1956 deceduto)
  • Valérien Bélanger † (16 marzo 1956 - 19 febbraio 1983 deceduto)
Note
  1. Martirologio Romano: Commemorazione di san Lucio di Cirene, che negli Atti degli Apostoli è annoverato tra i profeti e dottori della Chiesa che era in Antiochia.
  2. Martirologio Romano: A Cirene in Libia, santa Ciprilla, martire, che, come si racconta, durante la persecuzione dell'imperatore Diocleziano tenne a lungo nella mano dei carboni ardenti insieme a incenso, pur di non dare l’impressione, rimuovendo la brace, di voler compiere un'offerta di incenso agli dei; in seguito, crudelmente straziata, adorna del suo stesso sangue, migrò allo Sposo.
Bibliografia
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.