Arcidiocesi di Taranto

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

Arcidiocesi di Taranto
Archidioecesis Tarentina
Chiesa latina

Cattedrale San Cataldo a Taranto.jpg
arcivescovo metropolita Filippo Santoro
Sede Taranto

sede vacante
Taranto

Amministratore apostolico {{{amministratore}}}
Nuvola apps important.svg
Ci sono degli errori relativi alla categorizzazione automatica dovuti al fatto che alcuni parametri non sono stati valorizzati!
  • Parametro: Parametro vescovo eletto senza parametro titolo eletto

Vedi {{Diocesi della chiesa cattolica/man}}

La voce è stata segnalata nella Categoria:Diocesi della chiesa cattolica/warning.

{{{vescovo eletto}}}
Suffraganea
Regione ecclesiastica Puglia
Regione ecclesiastica
Regione ecclesiastica della diocesi
Nazione bandiera Italia
diocesi suffraganee
Castellaneta, Oria
coadiutore
vicario
provicario
generale
ausiliari

Cariche emerite:

Benigno Luigi Papa, O.F.M.Cap.
Parrocchie 89
Sacerdoti

236 di cui 167 secolari e 69 regolari
1.718 battezzati per sacerdote

70 religiosi 314 religiose 16 diaconi
408.481 abitanti in 1.056 km²
405.542 battezzati (99,2% del totale)
Eretta VI secolo
Rito romano
cattedrale {{{cattedrale}}}
Santi patroni
Largo Arcivescovado 8, 74100 Taranto, Italia
tel. +390994709611 fax. 099.47.09.610 @

Sito ufficiale

Dati dall'annuario pontificio 2011 riferiti al 2010 Scheda
Chiesa cattolica in Italia
Tutte le diocesi della Chiesa cattolica

L'arcidiocesi di Taranto (in latino Archidioecesis Tarentina) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica appartenente alla regione ecclesiastica Puglia. Nel 2010 contava 405.542 battezzati su 408.481 abitanti. È attualmente retta dall'arcivescovo Filippo Santoro.

Territorio

L'arcidiocesi comprende parte della provincia di Taranto.

Sede arcivescovile è la città di Taranto, dove si trovano la Cattedrale di San Cataldo e la concattedrale della Gran Madre di Dio.

Comprende i comuni di Carosino, Crispiano, Faggiano, Fragagnano, Grottaglie, Leporano, Lizzano, Martina Franca, Monteiasi, Montemesola, Monteparano, Pulsano, Roccaforzata, San Giorgio Jonico, San Marzano di San Giuseppe, Statte, Torricella.

Il territorio si estende su una superficie di 1.056 km² ed è suddiviso in 89 parrocchie.

Storia

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Storia della Chiesa di Taranto.

Secondo la leggenda locale, San Pietro fondò la prima comunità cristiana a Taranto, e consacrò Sant'Amasio o Amasiano come primo vescovo.

Nella seconda metà del V secolo fu vescovo di Taranto San Cataldo. Il primo vescovo di cui la data è certa fu Innocenzo nel 496.

Sotto il pontificato di papa Gregorio Magno, la cattedra episcopale fu occupata da tre vescovi: Andrea (590), Giovanni (601), Onorio (603). Giovanni nel 978 fu il primo a ricevere il titolo di arcivescovo. È ben noto che Taranto, anche se sotto i dominatori bizantini, non adottò mai il rito greco-bizantino.

Nel 1041 l'arcivescovo Stefano morì nella battaglia di Melfi combattuta dai Greci e dai Normanni.

Drogone nel 1071 eresse la cattedrale.

L'arcivescovo Angelo, sulla cattedra tarantina a cavallo tra XI e XII secolo, fu impiegato in parecchie ambasciate vicino a Innocenzo III.

Il cardinale Marcantonio Colonna (1560) introdusse le Riforme tridentine ed istituì il seminario arcivescovile nel 1561 o nel 1563.

Cronotassi dei vescovi

Statistiche

L'arcidiocesi al termine dell'anno 2010 su una popolazione di 408.481 persone contava 405.542 battezzati, corrispondenti al 99,2% del totale.

Fonti
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.