Storie di san Giovanni Battista (Giovanni Baronzio)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
USA Washington NatGalArt G.Baronzio StorieS.GiovanniBattista 1330-40.JPG
Giovanni Baronzio, Storie di san Giovanni Battista (1330 - 1340 ca.), tempera su tavola.
Storie di san Giovanni Battista
Opera d'arte
Stato

bandiera Stati Uniti

Stato federale District of Columbia
Regione ecclesiastica [[|]]
Contea
Comune

Washington

Località
Diocesi Washington
Parrocchia o Ente ecclesiastico
Ubicazione specifica National Gallery of Art
Uso liturgico nessuno
Comune di provenienza
Luogo di provenienza
Oggetto scomparto di polittico
Soggetto Natività di san Giovanni Battista; Imposizione del nome a san Giovanni Battista; Circoncisione di san Giovanni Battista
Datazione 1330 - 1340 ca.
Datazione
Datazione Fine del {{{fine del}}}
inizio del {{{inizio del}}}
Ambito culturale scuola riminese
Autore

Giovanni Baronzio

Altre attribuzioni Maestro della vita del Battista, Jacopo di Paolo, Orcagna
Materia e tecnica tempera su tavola
Misure h. 49.1 cm; l. 40.8 cm
Iscrizioni NOMEN / E[S]T IO/HA[NN]ES
Stemmi, Punzoni, Marchi
Note

<span class="geo-dms" title="Mappe, foto aeree ed altre informazioni per Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto. Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto.">Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto. Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto. / {{{latitudine_d}}}, {{{longitudine_d}}} {{{{{sigla paese}}}}}


Collegamenti esterni
Virgolette aperte.png
57Per Elisabetta intanto si compì il tempo del parto e diede alla luce un figlio. 58I vicini e i parenti udirono che il Signore aveva manifestato in lei la sua grande misericordia e si rallegravano con lei. 59Otto giorni dopo vennero per circoncidere il bambino e volevano chiamarlo con il nome di suo padre, Zaccaria. 60Ma sua madre intervenne: «No, si chiamerà Giovanni». 61Le dissero: «Non c'è nessuno della tua parentela che si chiami con questo nome». 62Allora domandavano con cenni a suo padre come voleva che si chiamasse. 63Egli chiese una tavoletta e scrisse: «Giovanni è il suo nome». Tutti furono meravigliati. 64All'istante gli si aprì la bocca e gli si sciolse la lingua e parlava benedicendo Dio.
Virgolette chiuse.png

Le Storie di san Giovanni Battista è uno scomparto di polittico, eseguito tra il 1330 e il 1340 circa, a tempera su tavola, da Giovanni Baronzio (inizio XIV secolo - 1362), proveniente da una chiesa romagnola o marchigiana e ora conservato presso la National Gallery of Art di Washington (Stati Uniti d'America).

Descrizione

Nello scomparto di polittico sono raffigurate contemporaneamente tre Storie della vita di san Giovanni Battista:

Nell'opera compaiono:

  • a sinistra, è raffigurata la camera di sant'Elisabetta - qui rappresentata secondo l'arredamento del XIV secolo - è di una certa ricchezza. Infatti, Zaccaria era un sacerdote benestante, anzi secondo una tradizione apocrifa, era addirittura il sommo sacerdote che aveva accolto Maria bambina nel Tempio. Nella stanza compaiono:
  • al centro, in basso: Zaccaria, reso provvisoriamente muto come punizione divina per non aver voluto credere alla gravidanza dell'anziana moglie sant'Elisabetta, è colto, mentre sta scrivendo il nome che ha deciso per il figlio: Giovanni. Subito dopo riacquisterà la parola.
  • a destra, è raffigurata la circoncisione del piccolo san Giovanni Battista: il rito veniva compiuto otto giorni dopo la nascita del bambino.

Iscrizioni

Nel dipinto si trova un'iscrizione collocata, in basso al centro, dove si legge la frase pronunciata da Zaccaria e riportata nel Vangelo (Lc 1,63):

(LA) (IT)
« NOMEN / E[S]T IO/HA[NN]ES » « Giovanni è il suo nome. »

Notizie storico-critiche

K. Christiansen, Ricostruzione grafica del Polittico di san Giovanni Battista

Lo scomparto era parte di un grande polittico, proveniente probabilmente da una chiesa dedicata a san Giovanni Battista, in Emilia Romagna e nelle Marche; di questo non si hanno notizie certe, tranne che nel 1947 fu acquistato dalla Samuel H. Kress Foundation di New York, che nel 1952 lo donò al Museo.

Il polittico, andato smembrato, è diviso in vari musei del mondo, due storici dell'arte Federico Zeri (1921 - 1998) e K. Christiansen, ne hanno studiato una ricostruzione, effettuando il seguente schema:

Federico Zeri, Schizzo con ricostruzione grafica del "Polittico di san Giovanni Battista", con indicazione dei musei in cui sono conservati gli scomparti
Note
Bibliografia
  • Shapley Fern Rusk, Catalogue of the Italian Paintings, 2 vol., Edizione National Gallery of Art, Washington 1979, p. 227
  • Federico Zeri et. al., Census of Pre-Nineteenth-Century Italian Paintings in North American Public Collections, 1972, p. 130
  • Stefano Zuffi, Episodi e personaggi del Vangelo, col. "Dizionari dell'Arte", Mondadori Electa Editore, Milano 2002, p. 140 ISBN 9788843582594
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.