Template:Pagina principale/LiturgiaRA/Solennità Cristo Re A

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
  • Lettura - 2Sam 7,1-6.8-9.12-14a.16-17: La tua casa e il tuo regno saranno saldi per sempre davanti a te.
    Intorno al 1000 a.C. Davide è re di tutte le tribù di Israele dopo varie e aspre vicende, e si ritiene in dovere di costruire per il suo Dio una casa-tempio. Il suo amico profeta Natan, dapprima d'accordo, poi respinge l'idea: sarà Dio a costruire a Davide un casato, anzi un regno stabile e glorioso. Gli succederà infatti il figlio Salomone, che costruirà il tempio e amplierà per un po' il regno. Ma tutto ciò in attesa di un misterioso vero re, nuovo Davide e vero figlio di Dio, annunciato da profeti dopo Natan.
  • Salmo - Sal 45[44],2-3.8-10.17-18 - Rit.: Dio ti ha consacrato con olio d'esultanza.
  • Epistola - Col 1,9b-14: Dio ci ha liberati dal potere delle tenebre e ci ha trasferiti nel regno del Figlio del suo amore.
    A Colosse, attuale Turchia, viveva una bella comunità cristiana che si radunava in una casa; a quei fedeli Paolo rivolge parole di plauso e di invito a un vero servizio di Dio come ringraziamento (eucaristia) per l'opera da Lui compiuta: quella di averli introdotti al regno del Figlio suo e quindi alla vera salvezza.
  • Vangelo - Gv 18,33c-37: Tu sei re. Il mio regno non è di questo mondo.
    Gesù di fronte a Pilato o Pilato di fronte a Gesù? Il governatore sembra comandare, ma il vero Signore è Gesù: interrogato interroga, sorprende e coinvolge la libertà di Pilato di fronte alla propria regalità misteriosa. Nel suo regno entra chi ama la Verità più di se stesso. Anche Pilato può entrarci, a tale condizione, almeno riconoscendo che Gesù non merita la morte e agendo in modo coerente. Ma sappiamo come finì. Pilato a chi assomiglia?


Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.