Terz'Ordine dei Minimi

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Ambito emiliano, San Francesco di Paola (XVII secolo), olio su tela; Bologna, Chiesa del SS. Salvatore

Il Terz'Ordine dei Minimi, usualmente abbreviato T.O.M., è un'associazione di laici che si propone di vivere il Vangelo secondo il modello di San Francesco di Paola. È il ramo secolare dell'Ordine dei Minimi, con il quale ha in comune il carisma penitenziale.

Storia

Il Terz'Ordine sorge nell'anno 1501 per iniziativa dello stesso San Francesco da Paola. Il santo, assecondando l'insistente richiesta di vivere la spiritualità Minima nel proprio ambiente familiare, dettò alcune norme di vita da seguire.

La Regola del Terz'Ordine fu approvata il 28 luglio 1506 dal Papa Giulio II insieme a quelle dei frati e delle monache con la Bolla Inter ceteros.

Inizialmente i Terziari Minimi vissero il loro ideale in forma comunitaria. In seguito, invece, prevalse il vivere il carisma singolarmente nella propria famiglia, dedicando alcuni momenti agli incontri comunitari.

Molte sono le realizzazioni sociali sorte nel corso dei secoli grazie all'iniziativa dei Terziari: ospedali, scuole, case di riposo.

Carisma

Il carisma del Terz'Ordine dei Minimi si sviluppa in due direzioni:

  • realizzare la propria persona, attraverso una vita nella fedeltà alle esigenze del proprio Battesimo e al carisma penitenziale proprio dei Minimi;
  • rivitalizzare la società nella quale ci si trova a vivere, attraverso la testimonianza della propria fede e la carità operosa.

Spiritualità

La spiritualità del Terziario esprime il primato di Dio mediante un maggiore impegno di preghiera e di penitenza, e mediante il primato dello spirituale sul temporale, che indichi al mondo la via della conversione e della liberazione dal peccato.

Il terziario si impegna quindi a portare avanti uno stile di vita sobrio e moderato, rifuggendo lo spirito consumistico e arrivista del mondo, nel quale egli sceglie di vivere come straniero e pellegrino.

I cardini della vita spirituale del terziario sono:

Seguendo lo stile di accoglienza del Fondatore e la sua compassione verso gli ultimi, il Terziario cerca di interessarsi dei poveri, degli ammalati, dei vecchi, degli emarginati, e si adopera per l'integrale promozione umano-cristiana di quanti potrà avvicinare in umiltà e fraterna carità.

Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.