Unione Superiore Maggiori Italiane

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Logo della USMI

L'Unione delle Superiore Maggiori d'Italia (USMI) è nata nel contesto del rinnovamento degli Istituti di Vita Consacrata sollecitato da Pio XII e stimolato dal Primo Congresso Generale sugli Stati di perfezione, celebrato nel 1950, nell'ambito dell'anno giubilare. Il rinnovamento è proseguito negli anni seguenti ed ha avuto un punto fermo di riferimento nella celebrazione del Concilio Ecumenico Vaticano II, che sollecitò il rinnovamento e l'aggiornamento della vita religiosa (accomodata renovatio).

L'USMI negli anni '50

Sempre lo stesso pontefice Pio XII pubblicò la Costituzione Apostolica Sponsa Christi, per una riflessione e un cammino più adeguato delle Congregazioni femminili nel contesto della temperie attuale.

Nel 1955 fu costituito il primo Comitato di Superiore Maggiori (CIS) ottenendo il riconoscimento come Unione di Diritto Pontificio (1960), alla diretta dipendenza della Sede Apostolica, con un proprio statuto che ne indicava scopi, natura, attività.

Nel 1964, all'Unione fu riconosciuta la personalità giuridica civile.

Il lavoro attraverso il coinvolgimento delle religiose in sede regionale e diocesana mirava alla formazione umana, teologica, spirituale e professionale delle suore seguendo il cammino attuale della Chiesa.

Scopo

Scopo dell'USMI, come si legge nell'attuale Statuto è: "L'Unione esprime e sviluppa la comunione che unisce gli Istituti religiosi femminili operanti in Italia, tra loro e con le diverse componenti della realtà ecclesiale, in vista di una risposta più piena alla vocazione e alla missione di ciascuno".

Si pone come sereno e fraterno punto di riferimento per le oltre 600 Congregazioni femminili presenti in Italia che, a loro volta, sono suddivise in oltre 10.000 comunità.

Elenco delle presidenti

Collegamenti con altri organismi ecclesiali

La rivista

Organo di formazione-informazione dell'USMI è la Rivista Consacrazione e servizio, testata assunta dal 1974 e che ha sostituito Ardeat, Luceat, Accendat, fondata nel 1952.

Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.