Cattedrale di San Martino (Belluno)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Duomo di Belluno o Cattedrale di San Martino
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
Belluno-Schiara.jpg
Cattedrale di San Martino (1517 - 1624)
Altre denominazioni
Stato bandiera Italia
Regione Stemma Veneto


Regione ecclesiastica Triveneto

Provincia Belluno
Comune stemma Belluno
Località
Diocesi Belluno-Feltre
Religione Cattolica
Indirizzo Piazza Duomo
Telefono
Fax
Posta elettronica [mailto: ]
Sito web

Diocesi Belluno-Feltre Sito ufficiale

Sito web 2
Proprietà
Oggetto tipo Chiesa
Oggetto qualificazione Cattedrale
Dedicazione San Martino di Tours
Vescovo mons. Giuseppe Andrich
Fondatore
Data fondazione
Architetti

Tullio Lombardo
Filippo Juvara (campanile)

Stile architettonico rinascimentale
Inizio della costruzione 1517
Completamento 1624
Distruzione
Soppressione
Ripristino {{{Ripristino}}}
Scomparsa {{{Scomparsa}}}
Data di inaugurazione {{{AnnoInaugur}}}
Inaugurato da {{{InauguratoDa}}}
Data di consacrazione
Consacrato da {{{ConsacratoDa}}}
Titolo
Strutture preesistenti
Pianta
Tecnica costruttiva
Materiali
Data della scoperta {{{Data scoperta}}}
Nome scopritore {{{Nome scopritore}}}
Datazione scavi {{{Datazione scavi}}}
Scavi condotti da {{{Scavi condotti da}}}
Altezza Massima
Larghezza Massima
Lunghezza Massima {{{LunghezzaMassima}}}
Profondità Massima
Diametro Massimo {{{DiametroMassimo}}}
Altezza Navata
Larghezza Navata
Altitudine {{{Altitudine}}}
Iscrizioni
Marcatura
Utilizzazione
Note
Coordinate geografiche
46°08′16″N 12°13′03″E / 46.13763, 12.21749 bandiera Italia
Patrimonio UNESCO.png Patrimonio dell'umanità
{{{nome}}}
{{{nomeInglese}}}
[[Immagine:{{{immagine}}}|240px]]
Tipologia {{{tipologia}}}
Criterio {{{criterio}}}
Pericolo Bene non in pericolo
Anno [[{{{anno}}}]]
Scheda UNESCO
[[Immagine:{{{linkMappa}}}|300px]]
[[:Categoria:Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}|Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}]]

La Cattedrale di San Martino o Duomo di Belluno è situata in Piazza Duomo, nel centro storico. È la cattedrale della Diocesi di Belluno-Feltre.

Il 18 giugno 1980 papa Giovanni Paolo II la elevò alla dignità di basilica minore.

Descrizione

Esterno

Una semplice facciata (incompiuta) in pietra a vista, divisa verticalmente in tre parti con le laterali più basse, definisce il volume esterno dell'edificio.

Un ricco portale barocco e due finestre gotiche si aprono nella parte bassa e mediana; la parte alta, terminando con timpano che poggia su trabeazione retta da lesene, ha un rosone centrale chiuso da un vetro su cui sono raffigurati i Santi Gioatà, Lucano e Martino.

Interno

L'interno della basilica, di aspetto maestoso, ha linee rinascimentali anche se l'altezza dei pilastri dà la spinta verso l'alto, tipica delle chiese gotiche. Lo spazio è ripartito in tre navate, tagliate trasversalmente da sette campate.

Il presbiterio è di impostazione solenne con triple file di stalli; ariosa e piena di luce è la cupola. Oltre l'ultimo arco maggiore si apre l'abside semicircolare, il cui catino è stato affrescato da A.E. Paoletti con una trionfale Assunta.

Fra le opere di insigni artisti custodite nella chiesa spiccano per complessità compositiva due dipinti di Gaspare Diziani raffiguranti, l'uno i Santi Carlo, Francesco di Sales, Gaetano da Thiene e Andrea Avellino, e l'altro la Conversione di San Paolo. Alla mano di Egidio Dall'Oglio si deve la rappresentazione della Sacra Famiglia che orna uno degli altari della navata di sinistra.

L'organo, del 1946, è stato posto in opera dalla ditta Mascioni.

Campanile

Appena si esce dalla porta della sacrestia, ci si trova ai piedi del campanile (misura 71,98 metri, angelo sulla sommità incluso) fu progettato dall'architetto messinese Filippo Juvara.

L'angelo in legno, opera di Andrea Brustolon, è rivestito di rame ed alto 4,63 metri. Il cortile è delimitato oltre che dal campanile, dalla facciata sud della cattedrale con le antiche meridiane e da una bella balaustra in pietra bianca dalla quale si gode un ampio e suggestivo panorama sulla valle del Piave, che alla sera si tinge con la luce di straordinari tramonti.

Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.