Compianto su Gesù Cristo morto (Petrus Christus)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
BEL MuRoyBeauxArts P.Christus CompiantoCristomorto 1455-60ca.jpg
Petrus Christus, Compianto su Gesù Cristo morto (14551460 ca.), olio su tavola
Compianto su Gesù Cristo morto
Opera d'arte
Stato

bandiera Belgio

Regione Bruxelles-Capitale
Regione ecclesiastica [[|]]
Provincia
Comune

Bruxelles

Località
Diocesi Malines-Bruxelles
Parrocchia o Ente ecclesiastico
Ubicazione specifica Musée Royaux des Beaux-Arts
Uso liturgico nessuno
Comune di provenienza Bruges (Belgio)
Luogo di provenienza Collezione privata della famiglia Adornes
Oggetto dipinto
Soggetto Compianto su Gesù Cristo morto
Datazione 1455 - 1460 ca.
Datazione
Datazione Fine del {{{fine del}}}
inizio del {{{inizio del}}}
Ambito culturale Ambito fiammingo
Autore

Petrus Christus

Altre attribuzioni
Materia e tecnica olio su tavola
Misure h. 100, 5 cm; l. 192 cm; p. 1,7 cm
Iscrizioni
Stemmi, Punzoni, Marchi
Note
Collegamenti esterni
Virgolette aperte.png
46Egli allora, comprato un lenzuolo, lo calò giù dalla croce e, avvoltolo nel lenzuolo, lo depose in un sepolcro scavato nella roccia. Poi fece rotolare un masso contro l'entrata del sepolcro.
Virgolette chiuse.png

Il Compianto su Gesù Cristo morto è un dipinto, eseguito tra il 1455 ed il 1460 circa, ad olio su tavola, dal pittore fiammingo Petrus Christus (1410 ca. - 1475 ca.), proveniente dalla collezione privata della famiglia Adornes di Bruges (Belgio) ed attualmente conservato nel Musée Royaux des Beaux-Arts di Bruxelles (Belgio).

Descrizione

Petrus Christus, Compianto su Gesù Cristo morto (part.), 14551460 ca., olio su tavola

Ambientazione

La scena è ambientata davanti ad un ampio paesaggio collinare, nel quale si scorgono uno specchio d'acqua, alcuni villaggi e la città di Gerusalemme rappresentata come un borgo fiammingo del tardo Medioevo.

Soggetto

Nel dipinto compaiono:

  • al centro:
  • a sinistra:
    • Santa Maria Maddalena, inginocchiata, si gira dietro come per non vedere il corpo piagato di Gesù, richiamando così l'attenzione dell'osservatore sul teschio e sulla base della croce. A terra, accanto alla santa, è posato il consueto attributo iconografico del vasetto degli unguenti.
  • a destra:
    • Santa Salome, in piedi: questa figura è un elemento, utilizzato dal pittore, come contrappeso visivo alla Maddalena inginocchiata.
    • Uomo calvo, in piedi, con le mani giunte: figura di difficile interpretazione, che secondo alcuni studiosi raffigura il committente dell'opera, mentre per altri presenta Zebedeo, il marito di santa Salome.

Inoltre, nella scena sono presenti alcuni dettagli, resi con grande cura, spesso di valore simbolico, come:

Petrus Christus, Compianto su Gesù Cristo morto (part. Santa Maria Maddalena), 14551460 ca., olio su tavola
  • Base della croce, all'estremità destra del dipinto.
  • Teschio di Adamo, a terra, davanti alla croce: questo elemento rimanda al luogo della crocifissione (detto Golgota, che nella lingua ebraica significa "luogo del cranio"), dove secondo la tradizione venne sepolto il primo uomo ed è qui simbolo dell'uomo redento dal sacrificio di Gesù.
  • Alcuni strumenti della Passione, a terra: chiodi con cui Cristo era stato appeso alla croce; martello e tenaglia utilizzati per deporre il suo corpo.

Note stilistiche, iconografiche ed iconologiche

  • L'opera denota l'influenza di Rogier van der Weyden, in particolare nei personaggi principali che riflettono chiaramente le figure centrali della Deposizione di Gesù Cristo dalla croce (ante 1443), conservata al Museo del Prado di Madrid. Allo stesso tempo, chiarisce i limiti di questa influenza. Infatti, il senso del dramma presente nel modello spagnolo è qui totalmente assente: i personaggi sembrano isolati nel silenzio di una meditazione personale, come se fossero indifferenti gli uni agli altri.
  • Lo spettatore è immerso in un'atmosfera all'aperto ed ha l'impressione di partecipare all'evento nella stesso momento in cui si verifica, poiché il livello dell'orizzonte corrisponde al livello degli occhi delle figure in piedi: anche l'osservatore sta in piedi sullo stesso terreno.

Notizie storico-critiche

L'opera, eseguita per la famiglia Adornes di Bruges, nel 1844 è stata acquistata dal mercante d'arte Albert Lucq per il Musée Royaux des Beaux-Arts di Bruxelles, dove attualmente è conservata.

Petrus Christus ha dipinto altre due versioni di questo soggetto:

  • Compianto su Gesù Cristo morto (1445 ca.), tempera ed olio su tavola, conservato al Metropolitan Museum of Art di New York (USA)
  • Compianto su Gesù Cristo morto (1450 ca.), olio su tavola , conservato al Museo del Louvre di Parigi (Francia).
Note
  1. Il bianco lenzuolo di lino, sufficientemente lungo da poter essere ripiegato sopra il corpo di Gesù, è la Sacra Sindone, reliquia conservata nel Duomo di Torino.
Bibliografia
  • Albert Châtelet, Early Dutch painting: painting in the northern Netherlands in the Fifteenth century, Editore Rizzoli, Milano 1981, pp. 90, 264
  • Joel Morgan Upton, Petrus Christus: his place in Fifteenth century Flemish painting, p. 48
  • Peter H. Schabacker, Petrus Christus, Editore: Haentjens Dekker & Gumpert, Utrecht 1974
  • Stefano Zuffi, Episodi e personaggi del Vangelo, col. "Dizionari dell'Arte", Editore Mondadori-Electa , Milano 2002, p. 218 ISBN 9788843582594
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.