Decet Quam Maxime

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Decet Quam Maxime
Lettera enciclica di Clemente XIV
I di II di questo papa
C o a Clemente XIV.svg
Data 21 settembre 1769
(I di pontificato)
Traduzione del titolo E’ assolutamente opportuno
Argomenti trattati Condanna di alcuni abusi
Enciclica precedente Christianae Reipublicae
Enciclica successiva Cum Summi Apostolatus

(IT) Testo integrale sul sito della Santa Sede.

Tutti i documenti di Clemente XIV
Tutte le encicliche

Decet Quam Maxime è la prima enciclica di Papa Clemente XIV, datata 21 settembre 1769.

In essa, il Pontefice condanna il grave abuso diffuso in alcune Chiese locali, specialmente della Sardegna, di versare tasse e contributi ai Vescovi ed ai loro collaboratori per servizi prestati a favore della Chiesa e dei fedeli; il Papa ribadisce che tutto deve essere ricondotto a quanto stabilito dai Concili ecumenici ed in particolare dal Concilio di Trento, di modo che

« « i ministri della Chiesa e i dispensatori dei misteri di Dio si mantengano completamente estranei anche al più piccolo sospetto d’avarizia »»
Fonte
  • Tutte le encicliche e i principali documenti pontifici emanati dal 1740. 250 anni di storia visti dalla Santa Sede, a cura di Ugo Bellocci. Vol. II: Clemente XIII (1758-1769), Clemente XIV (1769-1774), Pio VI (1775-1799), Pio VII (1800-1823), Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 1994.
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.