Gesù Cristo alla colonna (Diego Velázquez)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
GBR Londra NatGal D.Velázquez CristoColonna+Angelocustode 1628-29ca.jpg
Diego Velázquez, Gesù Cristo alla colonna (16281629 ca.), olio su tela
Gesù Cristo alla colonna
Opera d'arte
Stato

bandiera Regno Unito

Nazione bandiera Inghilterra
Regione ecclesiastica [[|]]
Contea City of London
Comune

Londra

Località
Diocesi Westminster
Parrocchia o Ente ecclesiastico
Ubicazione specifica National Gallery, sala 30
Uso liturgico nessuno
Comune di provenienza
Luogo di provenienza
Oggetto dipinto
Soggetto Gesù Cristo, dopo la flagellazione, legato alla colonna alla presenza dell'Angelo custode
Datazione 1628 - 1629 ca.
Datazione
Datazione Fine del {{{fine del}}}
inizio del {{{inizio del}}}
Ambito culturale
Autore

Diego Velázquez
detto Jan

Altre attribuzioni
Materia e tecnica olio su tela
Misure h. 165,1 cm; l. 206,4 cm
Iscrizioni
Stemmi, Punzoni, Marchi
Note

<span class="geo-dms" title="Mappe, foto aeree ed altre informazioni per Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto. Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto.">Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto. Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto. / {{{latitudine_d}}}, {{{longitudine_d}}} {{{{{sigla paese}}}}}


Collegamenti esterni
Virgolette aperte.png
15Pilato, volendo dare soddisfazione alla folla, rimise in libertà per loro Barabba e, dopo aver fatto flagellare Gesù, lo consegnò perché fosse crocifisso.
Virgolette chiuse.png

Gesù Cristo alla colonna è un dipinto, eseguito tra il 1628 ed il 1629 circa, ad olio su tela dal pittore spagnolo Diego Velázquez (1599 - 1660), conservato presso la National Gallery di Londra (Gran Bretagna).

Descrizione

Soggetto

Nel dipinto, su un fondo completamente nero, compaiono:

  • Gesù Cristo, legato ad una colonna con delle corde che gli stringono le mani, è crollato a terra stremato dalla tortura appena inflittagli dai soldati romani. Egli ha indosso solo il perizoma bianco, piuttosto piccolo, che serve a sottolineare la nudità del suo corpo: questo richiama modelli presi dalla statuaria classica.
  • Angelo custode presenta a Gesù l'anima cristiana, personificata da un bambino inginocchiato, che contempla la sua sofferenza.

Inoltre, nella scena in primo piano, si notano:

  • fruste insanguinate, deposte in terra, sono strumenti della flagellazione che si è appena svolta.

Note stilistiche, iconografiche ed iconologiche

  • La composizione iconografica del dipinto risponde alle diverse preoccupazioni della Riforma cattolica, tra cui la convinzione che i sentimenti umani abbiano un ruolo significativo nell'esperienza spirituale dei fedeli: qui il pathos del Cristo sofferente invita chiaramente alla compassione ed alla meditazione.
  • Il fanciullo rappresentato da Velázquez, che simboleggia l'anima cristiana contemplante la passione di Gesù, è un concetto iconografico originale che rispecchia l'estatica comunione e mistica immedesimazione che si trova nell'arte sacra di questo periodo, sopratutto nella statuaria di Gian Lorenzo Bernini. Velázquez aveva, infatti, viaggiato in Italia, soggiornando a lungo a Roma, e le evidenti risonanze berniniani e caravaggeschi dell'opera sono dovuti a questa esperienza.
  • La colonna raffigurata nel dipinto rimanda a quella conservata, sin dal 1223, nella Basilica di Santa Prassede a Roma e ritenuta la stessa alla quale Cristo venne legato durante la flagellazione; questa reliquia su cui il salvatore avrebbe lasciato sangue e sudore suscitava grande venerazione nei fedeli e l'arte sacra del periodo della Controriforma, in questo modo, ne sottolineava volutamente la storicità.

Notizie storico-critiche

L'opera, nel 1883, venne donata al Museo da John Savile Lumley, che lo aveva acquisito a Madrid nel 1858: prima di questa data non si hanno notizie certe sul dipinto.

Gli studiosi unanimemente attribuiscono la tela al pittore spagnolo Diego Velázquez, anche per la presenza di un disegno preparatorio per la figura dell'Angelo custode, andato disperso nel 1936, nel quale si leggeva l'iscrizione:

« VELAZQUEZ »
Bibliografia
  • Rosa Giorgi, Diego Velázquez, Editore DuMont, Colonia 1999 - ISBN 3770149807
  • Maurice Sérullaz, Velázquez, col. "I Grandi Pittori", Editore Garzanti, Milano 1983
  • Timothy Verdon, La bellezza nella Parola. L’arte a commento delle letture festive. Anno B, Editore San Paolo, Milano 2008, pp. 116 - 119 ISBN 9788821563904
  • Stefano Zuffi, Episodi e personaggi del Vangelo, col. "Dizionari dell'Arte", Editore Mondadori-Electa, Milano 2002, p. 276 ISBN 9788843582594
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.