L'avventura di un povero cristiano (film)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
L'avventura di un povero cristiano
O.Spadaro AvventuraPoveroCristiano film1974 001.JPG

Scena del film
Titolo originale: '
Lingua originale: italiano
Paese: Italia
Anno: 1974
Durata:
Colore: bianco/nero
Audio: sonoro
Rapporto:
Tipo: sceneggiato televisivo
Genere: storico
biografico
drammatico
Regia: Ottavio Spadaro
Soggetto: Ignazio Silone
Ambientazione:
Ambientazione Geografica:
  • Abruzzo
  • Roma
Ambientazione Storica: 1294 - 1296
Tratto da: L'avventura di un povero cristiano (1968) di Ignazio Silone
Sceneggiatura:
Produttore:
Produttore esecutivo:
Casa di produzione: RAI - Radio Televisione Italiana
Distribuzione (Italia):
Storyboard:
Art director:
Character design:
Mecha design:
Animatori:

Interpreti e personaggi:

Doppiatori originali:
Doppiatori italiani:
Episodi:
Fotografia:
Tecnico del suono:
Montaggio:
Effetti speciali:
Musiche:
Tema musicale:
Scenografia:
Coreografia:
Costumi:
Trucco:
Sfondi:
Prequel:
Sequel:
Nome remake:
Premi:
Collegamenti esterni:

L'avventura di un povero cristiano è uno sceneggiato televisivo del 1974, diretto dal regista Ottavio Spadaro, tratto dall'omonimo libro (1968) di Ignazio Silone.

Trama

La storia si sviluppa prevaletemente in Abruzzo fra i contadini ed i pastori della Maiella.

Il racconto inizia con il tessitore Matteo e sua figlia Concetta, che attendono alcuni frati, umili e poveri, discepoli di un certo Pietro da Morrone, un eremita della Maiella che vive in preghiera e penitenza, come un vero cristiano.

San Francesco d'Assisi è morto da alcuni decenni e la Chiesa è nettamente divisa in due: quella secolare, della gerarchia, e quella del popolo che ha fede nel Vangelo. Fra Pietro, appartiene proprio a questa Chiesa che cerca di mettere in pratica l'insegnamento di Gesù Cristo: la rinuncia ai beni terreni, l'amore per il prossimo, l'umiltà ed il sacrificio.

Siamo nel 1294 e sono già trascorsi due anni da quando è morto il papa Niccolò IV, lasciando la cattedra di Roma vacante. Nel conclave di Perugia si scontrano due potenti famiglie rivali: Orsini e Colonna. La Chiesa ha bisogno di una guida e sembra un grande miracolo, quando, dopo tante attese deluse, lo Spirito Santo illumina i cardinali che eleggono proprio fra Pietro Angeleri. Il frate, inizialmente, esita, ma poi dopo lunga meditazione accetta diventando papa Celestino V.

La città di Sulmona è in festa, di fronte ad un Papa che ama gli umili e i poveri, perché lui stesso è umile. Ben presto però il potere schiaccerà Celestino V che sarà e si sentirà sempre più solo nella curia romana.

Celestino V comprende che non è fatto per il potere e benchè avesse accettato di essere papa con l'obiettivo di ricondurre la Chiesa sulla via del Vangelo, si dichiara sconfitto. L'avventura di questo personaggio storico termina con l'abdicazione al soglio pontificio ed il ritorno alla vita eremitica, ma inseguito al "gran rifiuto" Pier Celestino sarà ricercato dalle autorità e, dopo un periodo di vita nascosta nel Gargano, sarà portato dal nuovo papa Bonifacio VIII (il cardinal Caetani) che lo terrà prigioniero.

L'ultima parte del romanzo è dedicata ad un lungo dialogo fra Bonifacio VIII e Pier Celestino in cui si evidenziano le due differenti concezioni di Chiesa.

Galleria fotografica

Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.