San Mosè l'Etiope

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
San Mosè l'Etiope
Monaco
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo
Santo
{{{note}}}

STM34001.JPG

Icona del santo
{{{motto}}}
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte 75 anni
Nascita 330
Morte Scete
405
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da Chiesa cattolica, Chiesa ortodossa
Venerabile il [[]]
Beatificazione [[]]
Canonizzazione [[]]
Ricorrenza 28 agosto
Altre ricorrenze Nel Martirologio etiopico è ricordato il 18 giugno
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 28 agosto, n. 9:
« In Egitto, san Mosè l'Etiope, che da famoso brigante divenne celebre anacoreta, convertì molti del suo gregge di malfattori e li condusse con sé in monastero. »

San Mosè l'Etiope detto anche San Mosè il Moro (330; † Scete, 405) è stato un monaco etiope, anacoreta della comunità monastica della Scete in Egitto del IV secolo.

Vita

Conosciamo la sua vita attraverso il racconto nella Storia lausiaca di Palladio di Galazia. Mosè era un brigante a capo di una banda di malviventi che razziavano le popolazione che vivevano sulle sponde del Nilo. Era come dice il suo nome etiope ed era dotato di una prestanza fisica notevole.

La sua conversione fu graduale ma entrato in contatto con i monaci della Scete a poco a poco cambiò vita e si convertì.

Palladio racconta che Mosè comparve una sera con quattro briganti legati sulle spalle. Mosè, con l’antico vigore, li ha portati come un sacco di paglia davanti agli altri monaci, domandando: Ora io non posso più fare male a nessuno; allora, che cosa faccio di questi?. E i ladri si convertono a loro volta, dicendo: Se questo Mosè, un tempo così grande nelle rapine, adesso ha sentito il timor di Dio, noi che cosa aspettiamo a fare altrettanto?.

Palladio ci informa che la sua non fu una conversione tranquilla: a volte il passato torna con i suoi richiami: I demoni lo spingevano all’antica consuetudine di sfrenata lussuria. Sente che da solo non ce la fa a resistere e si fa guidare dal vecchio monaco Isidoro, riuscendo gradualmente a liberarsi,al punto che temeva il demonio meno di quanto noi temiamo le mosche.

Infine, poco prima di morire, diventa sacerdote e lascia settanta discepoli, conclude Palladio.

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.