Santa Maddalena da Nagasaki

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Santa Maddalena da Nagasaki
Laica · Martire
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Santa
Vergine, martire,
Terziaria agostiniana recolletti e Terziaria domenicana

90173E.JPG

immagine votiva
{{{motto}}}
Titolo
Età alla morte 23 anni
Nascita Nishizaka
1611
Morte Nagasaki
15 ottobre 1634
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerata da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione 18 febbraio 1981, da Giovanni Paolo II
Canonizzazione 18 ottobre 1987, da Giovanni Paolo II
Ricorrenza 15 ottobre
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi Palma
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrona di Ordine dei terziari Agostiniani Recolletti
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 15 ottobre, n. 7:
« A Nagasaki in Giappone, santa Maddalena, vergine e martire, forte d'animo tanto nel promuovere la fede quanto nel sopportare per tredici giorni il supplizio della forca sotto l'imperatore Yemitsu. »

Santa Maddalena da Nagasaki (Nishizaka, 1611; † Nagasaki, 15 ottobre 1634) è stata una vergine, martire e laica consacrata giapponese.

Vita

Maddalena nacque nel 1611 a Nishizaka, nei pressi di Nagasaki in Giappone, in una nobile famiglia cristiana. I genitori e i fratelli furono martirizzati mentre lei era ancora giovane. Si dice che fosse di fisico gracile e delicato, ma molto bella.

Nel 1624 conobbe due agostiniani recolletti, Beato Francesco di Gesù e Beato Vincenzo di Sant'Antonio, che più tardi furono pure martirizzati e proclamati beati. Attratta dalla profonda spiritualità dei due missionari, Maddalena si consacrò a Dio come terziaria agostiniana recolletta.

Vestì l'abito religioso e condusse una vita di preghiere, lettura di testi sacri e apostolato. Più tardi divenne terziaria domenicana.

Nel 1629, durante un incrudimento della persecuzione contro i cristiani si rifugiò tra le montagne di Nagasaki. Molti cristiani terrorizzati dalle torture alle quali erano sottoposti facevano atto di apostasia salvandosi la vita; ma Maddalena si presentò alle autorità vestita dell'abito religioso e un fagotto di libri sacri, dichiarandosi cristiana.

Ai primi di ottobre fu allora sottoposta al tormento della forca e della fossa: sospesa per i piedi, con la testa e il petto sommersi in una fossa sottostante, coperta con tavole per renderle più difficile la respirazione. La coraggiosa giovane resistette al tormento per tredici giorni, invocando durante il supplizio i nomi di Gesù e Maria e cantando inni al Signore. L'ultima notte un acquazzone inondò la fossa e Maddalena morì affogata. Era il 15 ottobre 1634.

Culto

Fu elevata agli onori degli altari assieme a sedici martiri domenicani di varie nazionalità, tutti uccisi in terra giapponese, capeggiati da San Lorenzo Ruiz, primo santo filippino. Il gruppo fu beatificato da papa Giovanni Paolo II il 18 febbraio 1981 a Manila nelle Filippine e canonizzato a Roma dal medesimo pontefice il 18 ottobre 1987.

Collegamenti esterni

Scheda su Santa Maddalena da Nagasaki, sul sito SantieBeati.it

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.