Testa di san Giovanni Battista (Andrea Solario)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
FRA Parigi MuLouvre A.Salario S.Giov.Battista 1507.jpg
Andrea Solario, Testa di san Giovanni Battista (1507), olio su tavola
Testa di san Giovanni Battista
Opera d'Arte
Stato

bandiera Francia

Regione Île-de-France
Regione ecclesiastica [[|]]
Dipartimento Parigi
Comune

Stemma Parigi

Località
Diocesi Parigi
Parrocchia o Ente ecclesiastico
Ubicazione specifica Museo del Louvre
Uso liturgico nessuno
Comune di provenienza
Luogo di provenienza
Oggetto dipinto
Soggetto Testa di san Giovanni Battista
Datazione 1507
Datazione
Datazione Fine del {{{fine del}}}
inizio del {{{inizio del}}}
Ambito culturale
Autore

Andrea Solario

Altre attribuzioni
Materia e tecnica olio su tavola
Misure h. 46 cm; l. 43 cm
Iscrizioni ANDREAS DE SOLARIO FAT 1507
Stemmi, Punzoni, Marchi
Note
opera firmata e datata
Collegamenti esterni
Virgolette aperte.png
25E subito (Salomè), entrata di corsa dal re, fece la richiesta, dicendo: «Voglio che tu mi dia adesso, su un vassoio, la testa di Giovanni il Battista». 26Il re, fattosi molto triste, a motivo del giuramento e dei commensali non volle opporle un rifiuto. 27E subito il re mandò una guardia e ordinò che gli fosse portata la testa di Giovanni. La guardia andò, lo decapitò in prigione 28e ne portò la testa su un vassoio, la diede alla fanciulla e la fanciulla la diede a sua madre (Erodiade).
Virgolette chiuse.png

La Testa di san Giovanni Battista è un dipinto, eseguito nel 1507, ad olio su tavola, da Andrea Solario (1470 - 1524), conservato al Museo del Louvre di Parigi (Francia).

Descrizione

Nel dipinto compaiono:

  • testa di san Giovanni Battista mozzata, dopo la decapitazione, è posta sopra un vassoio per essere mostrata a Erode Antipa e riassume simbolicamente il martirio del Santo: quest’iconografia ebbe larga diffusione dalla fine del Medioevo;
  • vassoio d'argento con la testa del Battista è qui interpretato come una raffinata alzata rinascimentale, caratteristica dell'oreficeria lombarda.

Nel dipinto si nota in particolare:

  • Lo studio del pittore sugli effetti del "lustro", cioè dei riflessi luminosi: sul bordo del piatto si vede, infatti, il riflesso della testa di san Giovanni Battista, in particolare l'orecchio e la capigliatura, così come sulla base si vede riflesso il fondo del piatto stesso.
  • L'opera è conservata in una cornice d'ebano con iscrizione in latino su san Giovanni Battista, che sembra essere originale.

Iscrizioni

Nel dipinto si trova un'iscrizione collocata in basso a destra, dove si legge la datazione e la firma dell'opera:

  • ANDREAS DE SOLARIO FAT 1507.

Notizie storico-critiche

L'opera venne probabilmente dipinta per il cardinale Georges I d'Amboise (14601510), durante il suo soggiorno a Milano nel 1507.

Bibliografia
  • Rosa Giorgi, Santi, col. "Dizionari dell'Arte", Mondadori Electa Editore, Milano 2002, p. 173 ISBN 9788843596744
  • Julia Kristeva, La testa senza il corpo. Il viso e l'invisibile nell'immaginario dell'Occidente, col. collana "Saggi. Arti e lettere", Donzelli Editore, 2009
  • Stefano Zuffi, Episodi e personaggi del Vangelo, col. "Dizionari dell'Arte", Mondadori Electa Editore, Milano 2002, p. 162 ISBN 9788843582594
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.