Annunciazione (Filippo Lippi)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
1leftarrow.png Voce principale: Annunciazione a Maria.
Firenze BaS.Lorenzo F.Lippi AnnunciazioneMartelli 1440.jpg
Filippo Lippi, Annunciazione (1440 ca.), tempera su tavola
Annunciazione Martelli
Opera d'arte
Stato

bandiera Italia

Regione Stemma Toscana
Regione ecclesiastica Toscana
Provincia Firenze
Comune

Stemma Firenze

Località
Diocesi Firenze
Parrocchia o Ente ecclesiastico
Ubicazione specifica Basilica di San Lorenzo, Cappella Martelli
Uso liturgico quotidiano
Comune di provenienza Firenze
Luogo di provenienza ubicazione originaria
Oggetto pala d'altare
Soggetto Annunciazione; Storie di san Nicola di Bari
Datazione 1440 ca.
Datazione
Datazione Fine del {{{fine del}}}
inizio del {{{inizio del}}}
Ambito culturale
Autore

Filippo Lippi

Altre attribuzioni
Materia e tecnica tempera su tavola
Misure h. 175 cm; l. 183 cm
Iscrizioni
Stemmi, Punzoni, Marchi
Note
Collegamenti esterni
Virgolette aperte.png

26Al sesto mese, l'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, 27a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. 28Entrando da lei, disse: "Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te". 29A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. 30L'angelo le disse: "Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. 31Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. 32Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell'Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre 33e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine"....
34Allora Maria disse all'angelo: "Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?". 35Le rispose l'angelo: "Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell'Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. 36Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch'essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: 37nulla è impossibile a Dio". 38Allora Maria disse: "Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola". E l'angelo si allontanò da lei.
Virgolette chiuse.png

L'Annunciazione (detta anche Annunciazione Martelli) è una pala d'altare, eseguita nel 1440 circa, a tempera su tavola, da Filippo Lippi (1406 ca. - 1469), ubicata nella Cappella Martelli della Basilica di San Lorenzo di Firenze.

Descrizione

Soggetto

La scena dell'Annunciazione è divisa in due parti, come un dittico, con il punto d'unione rappresentato dalla prospettiva centrale che presenta, in una complessa scenografia architettonica, alcuni edifici sullo sfondo di una loggia aperta.

Filippo Lippi, Annunciazione (con cornice), 1440 ca., tempera su tavola

Nella scena compaiono:

  • a destra:
    • Maria Vergine, raffigurata in piedi, distolta dalla lettura di un libro sacro posto su un leggio, è colta di sorpresa per l'apparizione improvvisa dell'Arcangelo.
    • San Gabriele arcangelo, inginocchiato al suo cospetto, la guarda timidamente e con dolcezza, ha in mano il giglio bianco, simbolo della purezza di Maria.
  • a sinistra:
    • Coppia di angeli posti sopra un gradino.

Note stilistiche, iconografiche e iconologiche

  • La pala è considerata la prima opera in cui si rinunciava a qualsiasi elemento gotico, quale cuspidi e pinnacoli, in favore di uno schema geometrico quadrangolare.
  • Alcuni elementi rimandano alla pittura fiamminga, verso la quale Filippo Lippi dimostrò un notevole interesse soprattutto dal suo soggiorno padovano, come l'uso della luce che crea vari effetti di "lustro" secondo la superficie e la virtuosistica ampolla vitrea, in primo piano, allusione allo Spirito Santo.
  • Lo schema compositivo e la disposizione di Maria Vergine e di san Gabriele arcangelo sono ispirati all'edicola devozionale con l'Annunciazione (1435 ca.), opera di Donatello.

Predella

La pala è corredata da una predella, composta di tre scomparti, che raffigurano:

Firenze BaS.Lorenzo F.Lippi AnnunciazioneMartelli Predella01 1440.jpg Firenze BaS.Lorenzo F.Lippi AnnunciazioneMartelli Predella03 1440.jpg Firenze BaS.Lorenzo F.Lippi AnnunciazioneMartelli Predella02 1440.jpg

Filippo Lippi, Predella con Storie di san Nicola di Bari (1440 ca.), tempera su tavola

Notizie storico-critiche

La pala, eseguita intorno al 1440, secondo alcuni elementi, come la presenza delle Storie di san Nicola di Bari nella predella, venne probabilmente commissionata da Niccolò Martelli, ricco fiorentino (o dai suoi figli, in memoria del padre) che fu tra i finanziatori della ricostruzione della Basilica di San Lorenzo all'epoca dei Medici.

Note
Bibliografia
  • Antonio Paolucci, Filippo Lippi, col. "Art Dossier", Editore Giunti, Firenze 2007, pp. 10 - 11
  • Rolf Toman, Arte italiana del Rinascimento: architettura, scultura e pittura, Editore Könemann, Colonia 1998, pp. 258 - 259 ISBN 9783829020404
  • Stefano Zuffi, La pittura italiana, Editore Mondadori-Electa, Milano 1997, p. 119 ISBN 9788843559114
Voci correlate
Firma documento.png

Il contenuto di questa voce è stato firmato il giorno 21 settembre 2013 da Teresa Morettoni, esperta in museologia, archeologia e storia dell'arte.

Il firmatario ne garantisce la correttezza, la scientificità, l'equilibrio delle sue parti.

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.