Chiesa di Nostra Signora del Suffragio e Santa Zita (Torino)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Chiesa di Nostra Signora del Suffragio e Santa Zita
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
Campanile chiesa di santa Zita Torino.jpg
Torino, Chiesa di Nostra Signora del Suffragio e Santa Zita
Altre denominazioni
Stato bandiera Italia
Regione Stemma Piemonte


Regione ecclesiastica Piemonte

Provincia Torino
Comune Stemma Torino
Località
Diocesi Torino
Religione Cattolica
Indirizzo
Telefono
Fax
Posta elettronica [mailto: ]
Sito web

[http:// Sito ufficiale]

Sito web 2
Proprietà
Oggetto tipo Chiesa
Oggetto qualificazione
Dedicazione Maria Vergine
Santa Zita
Vescovo
Fondatore Francesco Faà di Bruno
Data fondazione 1866
Architetti

Edoardo Arborio Mella
Francesco Faà di Bruno

Stile architettonico Neoromanico
Inizio della costruzione 1866
Completamento
Distruzione
Soppressione
Ripristino {{{Ripristino}}}
Scomparsa {{{Scomparsa}}}
Data di inaugurazione
Inaugurato da
Data di consacrazione
Consacrato da
Titolo
Strutture preesistenti
Pianta
Tecnica costruttiva
Materiali
Data della scoperta {{{Data scoperta}}}
Nome scopritore {{{Nome scopritore}}}
Datazione scavi {{{Datazione scavi}}}
Scavi condotti da {{{Scavi condotti da}}}
Altezza Massima
Larghezza Massima
Lunghezza Massima {{{LunghezzaMassima}}}
Profondità Massima
Diametro Massimo {{{DiametroMassimo}}}
Altezza Navata
Larghezza Navata
Altitudine {{{Altitudine}}}
Iscrizioni
Marcatura
Utilizzazione
Note
Coordinate geografiche
45°04′48″N 7°39′53″E / 45.08010, 7.66478 bandiera Italia
Patrimonio UNESCO.png Patrimonio dell'umanità
{{{nome}}}
{{{nomeInglese}}}
[[Immagine:{{{immagine}}}|240px]]
Tipologia {{{tipologia}}}
Criterio {{{criterio}}}
Pericolo Bene non in pericolo
Anno [[{{{anno}}}]]
Scheda UNESCO
[[Immagine:{{{linkMappa}}}|300px]]
[[:Categoria:Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}|Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}]]

La Chiesa di Nostra Signora del Suffragio e Santa Zita è situata a Torino, nel quartiere di San Donato.

Storia

La chiesa venne edificata, in stile neoromanico, nel 1866 per iniziativa di Francesco Faà di Bruno.

Rappresenta il coronamento dell'attività misericordiosa del beato Francesco Faà di Bruno che fondò l'Opera di Santa Zita nel 1859;[1] la congregazione delle Suore Minime di Nostra Signora del Suffragio, fondata dallo stesso Faà di Bruno nel 1881, trasse il suo nome dal titolo della chiesa. [2]

La progettazione della chiesa fu inizialmente assegnata da Francesco Faà di Bruno, all'architetto Edoardo Arborio Mella, ma che successivamente decise di occuparsi personalmente della realizzazione della chiesa e del campanile nel suo complesso.

Descrizione

La chiesa ha un campanile che, con i suoi 83 metri, è la terza sommità più alta della città di Torino[3], dopo la Mole Antonelliana e la Torre Littoria. .

L'altezza significativa dell'edificio è dovuta ad un motivo curioso e prettamente sociale. Il Faà di Bruno voleva evitare che i lavoratori della città venissero ingannati sull'orario di lavoro. Calcolò così che un orologio di due metri di diametro collocato sulle quattro facce del campanile a circa 70 metri di altezza sarebbe stato visibile in gran parte della città e liberamente consultabile da tutti.

Tra le opere significative al suo interno da, notare sopra l'altare centrale, nell'abside, il gruppo scultoreo di Nostra Signora del Suffragio Universale realizzata in un unico blocco di marmo di Carrara e firmata da Antonio Tortone.

A. Tortone, Madonna del Suffragio
Note
  1. Di qui chiaramente deriva anche il nome popolare di Chiesa di Santa Zita.
  2. A. M. Galuzzi, DIP, vol. V, col. 1352.
  3. Vedi la Voce Costruzioni più alte della città di Torino di it.wiki: il materiale ivi presente è stato rielaborato in senso cattolico e integrato
Collegamenti esterni
Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.