Arcidiocesi di Torino

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

Arcidiocesi di Torino
Archidioecesis Taurinensis
Chiesa latina

Torino-duomo.jpg
Arcivescovo Metropolita Cesare Nosiglia
Sede Torino

sede vacante
Torino

Amministratore apostolico {{{amministratore}}}
Nuvola apps important.svg
Ci sono degli errori relativi alla categorizzazione automatica dovuti al fatto che alcuni parametri non sono stati valorizzati!
  • Parametro: Parametro vescovo eletto senza parametro titolo eletto

Vedi {{Diocesi della chiesa cattolica/man}}

La voce è stata segnalata nella Categoria:Diocesi della chiesa cattolica/warning.

{{{vescovo eletto}}}
Suffraganea
Regione ecclesiastica Piemonte
225px-Torino diocesi.png
Cattedrale di San Giovanni Battista
Provincia italiana di Torino
Collocazione geografica della diocesi
Nazione bandiera Italia
diocesi suffraganee
Acqui, Alba, Aosta, Asti, Cuneo, Fossano, Ivrea, Mondovì, Pinerolo, Saluzzo, Susa
coadiutore
vicario
provicario
generale
ausiliari

Cariche emerite:

cardinale Severino Poletto
vescovo ausiliare Guido Fiandino
Parrocchie 359 (26 vicariati )
Sacerdoti

1.137 di cui 561 secolari e 576 regolari
1.779 battezzati per sacerdote

913 religiosi 3.603 religiose 131 diaconi
2.115.000 abitanti in 3.350 km²
2.020.313 battezzati (95,5% del totale)
Eretta IV secolo
Rito romano
cattedrale {{{cattedrale}}}
Santi patroni
Via Arcivescovado 12, 10121 Torino, Italia
tel. +390115156211 fax. 011.515.62.09 @

Sito ufficiale

Dati dall'annuario pontificio 2011 riferiti al 2010 Scheda
Chiesa cattolica in Italia
Tutte le diocesi della Chiesa cattolica

L'arcidiocesi di Torino (in latino: Archidioecesis Taurinensis) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica appartenente alla regione ecclesiastica Piemonte. Nel 2010 contava 2.020.313 battezzati su 2.115.000 abitanti. Il santo patrono è San Giovanni Battista, a cui è dedicata la cattedrale metropolitana.

Particolare devozione è riservata alla patrona della città di Torino, la Vergine Maria, venerata con il titolo di Consolata e consolatrice.

È attualmente retta dall'arcivescovo mons.Cesare Nosiglia.

Territorio

L'Arcidiocesi comprende buona parte della provincia di Torino (137 comuni), nonché 15 comuni in provincia di Cuneo e 6 comuni in provincia di Asti.

Sede arcivescovile è la città di Torino, dove si trova la Cattedrale di San Giovanni Battista.

Il territorio è suddiviso in 4 zone pastorali, divise a loro volta in 26 vicariati, ulteriormente suddivisi in 359 parrocchie.

Nel 1947 ha ceduto alcuni territori alla diocesi di Gap e alla diocesi di Saint-Jean de Maurienne in Francia.

Parrocchie

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Parrocchie dell'Arcidiocesi di Torino.

Storia

Non si hanno dati storici certi o particolarmente documentati sulle origini del cristianesimo a Torino. Le prime figure di riferimento del cristianesimo subalpino sono i Santi Avventore, Ottavio e Solutore (vissuti nel III secolo) i Protomartiri torinesi o almeno quelli di cui ci è noto il nome, già venerati al tempo di San Massimo. Le comunità cristiane dell'attuale Italia nord-occidentale si organizzarono in Chiese (ossia in Diocesi), con a capo un Vescovo, prevalentemente in epoca costantiniana.

Il primo Vescovo di Torino è ritenuto essere San Massimo: non si hanno notizie di altri vescovi prima di lui. San Massimo morì tra il 408 ed il 423.

Si ricorda un altro vescovo di nome Massimo che resse la diocesi tra il 451 ed il 465.

Originariamente la diocesi di Torino si estendeva alle valli della Moriana, di Susa e di Lanzo, che intorno al VII secolo passarono sotto la giurisdizione del vescovo di Vienne e dal 774 furono aggregate alla diocesi di Saint-Jean de Maurienne.

Nel 1033 la Diocesi di Torino riacquistò le valli di Susa e di Lanzo.

Durante il Medioevo al Capitolo della Cattedrale spettava l'elezione del Vescovo, ma a partire dal XIV secolo la Santa Sede esercitò la sua influenza nell'elezione. Nel 1300 Bonifacio VIII annullò l'elezione di Tommaso II di Savoia fatta dal capitolo e impose sulla cattedra torinese Teodisio Revelli. Nel 1411 i diritti dei Canonici erano già estinti e Giovanni XXII eleggeva Aimone da Romagnano, senza concedere al capitolo di avanzare una proposta.[1]

Il 6 giugno 1453 le cronache riportano il famoso miracolo del Corpus Domini, che è all'origine della basilica omonima. Secondo le cronache del tempo un'ostia presente in un ostensorio rubato si levò rimanendo sospesa in aria, sopra molti spettatori. Sopraggiunto il Vescovo, l'ostia rimase sospesa, finché si posò su un calice. Le specie eucaristiche incorrotte si sono conservate ancora oltre l'erezione della basilica (1521), finché da Roma fu ordinato di consumarle sacramentalmente.

Per tutto il medioevo restò suffraganea della Arcidiocesi di Milano fino a quando il 21 maggio 1515 Papa Leone X con la bolla Cum illius la elevò al rango di Arcidiocesi Metropolitana, dandole con l'altra bolla dello stesso giorno Hodie ex certis come Diocesi suffraganee quella di Mondovì e quella di Ivrea.

Nel 1578 l'antica reliquia della Sacra Sindone fu trasferita da Chambéry a Torino.

Nel XVIII secolo acquistò grande importanza soprattutto per merito dei due Vescovi Francesco Luserna Rorengo di Rorà e Vittorio Maria Baldassare Gaetano Costa d'Arignano. Vennero staccate da Torino le diocesi di Pinerolo (1748) e di Susa (1772).

Nel XIX secolo la Diocesi di Torino si popola di numerose figure di santi: san Giuseppe Benedetto Cottolengo, fondatore della Piccola Casa della Divina Provvidenza; San Giovanni Bosco fondatore dei Salesiani; san Leonardo Murialdo, fondatore della Congregazione di San Giuseppe; san Giuseppe Cafasso, il confessore degli impiccati al Rondò della forca; santa Maria Domenica Mazzarello; san Domenico Savio e Francesco Faà di Bruno, il beato Giuseppe Allamano fondatore dei Missionari della Consolata.

Cronotassi dei vescovi

Sede vacante (1713-1727)

Statistiche

L'arcidiocesi al termine dell'anno 2010 su una popolazione di 2.115.000 persone contava 2.020.313 battezzati, corrispondenti al 95,5% del totale.

Note
Bibliografia
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.