Chiesa di San Giuliano Martire (Roma)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
1leftarrow.png Voce principale: Chiese di Roma.
Chiesa di San Giuliano Martire
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
Roma Ch.S.GiulianoMartire.jpg
Roma, Chiesa di San Giuliano Martire (1993-1995)
Altre denominazioni Chiesa di San Giuliano a Via Cassia
Stato bandiera Italia
Regione bandiera Lazio


Regione ecclesiastica Lazio

Provincia Roma
Comune Stemma Roma
Località
Diocesi Roma
Vicariatus Urbis
Religione Cattolica
Indirizzo Via Cassia, 1036
00189 Roma (RM)
Telefono +39 06 30310470
Fax
Posta elettronica parrocchiasangiulianoroma@gmail.com
Sito web

[http:// Sito ufficiale]

Sito web 2
Proprietà
Oggetto tipo Chiesa
Oggetto qualificazione parrocchiale
Dedicazione San Giuliano martire
Vescovo
Fondatore Ugo Poletti
Data fondazione 21 dicembre 1980
Architetto

Igino Pineschi

Stile architettonico
Inizio della costruzione 1993
Completamento 1995
Distruzione
Soppressione
Ripristino {{{Ripristino}}}
Scomparsa {{{Scomparsa}}}
Data di inaugurazione {{{AnnoInaugur}}}
Inaugurato da {{{InauguratoDa}}}
Data di consacrazione 18 novembre 1995
Consacrato da cardinale Camillo Ruini
Titolo San Giuliano Martire (diaconia)
Strutture preesistenti
Pianta basilicale
Tecnica costruttiva
Materiali cemento armato, laterizi
Data della scoperta {{{Data scoperta}}}
Nome scopritore {{{Nome scopritore}}}
Datazione scavi {{{Datazione scavi}}}
Scavi condotti da {{{Scavi condotti da}}}
Altezza Massima
Larghezza Massima
Lunghezza Massima {{{LunghezzaMassima}}}
Profondità Massima
Diametro Massimo {{{DiametroMassimo}}}
Altezza Navata
Larghezza Navata
Altitudine {{{Altitudine}}}
Iscrizioni
Marcatura
Utilizzazione
Note
Coordinate geografiche
41°58′30″N 12°25′40″E / 41.97492, 12.42770 Stemma Roma
Mappa di localizzazione New: Roma
Chiesa di S. Giuliano Martire
Chiesa di S. Giuliano Martire
Basilica di S. Pietro
Basilica di S. Pietro
Basilica di S. Giovanni in Laterano
Basilica di S. Giovanni in Laterano
Patrimonio UNESCO.png Patrimonio dell'umanità
{{{nome}}}
{{{nomeInglese}}}
[[Immagine:{{{immagine}}}|240px]]
Tipologia {{{tipologia}}}
Criterio {{{criterio}}}
Pericolo Bene non in pericolo
Anno [[{{{anno}}}]]
Scheda UNESCO
[[Immagine:{{{linkMappa}}}|300px]]
[[:Categoria:Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}|Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}]]

La Chiesa di San Giuliano Martire, detta anche Chiesa di San Giuliano a Via Cassia, è un edificio di culto di Roma, situato nella periferia settentrionale della città, nella zona detta Tomba di Nerone.

Storia

La chiesa è sede parrocchiale, istituita il 21 dicembre 1980 dal cardinale vicario Ugo Poletti con il decreto La situazione religiosa e affidata al clero diocesano di Roma.

L'edificio fu costruito, tra il 1993 e il 1995, su progetto dell'architetto Igino Pineschi (n. 1933) e venne consacrato il 18 novembre 1995 dal cardinale vicario Camillo Ruini (n. 1931).

È sede della diaconia di San Giuliano Martire istituita da papa Benedetto XVI il 18 febbraio 2012: l'attuale titolare è il cardinale Kevin Joseph Farrell.

Descrizione

Esterno

Si accede alla chiesa sia tramite un percorso coperto con pensilina in rame e vetro, preceduta da una scalinata, sia tramite due rampe laterali che superano un dislivello terrazzato con un piccolo sagrato.

Chiesa di San Giuliano Martire (interno)

La facciata, leggermente convessa con taglio verticale sull'ingresso, è affiancata a sinistra dal campanile con struttura in traliccio metallico a sostegno delle campane.

Interno

L'aula liturgica, che si sviluppa longitudinalmente e perpendicolarmente all'asse stradale, con pianta basilicale a tre navate, è caratterizzata da una successione di volumi architettonici che ospitano i confessionali, il fonte battesimale e la cappella feriale.

La struttura è in cemento con pilastri a sezione circolare e setti in laterizi, che sorreggono una copertura piana, impostata su differenti livelli, che s'innalza progressivamente fino al presbiterio. L'altare è in posizione avanzata rispetto al catino absidale, squadrato, illuminato da un lucernario.

Nella navata sinistra, accanto al presbiterio, è collocata la Schola Cantorum.

Il piano di calpestio è coperto da una pregevole pavimentazione in marmo bianco e grigio a motivi geometrici.

Bibliografia
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.