Chiesa di Santa Maria del Carmelo (Roma)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando altri significati del nome Santa Maria, vedi Santa Maria (disambigua).
1leftarrow.png Voce principale: Chiese di Roma.
Chiesa di Santa Maria del Carmelo
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
Roma Ch.S.MariaCarmelo 1980-86.jpg
Roma, Chiesa di Santa Maria del Carmelo (1979-1984)
Altre denominazioni
Stato bandiera Italia
Regione bandiera Lazio


Regione ecclesiastica Lazio

Provincia Roma
Comune Stemma Roma
Località
Diocesi Roma
Vicariatus Urbis
Religione Cattolica
Indirizzo Piazza Beata Vergine del Carmelo, 10
00144 Roma (RM)
Telefono +39 06 5294061; +39 06 52244123
Fax +39 06 52244818
Posta elettronica parrocchiasantamariadelcarmelo@gmail.com
santamariadelcarmelo@diocesidiroma.it
Sito web

Sito ufficiale

Sito web 2
Proprietà Pontificia Opera per la Preservazione della Fede e la provvista di nuove Chiese in Roma
Oggetto tipo Chiesa
Oggetto qualificazione parrocchiale
Dedicazione Maria Vergine
Vescovo
Sigla Ordine qualificante O.C.
Sigla Ordine reggente O.C.
Fondatore
Data fondazione
Architetto

Giuseppe Spina

Stile architettonico
Inizio della costruzione 1979
Completamento 1984
Distruzione
Soppressione
Ripristino {{{Ripristino}}}
Scomparsa {{{Scomparsa}}}
Data di inaugurazione 8 dicembre 1984
Inaugurato da vescovo ausiliare Clemente Riva
Data di consacrazione 4 ottobre 1986
Consacrato da cardinale vicario Ugo Poletti
Titolo
Strutture preesistenti
Pianta centrale
Tecnica costruttiva
Materiali calcestruzzo armato
Data della scoperta {{{Data scoperta}}}
Nome scopritore {{{Nome scopritore}}}
Datazione scavi {{{Datazione scavi}}}
Scavi condotti da {{{Scavi condotti da}}}
Altezza Massima
Larghezza Massima
Lunghezza Massima {{{LunghezzaMassima}}}
Profondità Massima
Diametro Massimo {{{DiametroMassimo}}}
Altezza Navata
Larghezza Navata
Altitudine {{{Altitudine}}}
Iscrizioni
Marcatura
Utilizzazione
Note
Coordinate geografiche
41°48′32″N 12°26′41″E / 41.80884, 12.44468 Stemma Roma
Mappa di localizzazione New: Roma
Chiesa di S. Maria del Carmelo
Chiesa di S. Maria del Carmelo
Basilica di S. Pietro
Basilica di S. Pietro
Basilica di S. Giovanni in Laterano
Basilica di S. Giovanni in Laterano
Patrimonio UNESCO.png Patrimonio dell'umanità
{{{nome}}}
{{{nomeInglese}}}
[[Immagine:{{{immagine}}}|240px]]
Tipologia {{{tipologia}}}
Criterio {{{criterio}}}
Pericolo Bene non in pericolo
Anno [[{{{anno}}}]]
Scheda UNESCO
[[Immagine:{{{linkMappa}}}|300px]]
[[:Categoria:Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}|Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}]]

La Chiesa di Santa Maria del Carmelo è un edificio di culto di Roma, situato nella periferia meridionale della città, nella zona Torrino.

Storia

Dalla fondazione ad oggi

La chiesa è sede parrocchiale, istituita il 1º gennaio 1974 dal cardinale vicario Ugo Poletti (1914-1997) con il decreto Quo uberius ed è stata affidata all'Ordine della Beata Vergine del Monte Carmelo.

La chiesa fu edificata su progetto dell'architetto Giuseppe Spina, tra il 1979 e il 1984. L'8 dicembre del medesimo anno venne inaugurata con una solenne celebrazione liturgica, presieduta dal vescovo ausiliare Clemente Riva (1922-1999). Il 4 ottobre 1986 fu consacrata dal cardinale Ugo Poletti.

Titolo cardinalizio

La chiesa è sede del titolo cardinalizio di Beata Vergine Maria del Monte Carmelo a Mostacciano, istituito da papa Giovanni Paolo II il 28 giugno 1988: l'attuale titolare è il cardinale Anthony Olubunmi Okogie.

Descrizione

Chiesa di Santa Maria del Carmelo (interno)

La chiesa, a pianta centrale con annesse sale parrocchiali disposte a raggiera, è interamente realizzata in calcestruzzo armato a facciavista, color travertino. La cappella feriale è ospitata in un apposito volume vetrato, che aggetta dal prospetto principale, affiancato dalla pensilina che segna l'ingresso.

L'aula liturgica, coperta a tenda, ha sedute ad anfiteatro, che degradano verso l'altare che presenta una copertura piana. La parete absidale è suddivisa in due porzioni da un setto centrale, che ospita il tabernacolo, ed è parzialmente vetrata alla destra dell'altare.

Il fonte battesimale, dalla particolare forma poligonale, è inserito in un ambiente alla destra del presbiterio.

Bibliografia
  • Stefano Mavilio, Guida all'architettura sacra. Roma, 1945-2005, col. "Luoghi e architetture", Mondadori-Electa, Milano, 2006, p. 190, ISBN 9788837041410
  • Claudio Rendina, Le Chiese di Roma. Storia e segreti, col. "Tradizioni italiane", Newton & Compton, Roma, 2017, p. 205, ISBN 9788854188358
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.