José de Acosta

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
José de Acosta, S.J.
Presbitero
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo
ERRORE in "fase canonizz"

JoseDeAcosta.gif

{{{didascalia}}}
{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte 60 anni
Nascita Medina del Campo
1540
Morte Salamanca
15 febbraio 1600
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale 1556
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni

José de Acosta (Medina del Campo, 1540; † Salamanca, 15 febbraio 1600) è stato un presbitero e missionario spagnolo, appartenente alla Compagnia di Gesù.

Vita

All'età di tredici anni entrò tra i Gesuiti di Medina. Quattro dei suoi fratelli lo seguirono successivamente nello stesso ordine.

Insegnò teologia a Ocana prima di essere inviato, nell'aprile 1569, a Lima, in Perù, dove i Gesuiti si erano stabiliti già l'anno precedente. Qui continuò a insegnare teologia. Nel 1571 fu inviato come visitatore del collegio dei gesuiti di Cuzco, di recente fondazione. Tornato a Lima nel 1574 riprese l'insegnamento e nel 1576 fu eletto Provinciale. Fondò parecchi collegi tra i quali Arequipa, Potose, Chuquisaca, Panama e La Paz anche se fu fortemente osteggiato dal vicerè Francisco de Toledo. Per il ruolo che ebbe, visitò molti territori e acquisì una buona conoscenza della vasta provincia e della popolazione indigena.

Richiamato in Spagna dal re, si fermò in Messico dove si dedicò agli studi sul territorio e le popolazioni locali.


Ritornato in Europa nel 1594, insegnò teologia al Collegio Romano. Nel 1600, anno della sua morte, era rettore del collegio di Salamanca.

Copertina della Historia natural y moral

Opere

Oltre che per la pubblicazione degli atti dei consigli provinciali del 1567 e del 1583 e altre diverse pubblicazioni di carattere teologico, José de Acosta è conosciuto per il "De Natura Novi Orbis", il "De promulgatione Evangelii apud Barbaros, sive De Procuranda Indorum Salute" e soprattutto per la "Historia natural y moral de las Indias". Le prime due opere furono pubblicata a Salamanca nel 1588, la terza a Siviglia nel 1590 e fu subito tradotta in varie lingue.

La "Historia natural y moral de las Indias", anche se necessariamente parziale dal punto di vista scientifico a causa dei limiti della conoscenza scientifica, dimostra intuizioni e comprensioni notevoli rispetto ad altri naturalisti dell'epoca.

Il "De De promulgatione Evangelii" mostra il punto di vista dal quale gli sforzi di cristianizzazione degli indigeni avrebbe dovuto essere intrapreso rivelando una comprensione non comune della cultura e delle civilità indigene e dei metodi che avrebbero potuto essere utili per la missione.

Bibliografia
  • Enrique Torres Saldanando, Los antiquos Jesuitas del Peru, Lima 1882.
  • Claudio M. Burgaleta, José de Acosta (1540-1600). His Life and Thought, Chicago 1999.
  • Sabine MacCormack, Religion in the Andes. Vision and Imagination in Early Colonial Peru, Princeton 1991.
  • (ES) Diccionario histórico de la Compañía de Jesús, p. 10, online
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.