Beato Mykola Čarneckyj

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Mykola Čarneckyj)
Beato Mykola Čarneckyj, C.SS.R.
Vescovo
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Beato

90034E.JPG

'
Titolo
Età alla morte 74 anni
Nascita Semakivci
14 dicembre 1884
Morte Leopoli
2 aprile 1959
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[]]
Professione religiosa 16 settembre 1920
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale 2 ottobre 1909 da Mons. Gregory Khomyshyn
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile 2 febbraio 1931
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti Vescovo titolare di Lebedo
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione 27 giugno 2001, da Giovanni Paolo II
Canonizzazione [[]]
Ricorrenza 2 aprile
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 2 aprile, n. 15:
« A Leopoli in Ucraina, beato Nicola Čarneckyj, vescovo, che svolse il suo ministero di esarca apostolico di Volyn’ e Pidljashja in tempo di persecuzione contro la fede e, seguendo come pastore fedele le orme di Cristo, per sua grazia raggiunse il regno celeste. »
(Santo di venerazione particolare o locale)

Beato Mykola Čarneckyj (Semakivci, 14 dicembre 1884; † Leopoli, 2 aprile 1959) è stato un vescovo ucraino. Religioso della Congregazione del Santissimo Redentore, nel 2001 è stato proclamato beato da papa Giovanni Paolo II insieme con altre 24 vittime del regime sovietico di nazionalità ucraina.

Cenni biografici

Mykola (Nicola in italiano) Čarneckyj nacque il 14 dicembre 1884 a Semakivtsi nell'Ucraina Occidentale, primogenito dei nove figli di Alexander e Parasceva Charnetsky.

Nel 1903 entrò nel Seminario di Stanislaviv. Dal 1903 al 1910 fu alunno del Collegio Ucraino a Roma, coronando gli studi con il dottorato in teologia. Fu ordinato sacerdote il 2 ottobre 1909, insegnò poi nel seminario di Stanislaviv, dove fu anche padre spirituale. Nel 1919 entrò nella Congregazione dei Missionari Redentoristi, fece la sua professione religiosa il 16 settembre dell'anno seguente.

Nel 1926 fu nominato visitatore apostolico per i greco-cattolici in Volyn, dove le strutture della Chiesa greco-cattolica furono distrutte dal regime zarista nel XIX secolo. Nel 1931 fu nominato Ordinario dei cattolici di rito bizantino-slavo in Polonia e fu ordinato vescovo l'8 febbraio a Roma.

Nel 1944 i sovietici invasero l'Ucraina e l'anno successivo tutti i vescovi greco-cattolici ucraini furono arrestati, come parte del piano sovietico di sopprimere la Chiesa e trasferire la proprietà alla Chiesa ortodossa statuale.

Durante la sua permanenza in carcere Bishop Mykolay subì frequenti e violenti interrogatori. Fu accusato di essere un agente di una potenza straniera, il Vaticano, e in seguito fu condannato ai lavori forzati e deportato in Siberia.

Inizialmente uno dei suoi compatrioti di prigionia fu il celebre cardinale Josyf Slipyj entrambi prigionieri a Mariinsk, nel sud della Siberia. Tra il suo arresto dell'11 aprile 1945 e la sua liberazione undici anni dopo, il vescovo Mykolay fu spostato in una trentina di carceri del KGP.

Nel 1956 fu scarcerato e riportato a Lviv ormai moribondo. Ripresosi continuò il suo ministero vescovile a Lviv. Fortemente debilitato, dal suo letto dirigeva la Chiesa delle catacombe. Il Beato morì a Lviv il 2 aprile 1959.

Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.