Trittico dell'Annunciazione (Carlo Braccesco)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
FRA Parigi MuLouvre C.Braccesco TritticoAnnunciazione 1490-1500.jpg
Carlo Braccesco, Trittico dell'Annunciazione (1490 - 1500), tempera su tavola
Annunciazione
Opera d'arte
Stato

bandiera Francia

Regione Île-de-France
Regione ecclesiastica [[|]]
Dipartimento Parigi
Comune

Stemma Parigi

Località
Diocesi Parigi
Parrocchia o Ente ecclesiastico
Ubicazione specifica Museo del Louvre
Uso liturgico nessuno
Comune di provenienza
Luogo di provenienza
Oggetto trittico
Soggetto San Gabriele arcangelo annuncia a Maria la nascita di Gesù
Datazione 1490 - 1500
Datazione
Datazione Fine del {{{fine del}}}
inizio del {{{inizio del}}}
Ambito culturale Ambito lombardo
Autore

Carlo Braccesco

Altre attribuzioni
Materia e tecnica tempera su tavola
Misure h. 107 cm; l. 158 cm
Iscrizioni
Stemmi, Punzoni, Marchi
Note

<span class="geo-dms" title="Mappe, foto aeree ed altre informazioni per Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto. Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto.">Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto. Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto. / {{{latitudine_d}}}, {{{longitudine_d}}} {{{{{sigla paese}}}}}


Collegamenti esterni
Virgolette aperte.png

26Al sesto mese, l'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, 27a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. 28Entrando da lei, disse: "Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te". 29A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. 30L'angelo le disse: "Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. 31Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. 32Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell'Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre 33e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine"....
34Allora Maria disse all'angelo: "Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?". 35Le rispose l'angelo: "Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell'Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. 36Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch'essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: 37nulla è impossibile a Dio". 38Allora Maria disse: "Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola". E l'angelo si allontanò da lei.
Virgolette chiuse.png

Il Trittico dell'Annunciazione è un dipinto, eseguito tra il 1490 e il 1500, a tempera su tavola, attribuita a Carlo Braccesco († 1501 ca.), conservato presso il Museo del Louvre a Parigi.

Inizialmente, il trittico era completato da altri elementi (predella e scomparti superiori), oggi andati dispersi.

Descrizione

Trittico

Il trittico è composto da tre scomparti:

  • scomparto centrale, Annunciazione: l'evento si svolge in un arioso loggiato, con un pavimento a scacchi in prospettiva, la cui spazialità è suggerita anche da un gradino, e chiuso da un alto parapetto decorato a girali marmoree, oltre il quale si vede un ampio paesaggio con una città; nella scena compaiono:
Carlo Braccesco, Trittico dell'Annunciazione (part. San Gabriele arcangelo annunciante e il paesaggio), 1490 - 1500, tempera su tavola

Note stilistiche, iconografiche ed iconologiche

  • I garofani rossi, collocati in un vaso sul loggiato, nella simbologia cristiana sono associati alla Passione di Gesù, poiché la forma dei semi ricorda i chiodi con cui Cristo fu inchiodato alla Croce.
  • Il dipinto è compreso nello stile della cosiddetta "congiuntura Nord-Sud", tipica della Liguria del XV secolo, dove elementi mediterranei erano fusi con quelli fiamminghi. Infatti, vi si ritrovano sia elementi formali foppeschi, sia del naturalismo fiammingo, accompagnati al gusto lombardo-ligure per l'oro che non diminuisce l'effetto realistico dell'insieme.
  • La luce è chiara e sbiadisce il quieto paesaggio, quasi a suggerire la calura dell'atmosfera.

Notizie storico-critiche

Nel 1812 Dominique-Vivant Denon, fondatore del Museo Napoleone, la acquistò dalla famiglia Fregoso a Genova e lo catalogò come proveniente da un non meglio precisato oratorio.

L'attribuzione al pittore lombardo Carlo Braccesco fu ipotizzata nel 1942 dallo storico dell'arte Roberto Longhi (18901970),[1] attraverso il confronto stilistico con l'unica opera certa dell'artista, un polittico, firmato e datato 1478, conservato nella Chiesa di Montegrazie, nei pressi di Imperia; quest'attribuzione non è accettata da tutti i critici d'arte, che anzi preferiscono prudentemente parlare di un "Maestro dell'Annunciazione del Louvre".

Note
  1. Roberto Longhi, Carlo Braccesco, Editore Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento - Sezione Lombarda, Milano 1942
Bibliografia
  • S. Facchinetti (a cura di), Carlo Braccesco, Editore Guanda, Milano 2008, ISBN 9788860886392
  • Stefano Zuffi, Episodi e personaggi del Vangelo, Editore Mondadori-Electa, Milano 2002, p. 57 ISBN 9788843582594
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.