Pontificia Commissione per lo Stato della Città del Vaticano

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Pontificia commissione per lo Stato della Città del Vaticano
Pontificia Commissio pro Civitate Vaticana
Spetta a questo ufficio sovrintendere alla legislazione della Città del Vaticano in vece del pontefice.
Vatikan-Regierungspalast.jpg
{{{didascalia}}}
Eretto: 26 novembre 2000
Presidente cardinale Giuseppe Bertello
Consigliere generale dello Stato prof. Cesare Mirabelli
{{{titolo3}}} {{{rettore3}}}
Segretario:
{{{altri}}}
Emeriti: cardinale Giovanni Lajolo
Indirizzo
Palazzo del Gorvernatorato
SCV - 00120 Città del Vaticano
Collegamenti esterni
curia pastor bonus
sito ufficiale
dati catholic hierarchy dati GCatholic
Chiesa cattolica · Santa Sede
Tutti i dicasteri della Curia Romana

La Pontificia commissione per lo Stato della Città del Vaticano ((LA) Pontificia Commissio pro Civitate Vaticana) è l'organismo che esercita il potere legislativo nello Stato della Città del Vaticano.

Dal 1984 il presidente è anche il Governatore dello Stato e dunque detiene il potere esecutivo, sotto la supervisione della Segreteria di Stato.

Costituito in seguito ai Patti Lateranensi del 1929,[1] il neonato Stato della Città del Vaticano, adottò in blocco l’ordinamento giuridico, civile e penale, del Regno d’Italia. In particolare il codice penale italiano del 30 giugno 1889 e il codice di procedura penale italiano del 27 febbraio 1913.[2]

La finalità originaria e fondamentale dell’ordinamento Vaticano, consisteva nel garantire la libertà di esercizio del ministero petrino. “La necessità di dare forma sistematica ed organica ai mutamenti introdotti in fasi successive nell'ordinamento giuridico dello Stato della Città del Vaticano" rese necessario un adeguamento normativo e la promulgazione della nuova legge fondamentale dello stato che avvenne con Motu Proprio di Giovanni Paolo II del 26 novembre 2000. La nuova legge introdusse un ruolo della Segreteria di Stato nell’esercizio del potere legislativo, ordinariamente affidato ad “una Commissione composta da un Cardinale Presidente e da altri Cardinali, tutti nominati dal Sommo Pontefice per un quinquennio”. [3]

La nuova legge sulle fonti del diritto (N. LXXI, del 1 ottobre 2008) confermò la legislazione penale del 1929. In continuità con l’azione intrapresa da Papa Benedetto XVI a partire dal 2010 in tema di prevenzione e contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo, l’11 luglio 2013 la Pontificia Commissione per lo Stato della Città del Vaticano realizzò un intervento normativo di ampia portata. Con Lettera Apostolica in forma di Motu Proprio di Francesco, fu introdotta una riforma che estese l’applicazione delle leggi penali anche ai membri, gli officiali e i dipendenti dei vari organismi della Curia Romana. Questo intervento rese perseguibili da parte degli organi giudiziari dello Stato della Città del Vaticano i reati previsti in queste leggi anche nel caso in cui il fatto fosse commesso al di fuori dei confini dello Stato stesso. Le nuove leggi introducono anche altre figure criminose indicate in diverse convenzioni internazionali, già ratificate dalla Santa Sede. Reati contro la pubblica amministrazione che adesso ricevono attuazione anche nell’ordinamento interno.[4]

Elenco dei Presidenti

Note
  1. Trattato fra la Santa Sede e l’Italia
  2. Di Nostro Moto Proprio di Pio XI
  3. Nuova Legge Fondamentale dello Stato - 26 novembre 2000
  4. Lettera Apostolica, Motu Proprio di Papa Francesco - Giurisdizione Organi Giudiziari
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.