Basilica di Nostra Signora di Guadalupe e San Filippo in Via Aurelia (Roma)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando altri significati del nome Nostra Signora di Guadalupe e San Filippo in Via Aurelia, vedi Nostra Signora di Guadalupe e San Filippo in Via Aurelia (disambigua).
1leftarrow.png Voce principale: Chiese di Roma.
Basilica di Nostra Signora di Guadalupe e San Filippo in Via Aurelia
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
Roma BasNS.Guadalupe+S.Filippo-ViaAurelia.jpg
Roma, Basilica di Nostra Signora di Guadalupe e San Filippo in Via Aurelia (1955-1958)
Altre denominazioni
Stato bandiera Italia
Regione bandiera Lazio


Regione ecclesiastica Lazio

Provincia Roma
Comune Stemma Roma
Località
Diocesi Roma
Vicariatus Urbis
Religione Cattolica
Indirizzo Via Aurelia, 675
00165 Roma
Telefono +39 06 66416551; +39 06 66411720
Fax +39 06 66411730
Posta elettronica info@guadaluperoma.it
Sito web

Sito ufficiale

Sito web 2
Proprietà Legionari di Cristo
Oggetto tipo Chiesa
Oggetto qualificazione basilicale
Dedicazione Maria Vergine
San Filippo di Gesù
Vescovo
Sigla Ordine qualificante L.C.
Sigla Ordine reggente L.C.
Fondatore Papa Pio XII
Data fondazione 1955
Architetto

Gianni Mazzocca

Stile architettonico
Inizio della costruzione 1955
Completamento 1958
Distruzione
Soppressione
Ripristino {{{Ripristino}}}
Scomparsa {{{Scomparsa}}}
Data di inaugurazione
Inaugurato da
Data di consacrazione 12 dicembre 1958
Consacrato da cardinale vicario Clemente Micara
Titolo Nostra Signora di Guadalupe e San Filippo Martire in Via Aurelia (titolo cardinalizio)
Strutture preesistenti
Pianta basilicale
Tecnica costruttiva
Materiali cemento armato, travertino, alabastro
Data della scoperta {{{Data scoperta}}}
Nome scopritore {{{Nome scopritore}}}
Datazione scavi {{{Datazione scavi}}}
Scavi condotti da {{{Scavi condotti da}}}
Altezza Massima
Larghezza Massima
Lunghezza Massima {{{LunghezzaMassima}}}
Profondità Massima
Diametro Massimo {{{DiametroMassimo}}}
Altezza Navata
Larghezza Navata
Altitudine {{{Altitudine}}}
Iscrizioni
Marcatura
Utilizzazione
Note
Coordinate geografiche
41°53′39″N 12°24′59″E / 41.89422, 12.41650 Stemma Roma
Mappa di localizzazione New: Roma
Basilica di N.S. di Guadalupe e S. Filippo
Basilica di N.S. di Guadalupe e S. Filippo
Basilica di S. Pietro
Basilica di S. Pietro
Basilica di S. Giovanni in Laterano
Basilica di S. Giovanni in Laterano
Patrimonio UNESCO.png Patrimonio dell'umanità
{{{nome}}}
{{{nomeInglese}}}
[[Immagine:{{{immagine}}}|240px]]
Tipologia {{{tipologia}}}
Criterio {{{criterio}}}
Pericolo Bene non in pericolo
Anno [[{{{anno}}}]]
Scheda UNESCO
[[Immagine:{{{linkMappa}}}|300px]]
[[:Categoria:Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}|Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}]]

La Basilica di Nostra Signora di Guadalupe e San Filippo in Via Aurelia è un edificio di culto di Roma, situato nella periferia occidentale della città, nel suburbio Aurelio; questa è la chiesa nazionale dei Messico e dell'America Latina.

Storia

Dalla fondazione a oggi

La chiesa fu costruita per volontà di papa Pio XII (1939-1958), che voleva dedicare ai messicani e a tutti i popoli dell'America Latina un luogo di culto intitolato alla Madonna di Guadalupe, già dichiarata nel 1910 da Pio X (1903-1914), patrona del Nuovo Continente.

Nel 1955 Pio XII benedisse la prima pietra, proveniente dalla collina di Tepeyac, in Messico, dove nel 1531 Maria Vergine apparve a san Juan Diego Cuauhtlatoatzin (1474 ca. – 1548) e dove sorge la Basilica di Nostra Signora di Guadalupe.

Nostra Signora di Guadalupe e San Filippo[1] fu edificata fra il 1955 e il 1958 su progetto dell'architetto Gianni Mazzocca e venne consacrata il 12 dicembre 1958 dal cardinale Clemente Micara (1879-1965).

La chiesa è sede parrocchiale, istituita il 22 settembre 1960 con decreto del medesimo Vicario e affidata ai Legionari di Cristo, che ne sono i proprietari.

Il 15 gennaio 1991 papa Giovanni Paolo II (1978 - 2005) l'ha elevata alla dignità di Basilica minore.[2]

Titolo cardinalizio

La chiesa è sede del titolo cardinalizio di Nostra Signora di Guadalupe e San Filippo Martire in Via Aurelia, istituito il 28 giugno 1991 papa Giovanni Paolo II: l'attuale titolare è il cardinale Juan Sandoval Íñiguez.

Descrizione

Esterno

La facciata a salienti, in lastre di travertino, presenta nella parte inferiore tre portali contigui e uguali, mentre la superiore è aperta al centro da un grande rosone ottagonale che incornicia un'immagine, entro mandorla, raffigurante:

Basilica di Nostra Signora di Guadalupe e San Filippo in Via Aurelia (interno)

Interno

La chiesa presenta una pianta basilicale a tre navate con copertura a falde, sorrette da capriate lignee. La navata centrale ha le pareti in lastre di onice messicano, che ne delimitano il volume e che poggiano su una serie di pilastri quadrati, in pietra calcarea, con capitelli e basi modanate, che sostengono la trabeazione del caratteristico disegno.

Il presbiterio, rialzato di alcuni gradini, presenta la parete di fondo completamente decorata a mosaico con motivi floreali stellati, su fondo blu, sulla quale spicca una grande immagine dipinta, entro cornice dorata con Angeli reggicorona, raffigurante:

Lungo le navate laterali, inoltre, si possono ammirare i rilievi raffiguranti:

Note
  1. La chiesa è dedicata anche a san Filippo di Gesù (15721597), frate francescano e missionario messicano, martirizzato a Nagasaki, in Giappone, con altri venticinque religiosi, tra cui san Paolo Miki.
  2. Basiliche minori in Italia
Bibliografia
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.