Chiesa di San Gregorio Nazianzeno (Roma)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Jump to navigation Jump to search
1leftarrow.png Voce principale: Chiese di Roma.
Chiesa di San Gregorio Nazianzeno
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
Roma ChiesaS.GregorioNazianzeno.jpg
Roma, Chiesa di San Gregorio Nazianzeno
Altre denominazioni
Stato bandiera Italia
Regione bandiera Lazio


Regione ecclesiastica Lazio

Provincia Roma
Comune Stemma Roma
Località
Diocesi Roma
Vicariatus Urbis
Religione Cattolica
Indirizzo Vicolo Valdina
00186 Roma (RM)
Telefono
Fax
Posta elettronica [mailto: ]
Sito web

[http:// Sito ufficiale]

Sito web 2
Proprietà Camera dei Deputati
Oggetto tipo Chiesa
Oggetto qualificazione
Dedicazione San Gregorio di Nazianzo
Vescovo
Fondatore Monache basiliane
Data fondazione VIII secolo, metà
Architetto


Stile architettonico romanico, neoclassico
Inizio della costruzione VIII secolo, metà
Completamento XVIII secolo
Distruzione
Soppressione
Ripristino {{{Ripristino}}}
Scomparsa {{{Scomparsa}}}
Data di inaugurazione {{{AnnoInaugur}}}
Inaugurato da {{{InauguratoDa}}}
Data di consacrazione
Consacrato da {{{ConsacratoDa}}}
Data di sconsacrazione {{{Sconsacrazione}}}
Sconsacrato da {{{SconsacratoDa}}}
Titolo
Strutture preesistenti
Pianta
Tecnica costruttiva
Materiali
Data della scoperta {{{Data scoperta}}}
Nome scopritore {{{Nome scopritore}}}
Datazione scavi {{{Datazione scavi}}}
Scavi condotti da {{{Scavi condotti da}}}
Altezza Massima
Larghezza Massima
Lunghezza Massima
Profondità Massima {{{ProfonditàMassima}}}
Diametro Massimo {{{DiametroMassimo}}}
Altezza Navata
Larghezza Navata
Superficie massima {{{Superficie}}}
Altitudine {{{Altitudine}}}
Iscrizioni
Marcatura
Utilizzazione
Note La chiesa è oggi la cappella della Camera dei Deputati
Coordinate geografiche
41°54′07″N 12°28′37″E / 41.901972, 12.476806 Stemma Roma
Mappa di localizzazione New: Roma
Chiesa di S. Gregorio Nazianzeno
Chiesa di S. Gregorio Nazianzeno
Basilica di S. Pietro
Basilica di S. Pietro
Basilica di S. Giovanni in Laterano
Basilica di S. Giovanni in Laterano
Patrimonio UNESCO.png Patrimonio dell'umanità
{{{nome}}}
{{{nomeInglese}}}
[[Immagine:{{{immagine}}}|240px]]
Tipologia {{{tipologia}}}
Criterio {{{criterio}}}
Pericolo Bene non in pericolo
Anno [[{{{anno}}}]]
Scheda UNESCO
[[Immagine:{{{linkMappa}}}|300px]]
[[:Categoria:Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}|Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}]]

La Chiesa di San Gregorio Nazianzeno è un luogo di culto di Roma, situato nel centro storico della città, nel rione Campo Marzio: l'edificio sacro è oggi la cappella della Camera dei Deputati.

Storia

Dalle origini al Medioevo

L'editto promulgato a Costantinopoli, nel 726 da Leone III Isaurico (675 ca. – 741), imperatore bizantino, che proibiva la venerazione di immagini sacre (iconoclastia) provocò disordini e sommosse tra i religiosi, molti dei quali, a causa delle feroci repressioni, furono costretti a fuggire dalla città.

Secondo la tradizione, nel 751 un gruppo di monache basiliane fuggite da Costantinopoli, da dove avevano portato con sé le spoglie di san Gregorio Nazianzeno, ottenne da papa Zaccaria (741-752) una chiesa in rovina, in Campo Marzio, che dedicarono al santo, restaurandola per conservarvi la sacra reliquia. Nel contempo le monache costruirono il loro monastero, su di un terreno adiacente a una chiesa dedicata a Santa Maria.

Nell'XI secolo le monache, che un secolo prima avevano abbandonato il rito greco per abbracciare la regola benedettina, fecero eseguire alcuni lavori di ristrutturazione del complesso monastico.

Nel XII secolo la chiesa venne restaurata e dotata di un campanile con bifore e trifore ripartite da colonnine marmoree.

Dal Cinquecento ad oggi

Nel 1520, la badessa Marzia de Palosci fece costruire un suggestivo chiostro, situato nello spazio che separava la Chiesa di San Gregorio Nazianzeno da quella di Santa Maria, composto di sei arcate per lato, poggiate su eleganti pilastri ottagoni in laterizi, al centro del quale, nel 1648, fu realizzata una grande fontana.

Durante il Sacco di Roma, nel 1527, tutto il complesso venne seriamente danneggiato, ma fu, subito dopo, parzialmente restaurato.

Nel 1563 la badessa Chiara Colonna finanziò personalmente un'ampia ristrutturazione del monastero, un completo restauro della chiesa e la costruzione, in luogo della primitiva chiesa mariana, di una nuovo grande edificio sacro intitolato poi a Santa Maria in Campo Marzio, che separata in seguito dal cenobio benedettino, ebbe una propria storia.

L'11 giugno 1580, papa Gregorio XIII (1572-1585) fece traslare le spoglie del santo con una solenne processione nella Basilica di San Pietro per essere collocate nella Cappella Gregoriana; solo un braccio, custodito in un reliquiario, rimase a San Gregorio Nazianzeno.

Importanti restauri della chiesa si ebbero agli inizi del XVIII secolo e nel 1814.

Nel 1873 il complesso fu espropriato e incamerato dal demanio del Regno d'Italia,[1] successivamente passò in quello della Repubblica italiana. La chiesa venne sconsacrata e il monastero fu adibito ad Archivio del Consiglio di Stato.

Ulteriori restauri dell'edificio furono condotti nel 1945-1949, quando vennero rimossi gli intonaci e le tamponature degli archetti, e rimesse in luce le decorazioni medioevali.

Chiesa di San Gregorio Nazianzeno (interno)

Nel 1970 l'intero complesso fu acquistato dalla Camera dei Deputati, che provvide a far eseguire tra il 1974 e il 1989 una consistente ristrutturazione, destinando gli ambienti del monastero ad uffici e sale per eventi, e restaurando la chiesa che venne riaperta al culto come cappella per i deputati.

La chiesa attualmente è luogo sussidiario di culto della parrocchia dei San Lorenzo in Lucina.

Descrizione

Esterno

Facciata

La semplice facciata a capanna, che prospetta sul suggestivo chiostro cinquecentesco e mostra chiaramente i segni degli ultimi interventi del XVIII secolo, è aperta da un unico portale d'ingresso architravato, sovrastato da quattro finestre incorniciate.

Campanile

Ambito romano, Gesù Cristo benedicente tra san Gregorio Nazianzeno e san Quirino (metà del XII secolo), affresco

Sulla sinistra si erge il campanile romanico, costruito interamente in laterizio nel XII secolo, che si eleva sopra un basamento per cinque piani, di cui il primo con bifore su pilastri, i successivi con trifore su colonnine e capitelli a stampella; la struttura è messa in comunicazione con la chiesa tramite una porta aperta all'interno del primo arco a sinistra.

Interno

L'interno presenta una pianta a navata unica con copertura a volta a botte, arconi laterali di sostegno e arcatelle dipinte, terminate con un'abside semicircolare.

All'interno si notano di particolare interesse storico-artistico:

Note
Bibliografia
  • Ferruccio Lombardi, Roma. Chiese conventi chiostri. Progetto per un inventario, 313-1925, Edil Stampa, Roma, 1993, p. 123
  • Ottorino Montenovesi, La chiesa di San Gregorio Nazianzeno a Campo Marzio in Roma, Tipografia S. Pancrazio, Roma, 1959
  • Claudio Rendina, Le Chiese di Roma. Storia e segreti, col. "Tradizioni italiane", Newton & Compton, Roma, 2017, p. 159, ISBN 9788854188358
  • Touring Club Italiano (a cura di), Roma, col. "Guide Rosse", Touring, Milano, 2005, p. 349, ISBN 9770390107016
Voci correlate
Collegamenti esterni
Firma documento.png

Il contenuto di questa voce è stato firmato il giorno 30 marzo 2021 da Teresa Morettoni, esperta in museologia, archeologia e storia dell'arte.

Il firmatario ne garantisce la correttezza, la scientificità, l'equilibrio delle sue parti.