Gesù Cristo nella casa di Marta e Maria di Betania (Jacopo Bassano)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
USA Houston S.C.B.Foundation J.+F.Bassano GesùcasaMarta+Maria 1576-77.jpg
Jacopo e Francesco Bassano, Gesù Cristo nella casa di Marta e Maria di Betania (1576 - 1577), olio su tela
Gesù Cristo nella casa di Marta e Maria di Betania
Opera d'arte
Stato

bandiera Stati Uniti

Stato federale Texas
Regione ecclesiastica [[|]]
Contea
Comune

Houston

Località
Diocesi Galveston-Houston
Parrocchia o Ente ecclesiastico
Ubicazione specifica Sarah Campbell Blaffer Foundation
Uso liturgico nessuno
Comune di provenienza Mantova
Luogo di provenienza Palazzo Ducale
Oggetto dipinto
Soggetto Gesù Cristo nella casa di Marta e Maria di Betania
Datazione 1576 - 1577
Datazione
Datazione Fine del {{{fine del}}}
inizio del {{{inizio del}}}
Ambito culturale
Autori
  • Jacopo Bassano (Jacopo da Ponte)
  • Francesco Bassano
Altre attribuzioni
Materia e tecnica olio su tela
Misure h. 92 cm; l. 126 cm
Iscrizioni
Stemmi, Punzoni, Marchi
Note
opera firmata
Collegamenti esterni
Virgolette aperte.png

1Sei giorni prima della Pasqua, Gesù andò a Betania, dove si trovava Lazzaro, che egli aveva risuscitato dai morti. 2E qui gli fecero una cena: Marta serviva e Lazzaro era uno dei commensali. 3Maria allora, presa una libbra di olio profumato di vero nardo, assai prezioso, cosparse i piedi di Gesù e li asciugò con i suoi capelli, e tutta la casa si riempì del profumo dell'unguento....
4Allora Giuda Iscariota, uno dei suoi discepoli, che doveva poi tradirlo, disse: 5«Perché quest'olio profumato non si è venduto per trecento denari per poi darli ai poveri?». 6Questo egli disse non perché gli importasse dei poveri, ma perché era ladro e, siccome teneva la cassa, prendeva quello che vi mettevano dentro. 7Gesù allora disse: «Lasciala fare, perché lo conservi per il giorno della mia sepoltura. 8I poveri, infatti, li avete sempre con voi, ma non sempre avete me».
Virgolette chiuse.png

Gesù Cristo nella casa di Marta e Maria di Betania è un dipinto, eseguito tra il 1576 - 1577, ad olio su tela da Jacopo da Ponte, detto Jacopo Bassano (1510 ca. - 1592), in collaborazione con il figlio e Francesco (1549 - 1592), proveniente dal Palazzo Ducale di Mantova ed oggi conservato presso la Sarah Campbell Blaffer Foundation di Houston (USA).

Descrizione

La scena dell'opera si svolge all'interno di una rustica cucina di campagna con camino e piattaia, allestita in una sorta di androne voltato a botte rappresentato in prospettiva. Nel dipinto compaiono:

Inoltre, in primo piano compaiono altri personaggi, come:

  • Cuoca affaccendata intorno al focolare sta girando la zuppa nel fuoco;
  • Giovane garzone con la cesta dei pesci, allude al miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci, sia pure in un contesto d'immediato realismo;
  • Animali domestici (cane e gatto) e varie nature morte.

Nell'ambientazione non c'è netta distinzione tra l'interno e l'esterno: nel paesaggio che si apre sullo sfondo di là dall'arcata, nella luce del lontano tramonto il racconto continua presso il pozzo con la donna che attinge l'acqua.

Notizie storico-critiche

L'opera, originariamente ubicata nel Palazzo Ducale di Mantova, venne eseguita da Jacopo Bassano, in collaborazione con il figlio e Francesco, tra il 1576 - 1577.

Il dipinto, dopo alcuni passaggi in varie collezioni, nel 1974 è stato acquistato dalla Sarah Campbell Blaffer Foundation di Houston.

Dell'opera esistono varie copie antiche, realizzate dalla fine del XVI secolo: questo va letto alla luce del grande successo che ebbero presso il pubblico e i collezionisti questi dipinti di medio formato in cui il soggetto biblico è elaborato come una scena di genere. Una delle copie più celebri è oggi conservata presso il Museo Diocesano Tridentino di Trento.[2]

Note
  1. La presenza nell'opera delle figure di Lazzaro e di due Apostoli indica inequivocabilmente, che essa è ispirata al Vangelo secondo Giovanni e non a quello di Luca (Lc 10,38-42) come riportato da alcuni storici e critici d'arte, confondendo i due racconti evangelici e le iconografie corrispondenti.
  2. Scheda della copia nel sito ufficiale del Museo Diocesano Tridentino
Bibliografia
  • Beverly Louise Brown, Paola Marini (a cura di), Jacopo Bassano (1510 ca. - 1592), Nuova Alfa Editoriale, Bologna - Padova 1992, p. 162
  • Stefano Zuffi, Episodi e personaggi del Vangelo, col. "Dizionari dell'Arte", Editore Mondadori-Electa , Milano 2002, p. 194 ISBN 9788843582594
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.