Monastero di Hohenbourg

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Monastero di Hohenbourg
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
Mont Sainte-Odile BW 6.JPG
Attuale monastero con la statua di Sant'Odilia benedicente l'Alsazia
Altra denominazione {{{AltraDenominazione}}}
Stato Francia
Regione Alsazia
Dipartimento {{{Provincia}}}
Comune Ottrott
Località {{{Località}}}
Diocesi
Religione Cattolica
Indirizzo {{{Indirizzo}}}
Telefono {{{Telefono}}}
Fax {{{Fax}}}
Posta elettronica [mailto: ]
Sito web [http:// Sito ufficiale]
Sito web 2
Proprietà {{{Proprietà}}}
Oggetto tipo Monastero
Oggetto qualificazione {{{Oggetto qualificazione}}}
Dedicazione
Vescovo {{{Vescovo}}}
Sigla Ordine qualificante O.F.S.
Sigla Ordine reggente O.F.S.
Fondatore {{{Fondatore}}}
Data fondazione {{{Data fondazione}}}
Architetto
Stile architettonico
Inizio della costruzione {{{InizioCostr}}}
Completamento XVIII secolo
Distruzione {{{Distruzione}}}
Soppressione {{{Soppressione}}}
Ripristino {{{Ripristino}}}
Scomparsa {{{Scomparsa}}}
Data di consacrazione 680
Consacrato da {{{ConsacratoDa}}}
Data di inaugurazione {{{AnnoInaugur}}}
Inaugurato da {{{InauguratoDa}}}
Strutture preesistenti {{{Strutture preesistenti}}}
Pianta {{{Pianta}}}
Tecnica costruttiva {{{Tecnica costruttiva}}}
Materiali {{{Materiali}}}
Data della scoperta {{{Data scoperta}}}
Nome scopritore {{{Nome scopritore}}}
Datazione scavi {{{Datazione scavi}}}
Scavi condotti da {{{Scavi condotti da}}}
Altezza Massima {{{AltezzaMassima}}}
Larghezza Massima {{{LarghezzaMassima}}}
Lunghezza Massima {{{LunghezzaMassima}}}
Profondità Massima {{{ProfonditàMassima}}}
Diametro Massimo {{{DiametroMassimo}}}
Altezza Navata {{{AltezzaNavata}}}
Larghezza Navata {{{LarghezzaNavata}}}
Altitudine {{{Altitudine}}}
Iscrizioni {{{Iscrizioni}}}
Marcatura {{{Marcatura}}}
Utilizzazione {{{Utilizzazione}}}
Note {{{Note}}}
Coordinate geografiche
48°26′13″N 7°24′12″E / 48.436944, 7.403333 bandiera Francia
Mappa di localizzazione New: Francia
Monastero di Hohenbourg
Monastero di Hohenbourg
Strasburgo
Strasburgo
Parigi
Parigi
Patrimonio UNESCO.png Patrimonio dell'umanità
{{{nome}}}
{{{nomeInglese}}}
[[Immagine:{{{immagine}}}|240px]]
Tipologia {{{tipologia}}}
Criterio {{{criterio}}}
Pericolo Bene non in pericolo
Anno [[{{{anno}}}]]
Scheda UNESCO
[[Immagine:{{{linkMappa}}}|300px]]
[[:Categoria:Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}|Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}]]

Il monastero di Hohenbourg (in latino Altitona, in celtico Altodunum) venne fondato nel 680 da Sant'Odilia di Hohenbourg.

La fondatrice fu sepolta nell'abbazia, e la sua tomba divenne meta di pellegrinaggi.

Dopo i primi due secoli di grande sviluppo, anche grazie a titolo di abbazia imperiale, conobbe una prima devastazione agli inizi del X secolo ad opera degli Ungheresi. Ricostruita, fu di nuovo distrutta da un incendio nel 1045, e poi ricostruita ancora per volere di Papa Leone IX. Nel 1115 fu di nuovo distrutta da Federico II duca di Svevia, per vendetta contro la famiglia Hohenbourg, acerrima nemica del duca.

Conobbe poi una formidabile fioritura a metà del XII secolo ad opera di due grandi badesse: Relinda († 1176) che introdusse la regola di Sant'Agostino, e colei che le successe, Heradda di Landsberg: quest'ultima chiamò i Chierici regolari Premostratensi di Etival come amministratori dell'abbazia, e fondò una nuova abbazia a Truttenhausen nel 1185.

Probabilmente la posizione strategica dell'abbazia e il fatto di essere attorniata da una folta foresta fecero sì che il convento sia stato vittima di una impressionante catena di incendi. I più devastanti furono negli anni 1200, 1224, 1243, 1277, 1301, 1365, 1400 e 1473. Nel 1546 fu di nuovo distrutta completamente da un incendio che segnò la fine della vita monacale femminile.

I padri Premostratensi ricostruirono un convento maschile tra il 1649 e il 1650: esso bruciò nel 1681 e fu nuovamente ricostruito[1].

Durante la rivoluzione francese l'abbazia fu venduta come bene nazionale, e dopo vari passaggi di mano il Vescovo di Strasburgo la riacquistò a metà del XIX secolo. Vennero riaperte due cappelle; venne costruita una struttura di accoglienza per i pellegrini e fu affidata alle terziarie francescane.

Nel 1988 venne visitata da Papa Giovanni Paolo II.

Note
  1. Nel 1658 l'Alsazia era divenuta francese.
Voci correlate
Fonti

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.