Pietà con santi ed angeli (Annibale Carracci)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Parma GalNaz A.Carracci Pietà+santi 1585.jpg
Annibale Carracci, Pietà con santa Chiara d'Assisi, san Francesco d'Assisi, san Giovanni evangelista, santa Maria Maddalena ed angeli (1585), olio su tela
Opera d'arte
Stato

bandiera Italia

Regione Stemma Emilia Romagna
Regione ecclesiastica Emilia
Provincia Parma
Comune

Parma

Località
Diocesi Parma
Parrocchia o Ente ecclesiastico
Ubicazione specifica Galleria Nazionale di Parma
Uso liturgico nessuno
Comune di provenienza Parma
Luogo di provenienza Chiesa di Santa Maria del Tempio, altare maggiore
Oggetto pala d'altare
Soggetto Pietà con santa Chiara d'Assisi, san Francesco d'Assisi, san Giovanni evangelista, santa Maria Maddalena ed angeli
Datazione 1585
Datazione
Datazione Fine del {{{fine del}}}
inizio del {{{inizio del}}}
Ambito culturale Scuola emiliana
Autore

Annibale Carracci

Altre attribuzioni
Materia e tecnica olio su tela
Misure h. 373,8 cm; l. 239,7 cm
Iscrizioni
Stemmi, Punzoni, Marchi
Note
Opera datata
Collegamenti esterni

La Pietà con santa Chiara d'Assisi, san Francesco d'Assisi, san Giovanni evangelista, santa Maria Maddalena ed angeli è una pala d'altare, eseguita nel 1585, ad olio su tela, da Annibale Carracci (1560 - 1609), proveniente dalla Chiesa di Santa Maria del Tempio a Parma ed attualmente conservata nella Galleria Nazionale della medesima città.

Descrizione

Soggetto

La scena si svolge davanti ad un paesaggio naturale, dove compaiono:

  • nel registro inferiore:
  • nel registro superiore:
    • Angeli discendono da uno squarcio del cielo, portando la croce (simbolo della vittoria di Cristo sul peccato e la morte), e il vessillo bianco che ne annuncia la sua imminente la resurrezione.

Note stilistiche, iconografiche ed iconologiche

  • La figura della Madonna si rifà al Compianto su Gesù Cristo morto,[1] eseguita nel 1530 da Correggio per la Cappella del Bono nella Chiesa di San Giovanni Evangelista - attualmente anche questo dipinto è conservato nella Galleria parmigiana - mentre gli angeli sono un preciso richiamo al turbinio di figure, nuvole e vapori luminosi che affollano l’Assunzione di Maria (1526 - 1528), realizzata sempre da Correggio nella cupola del Duomo di Parma.[2] I riferimenti a Correggio sono così evidenti da rendere verosimile l'ipotesi che il dipinto sia stato eseguito direttamente a Parma, sotto il diretto influsso del pittore rinascimentale.
  • Nell'opera Annibale Carracci realizza una composizione di grande intensità drammatica che si rivela particolarmente funzionale ad esprimere i nuovi contenuti morali dettati dalla Riforma cattolica. Infatti, solo tre anni prima, proprio a Bologna, il cardinale Gabriele Paleotti (15221597) aveva pubblicato il Discorso sulle immagini sacre e profane: il pittore mostra di averne recepito le indicazioni, adottando un linguaggio suggestivo e fortemente coinvolgente, capace di trasmettere le più complesse dottrine di fede in modo semplice e diretto, per esortare la devozione dei fedeli.
  • La pala sviluppa tante idee contenute nel Battesimo di Gesù Cristo (1583 - 1585) per la Chiesa dei SS. Gregorio e Siro di Bologna, ma sembra di avvertire in essa un intimo contrasto, che emergerà nel tempo, tra il fascino della lezione correggesca, di cui si è già detto, e le reali inclinazioni del Carracci che vanno verso un comporre nitido e netto e verso una sostanziale idea di armonia e compostezza solenne che in Correggio, in realtà, non troviamo. Infatti, già in questa opera si avverte l'urgenza di nuovi modelli figurativi che verranno sviluppati più avanti, come per esempio si nota nelle figure di san Giovanni ed della Maddalena, divise dalla magistrale idea del braccio della Madonna posato sulla pietra del sarcofago da cui, come da un ambone, l'Apostolo sembra sporgersi come in una sorta di predica silenziosa eppure vibrante. Si intravede una poetica degli affetti dietro la imponenza della composizione piramidale in cui il supremo nitore dell'artista appare come compromesso. Si comprende come, in quel momento e in questo dipinto, si stesse verificando una svolta che sarebbe stata effettivamente determinante per i destini della scuola carraccesca in sé e per la pittura in generale.

Iscrizione

Nel dipinto figura un'iscrizione collocata sulla pietra del sepolcro, sotto la mano destra di Gesù Cristo, dove si legge la datazione dell'opera:[3]

« 1585 »

Notizie storico-critiche

La pala venne realizzata da Annibale Carracci per l'altare maggiore della Chiesa di Santa Maria del Tempio[4] a Parma, affidata ai Frati Cappuccini.

L'opera è una delle prime prove di Annibale Carracci fuori Bologna e la sua realizzazione è forse legata alla famiglia Farnese, che avrà un ruolo fondamentale nella successiva vicenda artistica del pittore. Infatti, furono proprio i Farnese a promuovere l'insediamento a Parma dell'Ordine dei Frati Minori Cappuccini, cui, dal duca Ottavio Farnese (1524 - 1586), nel 1575, fu assegnata la chiesa, oggi sconsacrata, di Santa Maria Maddalena, della quale aveva finanziato anche i lavori di ristrutturazione.

Nel 1799, durante le soppressioni napoleoniche, la pala fu confiscata dai francesi e portata a Parigi. Rientrò a Parma solo nel 1815 e l'anno seguente venne collocata nella Galleria.

Note
  1. Scheda dell'opera nel Catalogo della Fondazione "Federico Zeri"
  2. Ibidem
  3. La data riapparve durante il restauro effettuato in occasione della mostra sui Carracci, tenutasi a Bologna nel 1956.
  4. La chiesa, ora sconsacrata, era detta anche Santa Maria della Pace o Santa Maria Maddalena.
Bibliografia
  • Daniele Benati, E. Riccomini, Annibale Carracci, Editore Electa, Milano 2007, pp. 174 - 175
  • Emma Muracchioli, Il Barocco in Italia: Tiepolo, Caravaggio Bernini: il paradiso della forma e del colore, col. "La Bellezza di Dio. L'Arte ispirata dal Cristianesimo", Editore San Paolo, Palazzolo sull'Oglio (BS) 2003, pp. 29, 31
  • G. Pozzi, P. Prodi, I Cappuccini in Emilia-Romagna. Storia di una presenza, Editore EDB, Bologna 2002, pp. 410 - 434
  • Lucia Fornari Schianchi (a cura di), Galleria Nazionale di Parma. Catalogo delle opere del Cinquecento e iconografia farnesiana, Editore Franco Maria Ricci, Milano 1998 ISBN 9788821609350
  • Claudio Strinati, Annibale Carracci, col. "Art Dossier", Editore Giunti, Firenze 2001, pp. 15 - 16 ISBN 9788809020511
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.