Fedele

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Fedeli)
Jump to navigation Jump to search
Con il battesimo si diventa fedele

Per fedele si designa il discepolo di Cristo, colui che ha fede in lui (At 10,45 ; 2Cor 6,15 ; Ef 1,1 ).

Esso corrisponde al termine latino christifidelis, "fedele di Cristo", che, nel linguaggio della Chiesa indica i battezzati, indipendentemente dalla loro condizione di laici, vita consacrata o ministri ordinati.

Nella Bibbia

Il credente può essere fedele a Dio perché ha ricevuto l'annuncio della sua fedeltà. Nell'Antico Testamento Dio si rivela come il Dio fedele, che non manca alla fedeltà promessa a Israele. Nel Nuovo, poi, il Padre invia il Figlio, che è la Parola definitiva della fedeltà di Dio.

Nel Nuovo Testamento l'aggettivo fedele include certamente le virtù umane di lealtà e di buona fede che i cristiani devono praticare (Fil 4,8 ), ma designa anche e soprattutto la fedeltà a Dio, di cui Cristo esige fortemente l'osservanza (Mt 23,23 ), e che caratterizza coloro che sono mossi dallo Spirito Santo (Gal 5,22 ). Essa deve apparire nelle minute circostanze dell'esistenza (Lc 16,10-12 ), e dominare tutta la vita sociale.

Così fedeli sono in modo tutto particolare gli apostoli, intendenti dei misteri di Dio (1Cor 4,1-2 ; Lc 12,42 ).

Essere fedele significa vivere l'amore; la fedeltà è la prova dell'amore autentico. Gesù insiste su questo punto:

« Rimanete nel mio amore. Se osservate i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. »

La fedeltà dei discepoli di Cristo sarà messa a dura prova negli ultimi tempi: i santi dovranno esercitare una grande costanza (Ap 13,10;14,12 ), la cui grazia viene loro dal sangue dell'Agnello (Ap 7,14;12,11 ).

Nel Codice di Diritto Canonico

Nel Codice di Diritto Canonico i fedeli sono coloro che, essendo stati incorporati a Cristo mediante il battesimo, sono costituiti popolo di Dio e perciò, sono resi partecipi nel modo loro proprio dell'ufficio sacerdotale, profetico e regale di Cristo.

Essi sono chiamati ad attuare, secondo la condizione giuridica di ciascuno, la missione che Dio ha affidato alla Chiesa da compiere nel mondo[1].

Note
  1. Cfr. Codice di Diritto Canonico, Libro II, (Il popolo di Dio), Parte I (I fedeli), Cann. 204-329
Bibliografia
Voci correlate