San Giacomo Chastan

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
San Giacomo Chastan, M.E.P.
Presbitero · Martire
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Santo

SanGiacomoChastan.jpg

San Giacomo Chastan
'
Titolo
Età alla morte 35 anni
Nascita Marcoux
7 ottobre 1803
Morte Sai-Nam-Hte
21 settembre 1839
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale 23 dicembre 1826
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione 25 luglio 1925, da Pio XI
Canonizzazione 6 maggio 1984, da Giovanni Paolo II
Ricorrenza 21 settembre
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 21 settembre, n. 14:
« Presso Sai-Nam-Hte in Corea, passione dei santi martiri Lorenzo Imbert, vescovo, Pietro Maubant e Giacomo Chastan, sacerdoti della Società per le Missioni Estere di Parigi, che per salvare la vita di altri cristiani si consegnarono ai soldati e furono trafitti con la spada. »

San Giacomo Chastan (Jacques-Honoré) (Marcoux, 7 ottobre 1803; † Sai-Nam-Hte, 21 settembre 1839) è stato un presbitero, missionario e martire francese, appartenente alla Società per le Missioni Estere di Parigi.

Vita

Nacque il 7 ottobre del 1803 a Marcoux in Francia primo di otto figlio di una famiglia contadina.

Fece i suoi studi da prima a Digione, per poi entrare nel seminario di Embrun nel 1820. Tornato a Digione vi terminò gli studi nel 1822.

Nel 1823 entrò nel grande seminario, e fu ordinato sacerdote il 23 dicembre del 1826.

Volendo farsi missionario per l'Estremo Oriente, su sua richiesta, fu accolto nel seminario delle Missioni Estere di Parigi dove entrò il 13 gennaio del 1827, dopo pochi mesi di preparazione partì da Marsiglia per la Cina. Quindici mesi dopo era a Macao e poi a Shanghai dove giunse nel febbraio del 1834.

Ebbe molte difficoltà a raggiungere la sua meta finale la Corea. Il 15 gennaio 1837 raggiunse Seul. Qui studiò ed apprese la lingua locale e iniziò la usa opera di evangelizzazione presso i coreani.

L'anno seguente il vescovo Imbert raggiunse pure lui la penisola e nominò Padre Chastan, responsabile delle provincie coreane del sud, mentre quelle dell'est furono affidate al compagno Padre Maubant.

Le conversioni si moltiplicano nella popolazione coreana cosa che non sfuggì alle autorità provocando una nuova persecuzione, molti cristiani furono arrestati. Il 10 agosto del 1839 fu catturato su delazione il vicario apostolico vescovo Imbert e su sua richiesta anche gli atri due missionari si consegnarono alle autorità.

I tre furono imprigionati e torturati per ottenere i nomi dei convertiti coreani al cristianesimo, non riuscendo ad ottenere nulla furono decapitati il 21 settembre del 1839 nella località di Sai-Nam-Hte.

Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.