San José Sánchez del Río

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Santo José Sánchez del Río
Laico · Martire
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Santo

José Sanchez Del Rio.jpg

{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte 14 anni
Nascita Sahuayo
28 marzo 1913
Morte Sahuayo
10 febbraio 1928
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da
Venerabile il [[]]
Beatificazione 20 novembre 2005, da Benedetto XVI
Canonizzazione 16 ottobre 2016, da Francesco
Ricorrenza 10 febbraio
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it

Santo José Sánchez del Río (Sahuayo, 28 marzo 1913; † Sahuayo, 10 febbraio 1928) è stato un martire e laico messicano. Giovane ausiliario cristero, catturato dai governativi messicani, subì il martirio in "odio alla fede" per non aver rinnegato la fede cattolica.

Biografia

José Sánchez del Río nacque il 28 marzo 1913 a Sahuayo (Messico). Durante la sua adolescenza, a partire dal 1926, il presidente messicano Calles emanò diversi provvedimenti anticattolici, approvati dalla borghesia liberale e massonica ma che furono osteggiati da larga parte del popolo, dando vita alla cosiddetta Guerra Cristera.

José si trasferì con la sua famiglia a Guadalajara dove frequentò la scuola elementare della parrocchia. Partecipò alla vita della parrocchia e si distinse per la sua devozione alla Santissima Vergine Maria. Quando stava per compiere 14 anni seguì l'esempio dei suoi due fratelli, e si unì ai rivoltosi cristeros, vincendo infine l'iniziale opposizione della madre. Gli furono affidati i compiti di trombettiere e portabandiera. Per la sua giovane età era soprannominato Tarcisio, in ricordo del giovane martire romano che fu ucciso per aver difeso l'ostia consacrata.

Partecipò allo scontro di Cotija, il 6 febbraio 1928, come portabandiera dello stendardo della vergine, simbolo dei rivoltosi. Venne catturato dalle truppe governative e fu rinchiuso nel presbiterio della parrocchia di Santiago Apostol, nel suo paese Sahuayo, dove la chiesa era stata profanata dai soldati e ridotta a stalla e pollaio. Per rabbia José uccise qualche pollo e questo gli attirò le vessazioni dei soldati.

Subì una dolorosa tortura alle piante dei piedi, nel tentativo inutile di convincerlo a rinnegare la fede cattolica, quindi la sera del 10 febbraio 1928 fu ucciso con un proiettile nel locale cimitero. Le sue ultime parole, indirizzate al padre lontano, furono: "Ci vedremo in cielo. Viva Cristo re! Viva la Vergine di Guadalupe!" (Nos veremos en el cielo. ¡Viva Cristo Rey! ¡Viva la Virgen de Guadalupe!).

Culto

È stato beatificato da papa Benedetto XVI il 20 novembre 2005 assieme a dodici altri martiri messicani:[1] Anacleto González Flores e 8 Compagni (José Dionisio Luis Padilla Gómez, Jorge Ramón Vargas González, Ramón Vicente Vargas González, José Luciano Ezequiel Huerta Gutiérrez, J. Salvador Huerta Gutiérrez, Miguel Gómez Loza, Luis Magaña Servín e José Sánchez del Río), José Trinidad Rangel, Andrés Solá Molist, Leonardo Pérez, Darío Acosta Zurita[2].

Il 21 gennaio 2016 papa Francesco ha firmato il decreto sul miracolo necessario per la canonizzazione, proclamata il 16 ottobre 2016.

Cinema

Con tratti in parte romanzati, la sua storia e il suo martirio sono raffigurati nel film Cristiada (2011), dove è interpretato dall'attore messicano Mauricio Kuri.

Note
  1. (ES) Homilía del Card. José Saraiva Martins durante la Santa Misa de Beatificación de 13 mártires mexicanos (Guadalajara, 20 de noviembre 2005), n. 6, online
  2. Nuovi Beati del 2005: Beatificazione, 20 novembre 2005, Guadalajara sito della Santa sede online
Voci correlate
Collegamenti esterni
  • "José Sanchez Del Rio, martire a 14 anni nella rivolta dei cristeros", 23 gennaio 2016, articolo su Radio Vaticana, online
  • Le biografie di José Anacleto González Flores e otto Compagni, tra i quali José Sánchez, dal sito vatican.va online

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.