Sant'Enrico Morse

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Sant'Enrico Morse, S.J.
Presbitero · Martire
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo Henry
Santo
Martire

39320B.JPG

{{{motto}}}
Titolo
Incarichi attuali
sacerdote
Età alla morte 50 anni
Nascita Brome, Inghilterra
1595
Morte Tyburn, Londra
1º febbraio 1645
Sepoltura
Appartenenza Gesuiti
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[]]
Professione religiosa 1623
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale 1624
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione 15 dicembre 1929, da Pio XI
Canonizzazione 25 ottobre 1970, da Paolo VI
Ricorrenza 1º febbraio
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 1º febbraio, n. 14:
« A Londra in Inghilterra, sant'Enrico Morse, sacerdote della Compagnia di Gesù e martire: catturato a più riprese e scacciato per due volte in esilio, sotto il re Carlo I fu infine gettato in carcere a causa del suo sacerdozio e, dopo avervi celebrato la Messa, fu impiccato a Tyburn e rese lo spirito a Dio. »

Sant'Enrico Morse, al secolo Henry (Brome, Inghilterra, 1595; † Tyburn, Londra, 1º febbraio 1645) è stato un religioso, presbitero e martire inglese della Compagnia di Gesù.

Vita

Nacque a Brome nel Suffolk nel 1595, sesto dei nove figli di Roberth, proprietario terriero anglicano proveniente da Tivetshall St Mary nel Norfolk, e di Margaret Collinson. Perse il padre nel 1612 ereditando una rendita annuale.

Nel giugno del 1614 Henry sul continente intraprese gli studi ecclesiastici, ma dovette interromperli per tornare in patria, dove fu incarcerato a Newgate e condannato all'esilio.

Nell'agosto del 1618 fece ritorno a Douai ed in dicembre entrò nel collegio inglese di Roma. Nel 1620 fu ordinato diacono, ma non vi è traccia della sua ordinazione al sacerdozio. A settembre da Douai fu inviato in missione in patria e immediatamente venne arrestato e incarcerato nel castello di York, li fu compagno di prigionia del gesuita John Robinson. Siccome già a Roma aveva espresso il desiderio di entrare a far parte della Compagnia di Gesù, d’accordo con i suoi superiori dedicò i tre anni trascorsi in prigione a compiere il noviziato gesuita, al termine del quale poté emettere i voti semplici. Fu esiliato nelle Fiandre, ove esercitò il suo ministero come cappellano dei mercenari cattolici inglesi ingaggiati al fianco dell'armada spagnola. Nel maggio 1624 era sicuramente già sacerdote.

Sul finire del 1633 tornò in Inghilterra con il falso nome di Cutberto Claxton, portando avanti la sua missione a Londra. Tra il 1636 ed il 1637 un’epidemia di peste colpì il paese ed Henry, pur fra gravi rischi per la sua salute, non mancò di portare aiuto e conforto ai più bisognosi.

Nel 1641 fu di nuovo esiliato e tornò a servire i soldati nelle Fiandre, ma due anni dopo ritornò nuovamente in Inghilterra e per diciotto mesi operò nel nord del paese.

Nuovamente arrestato ai confini del Cumberland, riuscì a fuggire con l'aiuto della moglie cattolica di colui che l’aveva catturato. Dopo circa sei settimane fu però nuovamente catturato ed imprigionato, fu condotto nella prigione di Durham e poi trasferito a Londra per ricevere la condanna a morte per essersi dichiarato sacerdote cattolico. Henry Morse fu infine giustiziato per impiccagione il 1° febbraio 1645 presso Tyburn.

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.