Santa Caterina Fieschi Adorno da Genova

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Santa Caterina Fieschi Adorno)
Santa Caterina Fieschi Adorno da Genova
Laica
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Santa
Vedova e Mistica

Santa Caterina Fieschi Adorno-dipinto Giovanni Agostino Ratti.jpg

Giovanni Agostino Ratti, Santa Caterina Fieschi Adorno da Genova (XVIII secolo), olio su tela
{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte 63 anni
Nascita Genova
5 aprile 1447
Morte ivi
15 settembre 1510
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerata da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione 6 aprile 1675
Canonizzazione 23 aprile 1737
Ricorrenza 15 settembre
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrona di
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 15 settembre, n. 11:
« A Genova, santa Caterina Fieschi, vedova, insigne per il disprezzo del mondo, i frequenti digiuni, l'amore per Dio e la carità verso i bisognosi e gli infermi. »

Santa Caterina Fieschi Adorno da Genova (Genova, 5 aprile 1447; † ivi, 15 settembre 1510) è stata una laica e mistica italiana, vedova del principe Giuliano Adorno. Il 16 giugno 1737 è stata proclamata Santa da Papa Clemente XII; è conosciuta anche con il titolo di Dottoressa del Purgatorio, per essere stata l'autrice del Trattato del Purgatorio.

Biografia

Caterina faceva parte del nobile casato dei Fieschi: il padre era Giacomo Fieschi, patrizio genovese, nipote di Papa Innocenzo IV e Viceré di Napoli per breve tempo; la madre si chiamava Francesca di Negro. Venne educata secondo i parametri della nobiltà del tempo, studiando non solo i classi latini e greci ma anche Dante, Petrarca e Jacopone da Todi, oltre ai trattatisti religiosi del tempo.

Il 13 gennaio 1463 Caterina sposò il Principe Giuliano Adorno, del casato degli Adorno, acquisendo così il cognome del marito. La famiglia di Caterina aveva lottato a lungo con gli Adorno per il predominio sulla città, e le due fazioni erano pervenute ad una tregua proprio tramite questo matrimonio di convenienza tra Caterina e il giovane principe.

La coppia non ebbe figli e poco si sa di questi primi anni; di certo non fu una famiglia esemplare ma il frutto di un matrimonio di comodo. Dopo aver trascorso i primi dieci anni conducendo una vita spensierata e mondana, Caterina giunse improvvisamente ad una conversione religiosa, testimoniata ufficialmente, con la sua visione mistica del 24 marzo 1473. Alla sua conversione fece subito seguito quella del marito: essi cambiarono completamente vita e andarono ad abitare in una modesta casa nel pressi dell'ospedale di Pammatone. Il marito entrò nel Terz'Ordine Francescano.

La vita mistica di Caterina fu molto intensa e incentrata sul rapporto con Cristo;ne resta a testimonianza il Dialogo spirituale. Nel più famoso Trattato del Purgatorio, con parole semplici cercò di spiegare la sofferenza delle anime purganti, che le avvicina gradualmente a Dio, ma procura loro anche una grande gioia, nell'essere sicure della salvezza. Il Signore le concesse di provare ella stessa, in un'esperienza mistica, ciò che vivono le anime in Purgatorio. La sua vita e i suoi insegnamenti furono studiati dal barone Friedrich von Hügel nell'opera The Mystical Element of Religion (1908)[1].

Accanto a questa vita spirituale Caterina visse una intensa attività di servizio verso i più poveri ed ammalati. Madonna Caterinetta, come la chiamavano, andava lei e nettava le miserie e le brutture di detti infermi e poveri, con puzze quasi intollerabili et trovava anche quelli che dicevano parole terribili di disperazione. Divenne direttrice dell'ospedale, fatto molto raro per le donne del tempo. Fu vera fonte di ispirazione per il movimento di clero e di laici protesi ad una riforma radicale della vita cristiana e al rinnovamento della Chiesa cattolica del tempo. Durante queste attività si ammalò anche lei di peste, che colpì la città dal 1493, malattia da cui guarì.

Per opera di uno dei suoi discepoli più stretti, Ettore Vernazza, sorse a Genova il cosiddetto Ridotto, ovvero il primo ricovero per malati gravi e incurabili.

Morì il 15 settembre 1510 e venne sepolta a Genova, nella chiesa della Santissima Annunziata di Portoria.

Pensiero

Nel suo insegnamento spirituale Caterina evidenziò la lotta all'amor proprio; per la Santa, Dio deve essere amato per sé stesso, non per quanto lo temiamo o per quanto da lui riceviamo: il fine, nella vita spirituale, è arrivare ad amare Dio completamente.

Per raggiungere questo scopo è indispensabile spogliarsi dell'amor proprio, in quanto può impadronirsi del cuore e della mente dell'uomo diventando il vero motore del proprio pensare ed agire. In questo modo si esclude Dio dal proprio orizzonte di valori guida.

Per purificare l'io cresciuto troppo a scapito del Divino, Dio stesso permette che abbiamo, in questa vita e nel Purgatorio, le sofferenze.

Culto

Beatificata il 6 aprile del 1675, è stata canonizzata il 23 aprile 1737.

La sua memoria liturgica si celebra 15 settembre (la Diocesi di Genova ne celebra il culto il 12 settembre).

Note
  1. (EN) Oxford Dictionary of the Christian Church (Università di Oxford Press 2005 ISBN 978-0-19-280290-3), articolo Catherine, St., of Genoa
Bibliografia
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.