Serafino Morazzone

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Venerabile Serafino Morazzone
Presbitero
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Venerabile

Don Serafino Morazzone.jpg

{{{didascalia}}}
'
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte 75 anni


Nascita Milano
1º febbraio 1747
Morte Chiuso
13 aprile 1822
Sepoltura
Appartenenza Arcidiocesi di Milano
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale 9 maggio 1773
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il 17 dicembre 2007, da Benedetto XVI
Beatificazione [[]]
Canonizzazione [[]]
Ricorrenza 13 aprile
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it

Il Venerabile Serafino Morazzone (Milano, 1º febbraio 1747; † Chiuso, 13 aprile 1822) è stato un presbitero italiano.

Biografia

Parroco di Chiuso[1] dal 1733 al 1822, fu confessore di Alessandro Manzoni, probabilmente fino al 1818, anno in cui la famiglia di Manzoni vendette la villa del Caleotto, ove soggiornava[2]. Alla sua morte, Manzoni lo descrisse con toni commossi nel romanzo Fermo e Lucia[3]:

« Era pio in tutti i suoi pensieri, in tutte le sue parole, in tutte le sue opere: l'amore fervente di Dio e degli uomini era il suo sentimento abituale; la sua cura continua di fare il suo dovere e la sua idea del dovere era tutto il bene possibile. »

La citazione esplicita del nome del venerabile, creava un evidente anacronismo rispetto all'ambientazione seicentesca della storia narrata, interpretato dai commentatori come dovuto all'affetto e all'ammirazione dello scrittore verso questo religioso[4]. Nell'edizione definitiva de I promessi sposi il Manzoni toglierà l'accenno esplicito del nome.

Morazzone fu sepolto a Lecco, nella chiesa dedicata a San Giovanni, nella contrada di Chiusa Visconti del rione di Chiuso di cui era stato parroco.

Canonizzazione

Attualmente è in corso la sua causa di beatificazione[5], in passato sollecitata dal cardinale Schuster, che lo aveva definito "novello curato d'Ars"[6].

A questo proposito, è al vaglio della Congregazione per le Cause dei Santi la guarigione di un bambino appena nato, soprendentemente liberato da una malformazione congenita[7].

Note
  1. Rione di Lecco, che ne I promessi sposi viene indicato come "il paese del sarto".
  2. Cfr. U. Colombo, p. 81.
  3. Cfr G. Bognetti, 1977, p. 161.
  4. Cfr. note all'edizione del 2002 di Fermo e Lucia.
  5. La pagina su Serafino Morazzone da Martiri e santi
  6. Cfr. I Biffi, 2007.
  7. Avvenire, 13 aprile 2008 su chiesadimilano.it ()
Bibliografia
  • Gian Piero Bognetti, Manzoni giovane, Guida Editori, Napoli, 1977.
  • Alessandro Manzoni, Fermo e Lucia, note critiche di Salvatore S. Nigro, Ermanno Paccagnini, Mondadori, 2002.
  • Umberto Colombo, "Fermo e Lucia", il primo romanzo del Manzoni: atti XIII Congresso nazionale studi manzoniani, Lecco, 1986.
  • Inos Biffi (a cura di), Prete Serafino Morazone, Glossa ed., Milano, 2007.
  • Alessandro Pronzato, Don Serafino Morazzone Amico di Dio e di tutti, Gribaudi editore, 2009.
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.