Giovanni Volpi

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Giovanni Volpi
Stemma vescovo.png
Vescovo
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo
ERRORE in "fase canonizz"

Volpi.jpg

Giovanni Volpi
'
Titolo
Età alla morte 71 anni
Nascita Lucca
27 gennaio 1860
Morte Roma
19 giugno 1931
Sepoltura
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale Lucca, 3 giugno 1882 da mons. Nicola Ghilardi
Appartenenza Arcidiocesi di Lucca
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 15 agosto 1897 da Leone XIII
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile Lucca, 5 settembre 1897 da mons. Nicola Ghilardi
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Arcivescovo dal 3 luglio 1919
Patriarca dal
Arcieparca dal {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
Giovanni Volpi (Lucca, 27 gennaio 1860; † Roma, 19 giugno 1931) è stato un arcivescovo italiano, della Diocesi di Arezzo. Fu direttore spirituale, tra le altre persone, di Santa Gemma Galgani e della beata Elena Guerra.

Biografia

La formazione e il ministero sacerdotale

Giovanni Volpi nacque in una famiglia agiata e di elevata posizione sociale. Rimasto orfano fu affidato alla cura dei nonni materni. Nel 1876 iniziò la sua preparazione alla vita ecclesiastica e, dopo gli studi nel seminario di Lucca, fu ordinato sacerdote il 3 giugno 1882.

Nel medesimo anno fu incaricato dell'insegnamento di Storia ecclesiastica nel locale Seminario; altri incarichi si aggiunsero, anche a livello diocesano, come quello di segretario alla Visita pastorale, insieme ad altri impegni personali come quello della direzione spirituale e l’organizzazione della scuola serale Matteo Civitali, a favore dei figli di artigiani, in massima parte sostenuta con il suo patrimonio familiare.

Intensa la sua attività anche a favore delle opere sociali della chiesa lucchese, con un'accentuazione fin da allora antimurriana.

Nonostante i gravosi impegni istituzionali era assiduo al confessionale. Era molto ricercato per la guida e la direzione spirituale. Nel caso della direzione di Gemma Galgani ebbe perplessità ed esitazioni di giudizio, per questo chiese anche consiglio a padre Germano Ruoppolo. Il passionista cercò di rassicurare monsignor Volpi della sincerità ed equilibrio della giovane mistica. Suggestionato anche da alcuni ecclesiastici, prevenuti contro la giovane, forte anche del parere negativo del dottor Pfanner, il prelato non sciolse mai in modo chiaro i suoi dubbi e le sue perplessità. Ciò fu origine di un amaro conflitto attorno alla giovane stimmatizzata che non si risolse mai compiutamente. Solo molti anni dopo, in occasione dei processi di canonizzazione, il vescovo ammise di essere stato troppo dubbioso e che davvero la Galgani era "un'anima privilegiata".

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Gemma Galgani.

Il ministero episcopale

A soli trentasette anni (1897) fu eletto da Leone XIII come vescovo ausiliare di Lucca. Vi rimase, accanto all'arcivescovo Nicola Ghilardi (7 marzo 1827 - 20 luglio 1904), fino alla nomina a vescovo di Arezzo, fatta da Pio X il 14 novembre 1904.

L'ingresso in Arezzo avvenne il giorno 8 settembre 1905. Sin dai primi anni si fece viva un’opposizione laicista, già radicata in città e provincia, forse per notizie venute da Lucca, e che lo seguirà per tutto il periodo di permanenza nella diocesi.

La sua attività pastorale fu intensa. Nel 1906 iniziò la prima Visita pastorale che lo tenne impegnato per tre anni e che aveva preparato con un interessante questionario inviato a tutte le parrocchie; si preoccupò della riorganizzazione del Seminario; seguì e fece sorgere organizzazioni di laici cattolici, anche a carattere sociale. Per tutto il periodo del suo episcopato in Arezzo continuò nell’impegno pastorale con visite costanti in diocesi, con omelie su temi di attualità, con lettere pastorali anche tradotte in francese, con predicazioni fatte da lui stesso o delegate ad altri, specialmente in vista di una solida formazione eucaristica del clero e dei laici.

Ebbe continui contatti con Pio X e con la sua segreteria, di cui seguiva obbedientissimo le disposizioni. Trovò forti contrasti, in parte dovuti al suo modo di agire, sia all’interno della chiesa sia da parte di elementi anticlericali. In particolare fu contrastato il suo atteggiamento verso coloro che ritenne "modernisti" e, da parte dei laicisti, il suo atteggiamento durante la guerra, chiamato da "austriacante"; vari sacerdoti ebbero a soffrire per la sua severità e alcuni di loro furono riabilitati dal successore e posti in uffici di responsabilità.

Furono le opposizioni manifestatesi nell’ambiente aretino che spinsero il papa Benedetto XV ad inviare un Visitatore apostolico e poi a decidere per la sua rimozione dalla diocesi (27 aprile 1919).

Volpi partì da Arezzo il 3 luglio del 1919. Si trasferì in seguito a Roma ove continuò la propria attività anche con incarichi offertigli dal papa Pio XI come arcivescovo titolare di Antiochia di Pisidia e canonico della basilica di Santa Maria Maggiore. Fu apprezzato confessore e consigliere spirituale.

Dopo la sua morte, per opera di sacerdoti aretini e di persone che ne avevano seguito gli indirizzi spirituali, fu iniziato il processo di beatificazione, che non è stato portato a compimento.

Le sue spoglie, dal 2003, riposano nel santuario di Santa Gemma Galgani in Lucca.

Successione degli incarichi

Predecessore: Vescovo titolare di Dionisiade Successore: Stemma vescovo.png
Thomas-Marie Gentili 15 agosto 1897 - 14 novembre 1904 Ambroise Alphonse de Wachter I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Thomas-Marie Gentili {{{data}}} Ambroise Alphonse de Wachter
Predecessore: Vescovo di Arezzo Successore: Stemma vescovo.png
Donnino Donnini 14 novembre 1904 - 3 luglio 1919 Emanuele Mignone I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Donnino Donnini {{{data}}} Emanuele Mignone
Predecessore: Arcivescovo titolare di Antiochia di Pisidia Successore: Stemma arcivescovo.png
Charles-François Turinaz 3 luglio 1919 - 19 giugno 1931 Gustavo Matteoni I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Charles-François Turinaz {{{data}}} Gustavo Matteoni
Bibliografia
  • M.A. Conforti (pseud. di Carlotta Albergotti), Un vescovo santo: Mons. Giovanni Volpi, Torino, Berruti, 1936
  • Alfonso Cenni, Il vescovo del Sacro Cuore, Mons. Giovanni Volpi, Lucca, 1962
  • A. Tafi, Il servo di Dio Mons. Giovanni Volpi, Arezzo, 1981
  • Silvano Pieri, Monsignor Giovanni Volpi, vescovo di Arezzo tra modernismo e nazionalismo, in Protagonisti del novecento aretino, a cura di L. Berti, Firenze, Olschki, 2004
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.