Arcidiocesi di Lucca

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

Arcidiocesi di Lucca
Archidioecesis Lucensis
Chiesa latina

Duomo di Lucca.jpg
arcivescovo Benvenuto Italo Castellani
Sede Lucca

sede vacante
Lucca

Sede immediatamente soggetta alla Santa Sede
Regione ecclesiastica Toscana
Nazione bandiera Italia
diocesi suffraganee
{{{suffraganee}}}
coadiutore
vicario
provicario
generale
ausiliari

Arcivescovi emeriti:

Bruno Tommasi
Parrocchie 362
Sacerdoti

229 di cui 209 secolari e 20 regolari
1.361 battezzati per sacerdote

34 religiosi 298 religiose 19 diaconi
317.152 abitanti in 1.520 km²
311.800 battezzati (98,3% del totale)
Eretta I secolo
Rito romano
cattedrale {{{cattedrale}}}
Santi patroni
Via Arcivescovato 45, 55100 Lucca, Italia
tel. +39058343091 fax. 0583.430.930 @

Sito ufficiale

Dati dall'annuario pontificio 2011 riferiti al 2010
Chiesa cattolica in Italia
Tutte le diocesi della Chiesa cattolica

L'arcidiocesi di Lucca (in latino: Archidioecesis Lucensis) è una sede della Chiesa cattolica immediatamente soggetta alla Santa Sede appartenente alla regione ecclesiastica Toscana. Nel 2010 contava 311.800 battezzati su 317.152 abitanti. È attualmente retta dall'arcivescovo Benvenuto Italo Castellani.

Territorio

L'arcidiocesi comprende la provincia di Lucca, con le eccezioni di parte del comune di Altopascio (di cui comprende solo la frazione di Badia Pozzeveri) e Montecarlo che appartengono alla diocesi di Pescia e Barga, Forte dei Marmi, Pietrasanta, Seravezza e parte di Stazzema, che appartengono all'arcidiocesi di Pisa.

Sede arcivescovile è la città di Lucca, dove si trova la cattedrale di san Martino.

Il territorio è suddiviso in 362 parrocchie, raggruppate in 11 zone pastorali.

Storia

La diocesi di Lucca fu eretta nel I secolo. Già originariamente era immediatamente soggetta alla Santa Sede.

Nel 683 fu consacrata una nuova chiesa dedicata a san Frediano, eretta su un'altra più antica dedicata ai santi martiri Lorenzo, Vincenzo e Stefano. Nello stesso anno la chiesa fu affidata ai monaci guidati dall'abate Babbino. Verrà poi ricostruita nel XII secolo e consacrata da papa Eugenio III.

Nel 1070 fu consacrata l'odierna cattedrale.

Nel 1120 papa Callisto II concesse ai vescovi di Lucca l'uso del pallio, del pileolo o zucchetto rosso (a quel tempo insegna cardinalizia) e della croce astile metropolitica.

Un altro privilegio singolare era l'incendio della stoppa al Gloria durante la Messa pontificale.

Nel 1387 l'imperatore Carlo IV concesse ai vescovi di Lucca il diritto di conferire lauree in utroque iure, filosofia e medicina, di nominare notai e cavalieri e di legittimare i bastardi.

I vescovi di Lucca godevano dei titoli di principe del Sacro Romano Impero, conte palatino, conte di Diecimo, Piazza e Sala di Garfagnana.

L'11 settembre 1726 è stata elevata al rango di arcidiocesi.

Il 5 settembre 1992 l'arcidiocesi si è estesa al vicariato della Garfagnana, che era appartenuto alla diocesi di Massa Carrara-Pontremoli.

Cronotassi dei vescovi

Personalità legate alla diocesi

Statistiche

L'arcidiocesi al termine dell'anno 2010 su una popolazione di 317.152 persone contava 311.800 battezzati, corrispondenti al 98,3% del totale.

Fonti
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.