Pietro Bembo

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Pietro Bembo, O.S.Io.Hieros.
Scanner D749.jpg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"

Pietro Bembo by Cranach the Younger.png

Lucas Cranach il Giovane, Ritratto di Pietro Bembo (1530 ca.)
'
Titolo cardinalizio
Età alla morte 76 anni
Nascita Venezia
20 maggio 1470
Morte Roma
18 gennaio 1547
Sepoltura
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale 1539
Appartenenza
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Consacrazione
Consacrazione [[ ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Arcivescovo dal
Patriarca dal
Arcieparca dal {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
19 marzo 1539 da Paolo III (20 dicembre 1538 in pectore) (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Pietro Bembo (Venezia, 20 maggio 1470; † Roma, 18 gennaio 1547) è stato un cardinale, letterato e storico italiano.

Cenni biografici

Nacque a Venezia il 20 maggio 1470, figlio del patrizio veneziano Bernardo Bembo, e di Elena Marcello.

Crebbe i primi anni di vita a Firenze dove il padre era ambasciatore. Il padre era grande estimatore del toscano e gli impartì l'educazione primaria in questa lingua. Dal 1492 al 1494 studiò greco a Messina presso il famoso filosofo e umanista bizantino Costantino Lascaris[1]. Tornato a Venezia seguì i corsi di filosofia di Pietro Pomponazzi[2] tenuti a Padova. In quella università Pietro Bembo si laureò. Dal 1497 al 1499 fece ulteriori studi alla corte di Ferrara, che allora i D'Este avevano trasformato in un importante centro letterario e musicale.

Il suo esordio letterario fu il dialogo latino De Aetna ad Angelum Gabrielem liber, pubblicato a Venezia nel 1495, dove raccontò del suo soggiorno siciliano e della sua ascensione sull'Etna. Fu molto stimato dal grande editore Aldo Manuzio[3], per cui lavorò alla messa in stampa di varie opere dell'antichità sia greche che latine. Nel 1498 fu a Ferrara dove amò, forse riamato, Lucrezia Borgia[4]. Dopo vari tentativi di ricevere incarichi diplomatici dalla Serenissima, sempre rifiutati, decise di intraprendere la carriera ecclesiastica.

Prima di raggiungere Roma visse alla corte di Urbino dal 1506 al 1511, divenendo figura intellettuale di spicco e dove ebbe modo di conoscere Raffaello Sanzio. Nel 1512 raggiunse la città eterna con il suo amico Giuliano de 'Medici fratello del futuro papa Leone X. L'anno successivo fu nominato dal neoeletto papa segretario dei Brevi, cioè epistolografo, ovviamente in latino, assieme a Jacopo Sadoleto. In quegli anni riuscì a consolidare, con l'acquisto di vari benefici ecclesiastici, la sua indipendenza economica. Nel 1517 entrò in possesso della commenda di Bologna, assegnatagli fin dal 1508, e da Leone X ottenne in commenda anche l'abbazia benedettina di san Pietro di Villanova a Vicenza, e importanti, ma nominali, benefici dell'Ordine gerosolimitano in Ungheria, potendosi fregiarsi del titolo di priore d'Ungheria. Pur cercando di ottenere dei benefici ecclesiastici, sempre evitò in questi anni di professare i voti religiosi, avvalendosi di sanatorie e proroghe che la prassi d'allora consentiva.

Dopo anni frustranti trascorsi a Roma, nella primavera del 1518 si ammalò gravemente e per oltre quattro mesi fu inabile all'ufficio. Si riprese ma non del tutto. L'anno dopo a fine aprile chiese licenza di andare a Venezia per motivi di salute e famigliari. Durante il viaggio fu avvertito delle gravi condizione del padre, ma giunse a Venezia a funerale avvenuto. Bembo si trasferì poi fra Venezia e Padova, dove portò a termine la composizione delle Prose, soprattutto del terzo libro sulla grammatica. L'opera, offerta nel 1524 al nuovo papa Clemente VII, nel settembre 1525 fu pubblicata a Venezia riscuotendo immediato successo.

Il 6 dicembre 1522 dovette, per poter conservare i suoi benefici ecclesiastici, prendere gli ordini minori e vestire l'abito dell'Ordine gerosolimitano. Era in malafede quanto al voto di castità, egli infatti viveva con Ambrogina Faustina della Torre chiamata Morosina. Si stabilì con lei a Padova dove il loro legame, benché non ostentato, certo non era segreto. Il Bembo, più che cinquantenne, nonostante i voti appena pronunciati ebbe da lei tre figli: Lucilio nel novembre del 1523, Torquato il 10 maggio 1525 e Elena, in cui rinnovò il nome della madre sua, il 30 giugno 1528. La sua casa a Padova divenne il centro di un circolo letterario e il Bembo vi raccolse una vasta biblioteca e un museo ricco di medaglie e reperti antichi.

Negli anni che seguirono Bembo si dedicò a rivedere sia gli Asolani sia le Rime, opere delle quali nel 1530 uscirono le seconde edizioni. Nello stesso anno venne nominato storiografo della Repubblica di Venezia. Nel 1535 perse prematuramente il primogenito e poco tempo dopo morì anche Moroscina. Nel 1536 pubblicò e dedicò al nuovo papa Paolo III la raccolta dei brevi ciceroniani scritti per Leone X.

Fu creato cardinale nel concistoro del 20 dicembre 1538 riservato in pectore e pubblicato nel concistoro del 19 marzo 1539. Ricevette la berretta rossa il 24 ottobre 1539 e il 10 novembre il titolo di san Ciriaco alle Terme. In quello stesso anno fu ordinato sacerdote.

Dal 29 luglio 1541 fino al 18 febbraio 1544 fu nominato amministratore apostolico della diocesi di Gubbio. Il 15 febbraio 1542 optò per il titolo di san Crisogono. Del 18 febbraio 1544 fu amministratore della diocesi di Bergamo, incarico che tenne fino alla sua morte. A Bergamo, non potendo egli provvedere di persona, ottenne il 18 luglio di quell'anno di poter mandare, come suo coadiutore, mons. Vittore Soranzo. Il 17 ottobre assunse il titolo cardinalizio di san Clemente. In poco più di due anni, a Roma, compì l'impresa di volgarizzare la sua storia di Venezia. Certo non risulta che desse alcun segno di stanchezza e di declino intellettuale fino all'ultima malattia che lo prostrò nel gennaio del 1547.

Morì il 18 gennaio 1547, nel palazzo del marchese Baldassani a Campo Marzo. Fu sepolto nella chiesa di santa Maria sopra Minerva accanto alla tomba di papa Leone X.

Opere

Manoscritto di Pietro Bembo

Come scrittore latino Bembo fu uno dei più eminenti rappresentanti dei ciceroniani, gruppo che si prefiggeva la restaurazione di uno stile ispirato alla classicità romana, contrassegnato dall'imitazione dei due modelli principali della lingua latina (trasportati anche in quella volgare): Cicerone per la prosa e Virgilio per la poesia.

Fu anche l'iniziatore del Petrarchismo, proponendo lo stile del poeta come esempio di purezza lirica e come modello assoluto. Su questa indicazione la poesia dell'epoca prenderà esempi e imitazione dalle rime petrarchesche.

Tra i suoi scritti in latino spiccano soprattutto:

  • De Aetna ad Angelum Gabrielem liber da Aldo Manuzio, Venezia 1495
  • Epistolae (Leonis X. nomine scriptae, 16 volumi, Venezia 1535; Familiares, 6 volumi)
  • Rerum veneticarum libri XII (Storia della Repubblica Veneta dal 1487 al 1513, Venezia 1551)
  • Historia veneta scritta dal 1487 al 1513; pubblicata nel 1551, poi tradotta dallo stesso in italiano (Istoria Viniziana)
  • Carmina (Venezia 1533), dove si pone nella tradizione del Dolce stil novo e di Petrarca

I più importanti dei suoi scritti in volgare sono:

Nel 1501 Bembo curò l'edizione del Canzoniere del Petrarca e nel 1502 quella delle Terze Rime (Divina Commedia) di Dante, in stretta collaborazione con l'editore Aldo Manuzio. Per la prima volta due autori in lingua volgare divennero oggetto di studi filologici, fino ad allora riservati esclusivamente ai classici antichi. Entrambe le edizioni costituiscono le basi di tutte le edizioni successive per almeno tre secoli.

Nel De Aetna, stampato da Manuzio nel 1496, venne usato per la prima volta il carattere tipografico successivamente chiamato Bembo che è rimasto uno standard per tutta la storia della tipografia fino ai nostri giorni. Sua anche l'epigrafe della tomba di Raffaello Sanzio.


Predecessore: Cardinale diacono pro illa vice di San Ciriaco alle Terme Diocleziane Successore: CardinalCoA PioM.svg
Girolamo Aleandro 10 novembre 1539 - 15 febbraio 1542 Pomponio Cecci I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Girolamo Aleandro {{{data}}} Pomponio Cecci
Predecessore: Amministratore apostolico di Gubbio Successore: CardinalCoA PioM.svg
Federico Fregóso 19 luglio 1541 - 18 febbraio 1544 Marcello Cervini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Federico Fregóso {{{data}}} Marcello Cervini
Predecessore: Cardinale presbitero di San Crisogono Successore: CardinalCoA PioM.svg
Girolamo Aleandro 18 febbraio 1544 - 18 gennaio 1547 Uberto Gambara I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Girolamo Aleandro {{{data}}} Uberto Gambara
Predecessore: Amministratore apostolico di Bergamo Successore: CardinalCoA PioM.svg
Pietro Lippomano 19 luglio 1541 - 18 febbraio 1544 Vittore Soranzo I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Pietro Lippomano {{{data}}} Vittore Soranzo
Predecessore: Cardinale presbitero di San Clemente Successore: CardinalCoA PioM.svg
Rodolfo Pio de Carpi 17 ottobre 1544 - 18 gennaio 1547 Juan Álvarez y Alva de Toledo I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Rodolfo Pio de Carpi {{{data}}} Juan Álvarez y Alva de Toledo
Note
  1. Treccani Enciclopedia on line. Làscaris, Costantino. Cenni biografici
  2. Treccani Enciclopedia on line. Pomponazzi, Pietro. Cenni biografici
  3. Aldo Pio Manuzio, Aldus Pius Manutius (Bassiano, 1449 – Venezia, 6 febbraio 1515) È ritenuto il maggior tipografo del suo tempo e il primo editore in senso moderno. Introdusse numerose innovazioni destinate a segnare la storia della tipografia fino ai nostri giorni.
  4. Treccani Enciclopedie on line. Bòrgia, Lucrezia. Cenni biografici
Bibliografia
  • Mirko Tavoni Enciclopedia dell'Italiano, 2010 online
  • Carlo Dionisotti Dizionario Biografico degli Italiani, Vol. 8, 1966 online
  • Lorenzo Cardella Memorie storiche de' cardinali della Santa Romana Chiesa. Roma : Stamperia Pagliarini, 1793, vol. 4, p. 227 ss. online

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.