Jacopo Sadoleto

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Jacopo Sadoleto
Sadoleto Coat of Arms.JPG
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"

Ritratti624.jpg

'
Titolo cardinalizio
Età alla morte 67 anni
Nascita Modena
12 luglio 1477
Morte Roma
18 ottobre 1547
Sepoltura
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale 1511
Appartenenza
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Consacrazione
Consacrazione 4 marzo 1520 dal Cardinal Nicolò Fieschi
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Arcivescovo dal
Patriarca dal
Arcieparca dal {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
Creazione
a Cardinale
22 dicembre 1526 da Paolo III (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Jacopo Sadoleto (Modena, 12 luglio 1477; † Roma, 18 ottobre 1547) è stato un cardinale, vescovo e umanista italiano.

Cenni biografici

Nacque a Modena il 12 luglio 1477 da Giovanni Sadoleto, professore di diritto civile a Ferrara, e da Francesca nata Machiavelli.

Il padre lo indirizzò verso gli studi giuridici ma il giovane si sentiva più portato per lo studio delle lettere e della filosofia. Portatosi presso l'università di Ferrara, dove fu allievo dell'umanista, medico e naturalista Nicolò Leoniceno. Qui ebbe modo di conoscere Pietro Bembo, la cui comunanza di gusti letterari e di uffici ecclesiastici portarono a una salda amicizia. Dopo il 1999 fu a Roma, dove si perfezionò in greco alla scuola di Scipione Forteguerri e compì la propria formazione morale e religiosa sotto la protezione del cardinal Oliviero Carafa. Dal 1503 fu canonico del capitolo di san Lorenzo in Damaso. In quegli anni partecipò alle attività archeologiche promosse dal papa a Roma. In questo ambito fu partecipe del ritrovamento, nei giardini di Tito, della scultura in marmo del Laocoonte, descritta da Plinio. In occasione del ritrovamento compose la sua prima opera De Laocoontis statua. Insieme a Pietro Bembo, futuro cardinale, fu nominato nel 1513 segretario del brevi di papa Leone X. Mansione che svolse, salvo durante il breve pontificato di papa Adriano VI, fino al 1627.

Fu eletto vescovo di Carpentras, diocesi ora soppressa vicino ad Avignone, nel 1517. Fu consacrata a Roma il 4 marzo 1520 dal cardinal Nicolò Fieschi. Ma Sadoleto in quegli anni rimase quasi sempre a Roma. Ricevette dispensa dal dovere di residenza e la diocesi fu governata tramite un vicario. Alla morte di papa Leone X si recò nella sua diocesi. Fu ben presto richiamato a Roma da papa Clemente VII, che lo volle come suo segretario. Il prelato accettò a condizione di essere in grado di tornare a Carpentras dopo tre anni. Il suo rientro in diocesi avvenne provvidenzialmente pochi giorni prima del sacco di Roma.

Fu creato cardinale nel concistoro del 22 dicembre 1536, ricevette il giorno seguente la berretta rossa e il 15 gennaio dell'anno seguente il titolo di cardinale presbitero di san Callisto. Il 7 gennaio del 1538 fu nominato, con altri otto cardinali,[1] in una commissione che avrebbe dovuto gettare le basi per un consiglio generale. Nel mese di aprile 1538 accompagnò Paolo III a Nizza dove si incontrarono con l'imperatore Carlo V e il re Francesco I di Francia.

Tornato nella sua sede nel 1539 tentò di riportare la diocesi di Ginevra al cattolicesimo. Questa città aveva appena esiliato i due pastori riformati Guillaume Farel e Calvino l'anno precedente. Saboleto con altri vescovi della regione, scrisse una lettera alle autorità locali offrendo il ritorno in seno alla Chiesa cattolica. La risposta di Calvino Responsio ad Saloleti epistolam fu più convincente agli occhi delle autorità ginevrine che lo richiamarono nel 1541 a guida della loro Chiesa riformata.

Fu richiamato a Roma nel 1545, nell'aprile di quell'anno optò per il titolo di santa Balbina e nel novembre dell'anno seguente optò per il titolo di san Pietro in Vincoli.

Fu amico dei cardinali Pietro Bembo, Federigo Fregoso, Gasparo Contarini, Reginald Pole, Giovanni Gerolamo Morone, del vescovo Gian Matteo Giberti e di Vittoria Colonna. Come mezzi per tenere unita la cristianità pericolante, propose la riforma della Chiesa e la dolcezza verso i dissidenti. Pur lasciando al papato intera supremazia sulle anime, sempre chiese che questa si esercitasse non con la violenza, bensì con la carità e la tranquilla dimostrazione del vero.

Morì il 18 ottobre 1547, nel suo appartamento romano di santa Maria in Trastevere.

Opere

Spirito armonico e profondamente religioso, seppe fondere nella sua vita esemplare, come nella sua attività letteraria, l'umanesimo e il cristianesimo. Scrisse carmi e poemetti, tra cui il De Laocoontis statua (1506); scrisse di filosofia De laudibus philosophiae, di pedagogia De liberis recte instituendis, di teologia Pauli epistolam ad Romanos[2], in cui svolgeva il motivo erasmiano del libero arbitrio. La prima edizione suscitò censure sia dalla Facoltà di Teologia dall'università di Parigi che dal maestro del sacro Palazzo Tommaso Badia, che ne evidenziarono tendenze pelagiane. Sulla scorta di queste critiche il Sadoleto provvide a rettificarne lo scritto per una nuova edizione.[3]

I suoi scritti ebbero una prima edizione a Mainz nel 1607, a Verona (1737-1738) con un edizione più completa in quattro volumi e a Roma nel 1759.


Predecessore: Vescovo di Carpentras Successore: CardinalCoA PioM.svg
Frédéric de Saluces 24 aprile 1517 - 18 ottobre 1547 Horace Capponi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Frédéric de Saluces {{{data}}} Horace Capponi
Predecessore: Cardinale presbitero di San Callisto Successore: CardinalCoA PioM.svg
Alfonso Manrique de Lara y Solís 15 gennaio 1537 - 11 maggio 1545 Sebastiano Antonio Pighini I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Alfonso Manrique de Lara y Solís {{{data}}} Sebastiano Antonio Pighini
Predecessore: Cardinale presbitero di Santa Balbina Successore: CardinalCoA PioM.svg
Pietro Paolo Parisio 11 maggio 1545 - 27 novembre 1545 Otto Truchseß von Waldburg I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Pietro Paolo Parisio {{{data}}} Otto Truchseß von Waldburg
Predecessore: Cardinale presbitero di San Pietro in Vincoli Successore: CardinalCoA PioM.svg
Albrecht von Brandenburg 27 novembre 1545 - 18 ottobre 1547 Jean du Bellay I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Albrecht von Brandenburg {{{data}}} Jean du Bellay
Note
  1. Gli altri cardinali erano Giovanni Domenico de Cupis, Lorenzo Campeggio, Giacomo Simonetta, Gasparo Contarini, Girolamo Ghinucci, Giovanni Pietro Carafa, Alessandro Cesarini e Reginald Pole.
  2. (LA) Testo online
  3. Giancarlo Pani Paolo, Agostino, Lutero: alle origini del mondo moderno pp. 68 s. online
Bibliografia
  • Angiolo Gambaro Enciclopedia Italiana Treccani (1936), online
  • Lorenzo Cardella Memorie storiche de' cardinali della Santa Romana Chiesa. Roma : Stamperia Pagliarini, 1793, vol. 4, p. 227 ss., online
  • (EN)New Schaff-Herzog Encyclopedia of Religious Knowledge. Vol. X, pp. 184, Biografia online

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.