Beata Vergine Maria di Loreto

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

Beata Vergine Maria di Loreto

80900.JPG
Saturnino Gatti, Trasporto della della Santa Casa a Loreto (fine XV - inizio XVI secolo; New York, Metropolitan Museum
Mistero celebrato Traslazione della Santa Casa di Nazaret
Memoria facoltativa
Periodo {{{periodo}}}
Data 10 dicembre
Data mobile {{{data mobile}}}

Data nel 2018: Errore nell'espressione: operatore < inatteso.
Data nel 2019: Errore nell'espressione: operatore < inatteso.
Data nel 2020: Errore nell'espressione: operatore < inatteso.

Note
{{{note}}}
Rito Romano
Tipologia {{{tipologiaRR}}}
Periodo
Data {{{dataRR}}}
Data {{{data mobileRR}}}
Data nel 2018: Errore nell'espressione: operatore < inatteso.

Data nel 2019: Errore nell'espressione: operatore < inatteso.
Data nel 2020: Errore nell'espressione: operatore < inatteso.

Rito Ambrosiano
Tipologia {{{tipologiaRA}}}
Periodo
Data {{{dataRA}}}
Data {{{data mobileRA}}}
Data nel 2018: Errore nell'espressione: operatore < inatteso.

Data nel 2019: Errore nell'espressione: operatore < inatteso.
Data nel 2020: Errore nell'espressione: operatore < inatteso.

Di precetto in {{{di precetto in}}}
Celebrata in
Celebrata a
Tradizioni religiose
Data d'istituzione
Chiamata anche
Feste correlate

Le notizie sull'antica e devota tradizione della traslazione della Santa Casa dalla Palestina a Loreto risalgono al 1296. Narra Pier Giorgio di Tolomei in una cronaca del 1465, desunta da una vecchia tabula consumata risalente al 1300 che l'eremita fra Paolo della Selva, è informato in una visione della presenza e dell'autenticità della casa, e ne avverte le autorità.

Papa Clemente V con una bolla del 18 luglio 1310 confermò indirettamente l'autenticità della Santa Casa, e i papi dei secoli successivi confermarono nuovamente la loro devozione alla Vergine Lauretana, specie in drammatiche circostanze.

Papa Giovanni Paolo II riferendosi alla Santa Casa di Loreto così si esprimeva:

« Quello Lauretano è un Santuario mirabile. In esso è inscritta la trentennale esperienza di condivisione, che Gesù fece con Maria e Giuseppe. Attraverso questo mistero umano e divino, nella casa di Nazaret è come inscritta la storia di tutti gli uomini, poiché ogni uomo è legato ad una "casa", dove nasce, lavora, riposa, incontra gli altri, e la storia di ogni uomo, è segnata in modo particolare da una casa: la casa della sua infanzia, dei suoi primi passi nella vita.

Ed è eloquente ed importante per tutti che quest'Uomo unico e singolare, che è il Figlio unigenito di Dio, abbia pure voluto legare la sua storia ad una casa, quella di Nazaret, che secondo il racconto evangelico ospitò Gesù di Nazaret lungo l'intero arco della sua infanzia, adolescenza e giovinezza, cioè della sua misteriosa maturazione umana. (..) La casa del Figlio dell'Uomo è dunque la casa universale di tutti i figli adottivi di Dio. La storia di ogni uomo, in un certo senso, passa attraverso quella casa. »

Attorno a questa reliquia papa Paolo II nel 1468 iniziò la costruzione del grandioso santuario che in breve diventò ed è, secondo una felice definizione di papa Giovanni Paolo II, "cuore mariano della cristianità".

Voci correlate
Collegamenti esterni

Santi beati e testimoni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.