Giulio Aleni

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Giulio Aleni o Alenis, S.J.
Presbitero
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"

Aleni bianco nero.jpg

'
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte 67 anni
Nascita Brescia
1582
Morte Yanping
10 giugno 1649
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale Roma, 1608 ca.
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni

Giulio Aleni o Alenis (Brescia, 1582; † Yanping, 10 giugno 1649) è stato un presbitero, missionario e matematico italiano. Conosciuto in Cina come Ai Ru-lue (艾儒略), fu soprannominato Confucio dell'Occidente. Discepolo di Matteo Ricci, adottò costumi e abitudini di vita cinesi e si impadronì con ampiezza della difficile lingua, scrivendo 29 opere, con le quali contribuì alla trasmissione della tradizione spirituale e delle conoscenze scientifiche europee in quel lontano paese.

Biografia

Fu battezzato nella parrocchia di santa Maria Calchera, il nome della madre era Francesca della nobile famiglia degli Ugoni. I registri parrocchiali sono andati perduti e non se ne conosce la data di nascita. Dopo gli studi primari avuti privatamente, a quindici anni proseguì gli studi superiori nel collegio di Sant'Antonio della sua città. Entrò nella Compagnia di Gesù come novizio a Novarella il 1 novembre 1600. Nel 1602 fu inviato dai suoi superiore a Parma per gli studi di filosofia. Nel 1605 si trasferì a Bologna dove studiò umanistica per due anni. Nel dicembre del 1607 fu a Roma per completare gli studi teologici, presso il Collegio Romano dove fu allievo di Cristoforo Clavio matematico e astronomo tedesco, noto soprattutto per il suo contributo alla definizione del calendario gregoriano. In quella città fu probabilmente ordinato sacerdote l'anno seguente.

Inviato missionario in Cina nel 1610, sbarcò a Macao, dove, attendendo di entrare nel paese, insegnò le matematiche e scrisse le sue osservazioni sull'eclissi di luna dell'8 novembre 1613. Penetrato finalmente nell'impero cinese nel 1613, fu il primo a evangelizzare lo Jiangxi.

Per molti anni Giulio Aleni studiò intensamente la lingua e la cultura della Cina condividendo le vicende, anche drammatiche, delle prime comunità cristiane fondate dai suoi confratelli gesuiti. Dal 1625, l'attività di padre Aleni si spostò verso una zona costiera dell'Impero cinese, nella provincia del Fujian. Riuscì così in breve tempo a fondarvi venti centri cattolici, contando annualmente da 800 a 900 battesimi.

Esilio e morte

Per la questione dei riti cinesi ebbe a soffrire l'esilio nel 1638. Riuscì però a rientrare il 14 giugno dell'anno seguente, richiamato dal nuovo governatore Ko las-Chan, suo amico, vi rimase fino alla conquista tatara. Padre Aleni fu nominato nel 1641 vice provinciale della Cina meridionale. Quando nel 1644 la dinastia Ming venne travolta, si riaccese più violenta la persecuzione. Grazie all'aiuto di molti amici cinesi nell'ottobre 1646 fuggì a Po Yang e in seguito trovò rifugio a Yanping. Qui vecchio e spossato da grave malnutrizione e malato, portò avanti il suo apostolato fino alla sua morte 10 giugno[1] 1649. La sua bara fu trasferita a Fuzhou dove fu inumato su di una collina che divenne in seguito il cimitero dei cattolici di quella città.

Opere

Mappamondo di padre Aleni

Le sue opere, comparse sotto il suo nome cinese di Ai Ju-lio in numero di 29, secondo il Cordier, furono pubblicate tutte in cinese, e sono tuttora ristampate. Un elogio dell'attività apostolica di padre Aleni, scritto nel 1641 da un sottoprefetto cinese Tso, è stato recentemente pubblicato dal Wieger.

È assai importante la traduzione della vita di Cristo di padre Jerónimo Nadal, dove vi compaiono riprodotte da incisori cinesi le incisioni dei Wierix. Altri suoi scritti sono di argomento geografico; fu il primo europeo che scrivesse in cinese un trattato di geografia universale; Aleni è pure autore di un noto mappamondo che riprende quello del confratello Matteo Ricci e si intitola Wan-kuo ch'uan-t'u, (Mappa completa di tutte le Nazioni), pubblicato intorno al 1620. È infine da ricordare l'importante biografia che egli scrisse del padre Matteo Ricci, del quale era stato discepolo.

Note
  1. Secondo altre fonti si indica la data del 3 agosto. Indicando come città della morte Fuzhou. Probabilmente in quella data fu trasportata la salma e li sepolto.
Bibliografia
  • Pietro Pirri, Dizionario Biografico degli Italiani - Volume 2 (1960) online
  • (EN) Claudia von Collani online

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.