Museo Diocesano di Benevento

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Museo Diocesano di Benevento
Benevento MuDi Amb.napoletano Mad.Misericordia XIV.jpg
Ambito napoletano, Madonna della Misericordia (XIV secolo), affresco
Categoria Musei diocesani
Stato bandiera Italia
Regione ecclesiastica Regione ecclesiastica Campania
Regione Stemma Campania
Provincia Benevento
Comune Benevento
Località o frazione {{{Località}}}
Diocesi Arcidiocesi di Benevento
Indirizzo Piazza Orsini, 27
82100 Benevento (BN)
Telefono +39 0824 323345
Fax
Posta elettronica beniculturali@diocesidibenevento.it
Sito web
Proprietà Arcidiocesi di Benevento
Tipologia arte sacra, archeologico
Contenuti Dipinti, grafica e disegni, lapidi, libri antichi a stampa, manoscritti, metalli, mosaici, paramenti sacri, reperti archeologici, sculture, suppellettile liturgica, tessuti
Servizi accoglienza al pubblico, biglietteria, organizzazione di eventi e mostre temporanee, visite guidate
Sistema museale di appartenenza Rete dei Musei del Sannio
Sede Museo 1° Cattedrale di Santa Maria de Episcopio, cripta
Datazione sede 1° VII secolo
Sede Museo 2° Palazzo Arcivescovile, alcune sale
Datazione sede 2°
Fondatori mons. Raffaele Calabrìa,
prof. Raffaello Causa
Data di fondazione 25 maggio 1981
Note
{{{Note}}}
Coordinate geografiche
<span class="geo-dms" title="Mappe, foto aeree ed altre informazioni per Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto. Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto.">Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto. Errore nell'espressione: operatore < inatteso.°Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: operatore < inatteso.Errore nell'espressione: carattere di punteggiatura "{" non riconosciuto. / {{{latitudine_d}}}, {{{longitudine_d}}} {{{{{sigla paese}}}}}

Il Museo Diocesano di Benevento, allestito nella cripta della Cattedrale di Santa Maria de Episcopio e in alcune sale del Palazzo Arcivescovile, è stato inaugurato il 25 maggio 1981, per volere dell'arcivescovo Raffaele Calabria (1962 - 1982) e del soprintendente ai Beni Storici e Artistici della Campania, prof. Raffaello Causa, con l'obiettivo di conservare, valorizzare e promuovere la conoscenza del patrimonio storico-artistico, proveniente dalla Cattedrale di Santa Maria de Episcopio e dal territorio diocesano.

Percorso espositivo e opere

L'itinerario museale si sviluppa due sezioni espositive, lungo il quale sono presentati reperti archeologici, opere e suppellettile liturgica, databili dall'epoca romana al XX secolo.

Sezione I - Cripta

Lo spazio museale, ricavato nella cripta, sottostante la Cattedrale, importante luogo di culto nella tarda antichità e nel periodo medievale, distrutto probabilmente dal sisma del 1456. Tale sito, così come si deduce dalle numerose testimonianze archeologiche e architettoniche attribuibili ad epoche differenti, è il risultato di vari interventi iniziati in epoca romana e terminati intorno al XIV secolo, con un processo formativo in buona parte autonomo rispetto a quello della Cattedrale. Attualmente la cripta consta di due navate allineate in senso trasversale rispetto all'abside, la cui fondazione in opus vittatum risale al V secolo, separate tra di loro da un notevole colonnato, realizzato con numerosi elementi di spoglio. Nel sito, ampiamente ristrutturato tra l'VIII ed il IX secolo, sono conservati i resti dell'antica Cattedrale più volte rimaneggiata nel corso dei secoli, quasi completamente distrutta dai bombardamenti del 1943 e ricostruita nel dopoguerra. Dell'impianto decorativo originario sono visibili:

  • Dipinti murali con Scene della vita di san Barbato (fine IX - inizio X secolo), affreschi, di ambito longobardo.
  • Dipinto murale con Madonna della Misericordia (XIV secolo), affresco, di ambito napoletano.
  • Resti di pavimento in opus sectile (XII secolo) ottenuto rimontando parti marmoree tardo romane ed utilizzando altri scomposti per formare al centro un rosone tipicamente medievale.

Inoltre, nella cripta sono esposti:

  • Lapide sepolcrale (V - VI secolo), che attesta il duplice ministero di lector et psalmista, affidato a una sola persona.
  • Lapide sepolcrale di Sthefa (VI secolo).
  • Cattedra episcopale di san Barbato (VII secolo), decorata con Pavoni affrontati che bevono alla coppa, rara opera in ferro fuso e battuto con resti di ageminatura in argento, di ambito arabo-longobardo.
  • Quattro gruppi di frammenti dei Carmi sepolcrali (IX secolo) dei principi longobardi Sicone, Radelchi, Radelgario e della principessa Caretruda, provenienti dalla facciata della Cattedrale, parzialmente distrutta dai bombardamenti del 1943.
  • Reliquiario a capsella, in rame dorato con incisioni di età longobarda
  • Frammenti pavimentali cosmateschi della Cattedrale romanica.
  • Frammenti del pulpito (1311), opera attribuita a Nicola da Monteforte, dal quale furono ricavati nel XVI secolo due amboni collocati originariamente ai piedi dell'arco trionfale della Cattedrale: questo presenta un'interessante impianto decorativo, nel quale si nota:
  • Lapidi commemorative e dedicatorie che documentano la storia della Chiesa beneventana, fra le quali emerge:
« Sei divenuto fortezza per il misero e sostegno per il povero nella sua angustia. »

Sezione II - Tesoro del Duomo

In alcune sale del Palazzo Arcivescovile è esposto il Tesoro del Duomo, ricco di paramenti sacri e suppellettile ecclesiastica. Di particolare interesse:

Galleria fotografica

Bibliografia
  • Erminia Giacomini Miari, Paola Mariani, Musei religiosi in Italia, Editore Touring, Milano 2005, pp. 45 - 46 ISBN 9788836536535
  • Touring Club Italiano (a cura di), Campania, col. "Guide Rosse", Editore Touring, Milano 2005, pp. 690 - 691 ISBN: 9770390107016
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.